Osservatorio TG

I vagiti dell’anticorruzione

anticorruzione

 Tg di mercoledì 25 marzo – Dopo una gestazione lunga più di 2 anni al Senato si comincia ad affrontare il ddl anticorruzione. L’elefante di Palazzo Madama si appresta a dare alla luce il prossimo mercoledì un provvedimento che vede nettamente contraria solo Forza Italia. Il Presidente Grasso, autore del testo originario, si rallegra e tutte le testate riportano con ampiezza la lieta novella che è accompagnata dai dati Ocse che ci raccontano come in Italia la percezione della corruzione sia forte per il 90% dei cittadini, contro una media europea del 60% , e mentre per gli Svedesi la corruzione sarebbe una illustra sconosciuta o quasi (15%). Come in un’alternanza tipicamente primaverile di temporali e squarci di sole, mentre ieri sulla prescrizione si era assistito al defilarsi dei centristi, oggi tutti nella maggioranza sembrano d’accordo, mentre anche i Cinque Stelle si preparano a contribuire a migliorare un provvedimento che comunque risulterebbe già apprezzabile. I Tg non spiegano il perché dei ritardi e non enfatizzano l’atteggiamento dei senatori del Movimento.
L’apertura per tutti è doverosamente dedicata al disastro dell’airbus nelle Alpi francesi, dove sono accorsi oggi i leader dei 3 paesi direttamente interessati: Spagna, Francia e Germania. Complessivamente vengono proposti servizi trasversalmente più che accettabili. Segnaliamo (ci capita raramente) quello buono e delicato di Studio Aperto che ci porta (come fanno peraltro le altre testate) nella cittadina tedesca colpita dalla morte dei 16 studenti dei 2 insegnanti di ritorno dalla settimana di scambio scolastico con un istituto della Catalogna. I ragazzi e le ragazze erano stati sorteggiati per partecipare al viaggio-premio. Nelle ore in cui il dolore appare reale e condiviso, le immagini riprese da tutti di Hollande, Merkel e Rahoy che uniti e attoniti visitano le montagne del disastro, danno il senso di una comunanza europea che in altre occasioni e diversi contesti appare latitante. Sull’inchiesta si rincorrono le ipotesi, nessuna delle quali risulta al momento più valida delle altre. I Tg Rai meritoriamente affrontano la questione delle aerolinee low-cost, smentendo i pregiudizi che vorrebbero per i voli a basso costo regole di sicurezza più attenuate.
La Confindustria segnala un + 0,2% del pil nel primo trimestre 2015 e buone prospettive per la ripresa dell’occupazione. Tutti riprendono i dati positivi, compreso un Tg5 che almeno sull’economia non segue a puntino le posizioni di Forza Italia (o, sarebbe meglio dire, della Forza Italia più arrembante). Rimanendo in area Mediaset, questa sera arriva il turno di Studio Aperto e Tg4 che, come ieri Tg5, magnificano oltre decenza giornalistica i risultati economici del gruppo nel 2014, affidandosi all’immancabile Pier Silvio Berlusconi.
L’indagine della Procura di Brescia che ha portato all’identificazione e agli arresti della cellula islamista operante tra Torino e l’Albania e dedita al proselitismo per l’Isis, è “alta” in molte scalette. Il caos nello Yemen, oramai oltre l’orlo del baratro per la guerriglia delle milizie sciite contro il governo sunnita al potere, apre un ulteriore scenario esplosivo nell’area, ma è presente solo su TgLa7 (titolo e ottimo servizio).
Tg2 propone quasi ogni sera un approfondimento che merita di essere apprezzato, anche perché non obbligatoriamente legato all’agenda-setting più scontata. E’ il caso di un interessante viaggio nella storia della Lega, dalla fine degli anni ’80 ad oggi, con le costanti di una litigiosità che ieri come oggi contraddistingue i rapporti tra i “veneti” e i “lumbard”, ma anche di un logo, “Lega Nord”, che è oramai il più anziano e stabile nel panorama politico-parlamentare.
Dati auditel dei TG di martedì 24 marzo 2015
Tg1 – ore 13:30 3.979.000, 23.30% ore 20:00 6.389.000, 24.27%.
Tg2 – ore 13:00 2.748.000, 17.53% ore 20:30 2.933.000, 10.32%.
Tg3 – ore 14:30 1.824.000, 11.62% ore 19:00 2.280.000, 11.66%.
Tg5 – ore 13:00 3.311.000, 20.92% ore 20:00 5.490.000, 20.55%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.952.000, 15.27% ore 18:30 1.283.000, 8.20%.
Tg4 – ore 11.30 545.000, 7.63% ore 18:55 1.041.000, 5.53%.
Tg La7 – ore 13:30 664.000, 3.89% ore 20:00 1.448.000, 5.46%.

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa