L'opinione

Il caso Borsellino: promoveatur ut amoveatur?

53

“Sin quando non si comprenderà che la mafia e le altre organizzazioni similari non sono qualcosa di immutabile e invincibile, regnerà sempre la rassegnazione allo strapotere mafioso e con essa la mancanza della volontà di cambiamento”.

La frase è una delle tante belle ed emblematiche che un inascoltato Giovanni Falcone andava pronunciando nei suoi discorsi più o meno ufficiali e nei suoi scritti giuridici, dei quali consiglio una attenta e rinnovabile lettura nella raccolta intitolata “La posta in gioco”. Essa mi sovviene nei giorni in cui apprendiamo con viva soddisfazione dell’incarico romano all’anticorruzione di Lucia Borsellino, figlia del grande Paolo che, insieme a Giovanni, sono tra gli eroi del nostro secolo.

I familiari dei due grandi magistrati hanno continuato e continuano nelle istituzioni e nella società civile la battaglia dei maestri dell’antimafia, mai parolai – come troppi oggi in circolazione, accanto ad un nugolo di indomabili servitori dello Stato in divisa e senza -, ma costruttori di strategie e strumenti senza dei quali la lotta al crimine organizzato sarebbe indubbiamente più difficile.

Ma la vicenda di Lucia Borsellino impone alcune riflessioni che, accanto a quella primaria e più evidente che ho sopra manifestato, non hanno la stessa intonazione positiva.

Ricordo in breve che la Borsellino era assessore alla Sanità della regione Sicilia, fino a circa un mese fa, quando si dimise in polemica col suo presidente e a seguito di una serie di pressioni, tra le quali alcune al vaglio della magistratura, frutto della cultura mafiosa spesso regnante nella sanità pubblica non solo siciliana, a dire il vero, ma che si insinua nei settori dell’economia pubblica e privata dove c’è da lucrare denaro e potere. La sanità è una di queste, e Lucia non accettava l’idea che si continuasse a ritenerla riserva di caccia per i soliti noti (perché in Sicilia finiscono per esserlo). Qualche giorno fa l’assegnazione della scorta alla stessa Borsellino ne costituisce palmare evidenza.

Ciò che stupisce è che il promoveatur – ribadisco, meritatissimo – di Lucia sembrerebbe aver posto fine a polemiche e a dietrologie (proprio come questa che, in maniera probabilmente infondata, il sottoscritto va adombrando). Invece credo non vada sottovalutato il sostanziale permanere dello status quo che ella voleva scardinare. Mi auguro, insieme a molti siciliani e connazionali, che chi rimane vorrà alzare ancora di più la guardia sul settore specifico, nella bella e tormentata Sicilia. In omaggio al pensiero di Falcone che apre queste mie modeste riflessioni.

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Il Governo “a senso unico” dei giochi. L’azzardo finanzia il Reddito di cittadinanza con 1,5 mld

"Siamo di fronte ad un governo dei giochi a senso unico: mentre l’obiettivo nobile “da campagna elettorale” è quello di contrastare il disturbo da gioco d’azzardo, il risultato concreto è quello di utilizzare il settore per esigenze di finanza, senza incidere realmente sulla lotta alla ludopatia”.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Innovazione

Lavoro e nuova “alienazione” ai tempi del web

Il destino del sindacato o, più correttamente, il futuro del lavoro nella digital society: su questi temi interroga il lettore, il saggio di Francesca Re David "Tempi (retro) moderni. Il lavoro nella fabbrica-rete".
di Massimiliano Cannata
Informazione

Gino Falleri “pietra miliare” del giornalismo. “Aveva sempre la parola giusta”. Il ricordo

Gino Falleri era considerato l’Highlander del giornalismo, il paladino dei Pubblicisti, per i quali ha combattuto lunghe battaglie. Il ricordo di Bruno Tucci, Roberto Natale e Gian Maria Fara.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Era Meglio Prima! Oppure no? Saggio breve contro i piagnucolosi e i brontoloni

Avete due ore di tempo? Che so: un pomeriggio di pioggia; un post-prandiale domenicale; un trasferimento in aereo o treno da riempire....
di Alberto Mattiacci
Politica

Vincoli di bilancio, investimenti al minimo storico ma gli “avanzi disponibili” ammontano a 5,3 mld

Nel 2017 gli investimenti degli Enti locali hanno toccato il minimo storico. Eppure, l'ammontare delle somme potenzialmente spendibili ha raggiunto i 5,3 mld di euro.
di redazione
Informazione

Lutto nel giornalismo. Oggi i funerali di Gino Falleri a Roma

Lutto nel mondo del giornalismo. Si celebrano martedì nella parrocchia di San Mattia, alle ore 15, i funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell'Ordine dei Giornalisti del Lazio, socio, fondatore e consigliere dell'Eurispes.
di redazione
Società

Festa del Papà: padri ottimisti, figli spaventati dal futuro. La ricerca

In occasione della Festa del Papà, l’Eurispes ha voluto focalizzare l’attenzione sull’opinione e la situazione degli uomini italiani rispetto ad alcuni aspetti della vita quotidiana.
di redazione
Economia

Politica industriale: la nuova Europa dei players globali secondo il Manifesto franco-tedesco

Francia e Germania, in occasione della presentazione del Manifesto franco-tedesco di politica industriale europea, hanno chiarito le posture dei due Paesi rispetto al futuro della concorrenza intra-Ue.
di Antonio De Chiara
Economia

La Cina è vicina. Belt and Road, la nuova Via della Seta è già realtà

Il Presidente della Repubblica Cinese viene in Italia a perfezionare la nuova Via della Seta, un’iniziativa strategica per il miglioramento dei collegamenti commerciali con i paesi nell’Eurasia. E all’improvviso c'è chi si è ricordato del porto di Palermo e del progetto dell’Eurispes.
di Alfonso Lo Sardo
Ambiente

Ambiente, l’emergenza clima non è una “moda”. I giovani ne sanno più degli adulti

La questione ambientale non è una moda e dopo il Global Climate Strike For Future, la protesta del 15 marzo, nessuno potrà più dire di non sapere. Con un totale di 2083 eventi, in 125 paesi, la protesta ha raggiunto ogni continente della Terra.
di Matteo Bruno Ricozzi