L'opinione

Il caso Borsellino: promoveatur ut amoveatur?

66

“Sin quando non si comprenderà che la mafia e le altre organizzazioni similari non sono qualcosa di immutabile e invincibile, regnerà sempre la rassegnazione allo strapotere mafioso e con essa la mancanza della volontà di cambiamento”.

La frase è una delle tante belle ed emblematiche che un inascoltato Giovanni Falcone andava pronunciando nei suoi discorsi più o meno ufficiali e nei suoi scritti giuridici, dei quali consiglio una attenta e rinnovabile lettura nella raccolta intitolata “La posta in gioco”. Essa mi sovviene nei giorni in cui apprendiamo con viva soddisfazione dell’incarico romano all’anticorruzione di Lucia Borsellino, figlia del grande Paolo che, insieme a Giovanni, sono tra gli eroi del nostro secolo.

I familiari dei due grandi magistrati hanno continuato e continuano nelle istituzioni e nella società civile la battaglia dei maestri dell’antimafia, mai parolai – come troppi oggi in circolazione, accanto ad un nugolo di indomabili servitori dello Stato in divisa e senza -, ma costruttori di strategie e strumenti senza dei quali la lotta al crimine organizzato sarebbe indubbiamente più difficile.

Ma la vicenda di Lucia Borsellino impone alcune riflessioni che, accanto a quella primaria e più evidente che ho sopra manifestato, non hanno la stessa intonazione positiva.

Ricordo in breve che la Borsellino era assessore alla Sanità della regione Sicilia, fino a circa un mese fa, quando si dimise in polemica col suo presidente e a seguito di una serie di pressioni, tra le quali alcune al vaglio della magistratura, frutto della cultura mafiosa spesso regnante nella sanità pubblica non solo siciliana, a dire il vero, ma che si insinua nei settori dell’economia pubblica e privata dove c’è da lucrare denaro e potere. La sanità è una di queste, e Lucia non accettava l’idea che si continuasse a ritenerla riserva di caccia per i soliti noti (perché in Sicilia finiscono per esserlo). Qualche giorno fa l’assegnazione della scorta alla stessa Borsellino ne costituisce palmare evidenza.

Ciò che stupisce è che il promoveatur – ribadisco, meritatissimo – di Lucia sembrerebbe aver posto fine a polemiche e a dietrologie (proprio come questa che, in maniera probabilmente infondata, il sottoscritto va adombrando). Invece credo non vada sottovalutato il sostanziale permanere dello status quo che ella voleva scardinare. Mi auguro, insieme a molti siciliani e connazionali, che chi rimane vorrà alzare ancora di più la guardia sul settore specifico, nella bella e tormentata Sicilia. In omaggio al pensiero di Falcone che apre queste mie modeste riflessioni.

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Esport, il gaming scoppia di salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia
Società

Fase 3. Il Sindaco di Latina, Damiano Coletta: “Le risorse stanziate dal Governo per i Comuni non basteranno”

«Le somme stanziate dal Governo per i aiutare i Comuni ad affrontare l’emergenza e la ripartenza non basteranno: le minori entrate legate ad una capacità fiscale ridotta andranno in qualche modo compensate». L'intervista al sindaco di Latina, Damiano Coletta.
di Valentina Renzopaoli