Il coronavirus è arrivato. Tg attenti ma non isterici. L’analisi

Il manifestarsi dei primi focolai di Coronavirus nel Nord Italia monopolizza da venerdì le edizioni di primetime, occupando più di metà delle scalette. Titolo unico per Tg4 e Tg La7, che aprono col medesimo annuncio: «Il virus è arrivato». Di fronte ad un’emergenza di cui non si può ancora prevedere la concreta portata, le testate operano per garantire report efficaci sulla situazione dei malati e delle operazioni di contenimento del contagio; diversi gli esperti consultati. In un quadro che offre notizie inevitabilmente allarmanti, i Tg si dimostrano attenti, ma non “isterici”, rilanciando i messaggi rassicuranti del Premier Conte e del Ministro Speranza, invitando la popolazione alla calma. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 17 al 21 febbraio.

Unica eccezione Tg4 che, nonostante la conduzione rinnovi gli inviti alla calma, scivola a metà edizione su un servizio particolarmente ansiogeno il quale – con sottofondo musicale inquietante – parla dei pericoli del contagio, dei limiti nelle azioni di controllo e del ruolo avuto da alcuni “superuntori” nel diffondere, inconsapevolmente, il virus. Diverso l’atteggiamento del Tg5, che nei suoi servizi ricorda ai telespettatori le opportune misure da prendere nel caso si sospetti il contagio: restare a casa, non andare in ospedale, chiamare un medico. Tg5, Tg3 e Tg1 si interessano, inoltre, dei fronti del contagio negli altri paesi, segnalando la situazione problematica in Iran e in Corea.

Renzi vs Maggioranza, scontro rimandato. Scuola: Tg4 intervista la ministra Azzolina
Le schermaglie tra la maggioranza e Matteo Renzi si impongono nella prima parte della settimana, collezionando 10 aperture, per attenuarsi giovedì con l’annuncio di un incontro chiarificatore tra il leader di Iv ed il Premier Conte. Tg La7 apre lunedì sul “paradosso” di uno scontro che vede il Governo sempre più in bilico, nonostante «tutti dichiarino di non volere la crisi»; martedì il primo titolo su diverse edizioni va al voto sul milleproroghe, seguito mercoledì dal nuovo affondo di Renzi, che con l’annuncio di una possibile sfiducia verso il ministro Bonafede, colleziona 5 aperture e la copertina del Tg5. Come nelle passate settimane, i Tg Rai cercano di non accentuare lo scontro, mentre le testate Mediaset rilanciano le spaccature nel Governo, anche attraverso il giudizio dei commentatori ospitati dal Tg4. Sempre la testata di News Mediaset propone giovedì un’interessante intervista alla ministra Azzolina, verso la quale era stata molto critica in passato, permettendole di illustrare la sua linea di intervento per la scuola e per lo sblocco dei concorsi per gli insegnanti, fermi da 2 anni.

Strage in Germania: matrice xenofoba. L’attenzione del primetime agli episodi di razzismo. Mattarella in visita alla Sinagoga di Roma
La strage xenofoba di Hanau, in Germania, spicca giovedì in apertura per Studio Aperto, Tg1, Tg La7 e Tg2. Nonostante l’orrore che nasce da questa vicenda, i Tg di serata non se ne fanno più di tanto influenzare, com’era accaduto per altre stragi “europee”. Ciò si deve, probabilmente, ad una mancanza di allarme dovuta alla matrice dell’attacco, che non viene dall’“esterno” (islamici, fondamentalisti), ma da “casa nostra” e, quindi, una matrice xenofoba che negli ultimi anni non rappresenta una novità e viene, erroneamente, considerata meno pericolosa. L’attenzione dei primetime verso gli ulteriori episodi di razzismo ed antisemitismo si mantiene comunque accettabile, con Tg2 che mercoledì apre su di un nuovo atto di vandalismo a Ravenna, per dedicare un reportage ai casi già denunciati nel torinese. Spazio anche per Studio Aperto, che venerdì titola su ulteriori episodi di questo genere, come le aggressioni ad un cingalese da parte di una baby-gang (servizi per tutti). Sempre venerdì, tutte le testate coprono la visita del Presidente della Repubblica Mattarella alla Sinagoga di Roma (titoli per i Tg Rai e Tg5), con Tg2 che parla di “momento storico”.

Libia, profughi e controllo dei porti: parole d’ordine “dimenticate”. Caso Zaky, Mentana prefigura sviluppi negativi
La situazione in Libia, con il progetto di una nuova missione europea per assicurare l’embargo sulle armi e mettere un freno al conflitto tra il Governo di Tripoli ed il generale Haftar, risulta sostanzialmente assente, e riceve titoli solo da parte del Tg3 e Tg La7. L’impressione che se ne ricava è che, in assenza delle parole gridate della politica, questo fronte sia uscito dalla priorità del primetime; il Tg4 affronta questo tema solo in presenza di Giorgia Meloni, la quale rivendica la bontà della sua proposta di un blocco navale – che sembra diretta a voler “imporre e difendere” le esportazioni del petrolio libico, più che la salute dei migranti. Buono il report del Tg3 di giovedì, che mostra ancora una volta la debolezza di una tregua di fatto inesistente.

Le manifestazioni in favore dello studente egiziano Patrick Zaky sono coperte lunedì dai Tg delle 20. Tg La7 dedica forte attenzione alla vicenda, registrando giovedì un probabile sviluppo negativo a seguito delle accuse di omosessualità rivolte allo studente, che in Egitto si identificano come un grave reato.

Ultime notizie
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità
insularità
Intervista

Il diritto costituzionale all’insularità: intervista al Prof. Tommaso Edoardo Frosini

Il professor Tommaso Edoardo Frosini, Ordinario di diritto pubblico comparato nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, evidenzia le attinenze tra diritto costituzionale all'insularità e uguaglianza, così come sancito dalla nostra Costituzione, e individua trasporti e digitale come i settori nei quali investire per le isole.
di redazione
insularità
medici
Sanità

Sanità a rischio, pesa la carenza di medici e l’assenza di chirurghi

Sanità a rischio: dalla carenza di medici all’assenza di chirurghi. Questo sarà il prossimo futuro senza una programmazione “a monte”, e l’aumento dei posti in Scuola di Specializzazione non è sufficiente a risolvere la carenza di personale medico.
di ROCCO LEGGIERI*
medici
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Diritto

L’algoritmo d’oro e la torre di Babele

“L’algoritmo d’oro e la torre di Babele” di Caterina e Giovanni Maria Flick è un saggio sugli effetti della tecnologia sulla nostra civiltà, con un invito alla conservazione dell’umano e alla sua conciliazione con il progresso tecnologico.
di Ilaria tirelli
l'algoritmo d'oro e la torre di babele
Istruzione

Scuola, più fondi e voglia di futuro: intervista a Ivana Calabrese

Nell’àmbito del Secondo Rapporto su Scuola e Università dell’Eurispes, dialoghiamo con Ivana Calabrese di Ashoka sul tema dell’Istruzione in Italia, ma innanzitutto sul futuro di una istituzione che passa attraverso docenti capaci e fondi per l’innovazione.
di Massimiliano Cannata
Fisco

La Riforma della riscossione, nuovi criteri per decongestionare i debiti non riscuotibili

La recente Riforma fiscale introduce il “discarico automatico” dei ruoli dopo 5 anni dall’affidamento. Lo scopo principale del provvedimento è risolvere il problema all’accumulo dei debiti fiscali in mancanza di cancellazione delle posizioni non più riscuotibili.
di giovambattista palumbo
insularità
Intervista

Insularità, cruciale la sentenza della Corte costituzionale: intervista al Prof. Gaetano Armao

A un anno dall’introduzione nell’art. 119 del principio di insularità, tracciamo un bilancio sui risultati e sulle lacune nell’intervista al Prof. Gaetano Armao. Sarà cruciale la prossima sentenza della Corte costituzionale rispetto a risorse e provvedimenti finora inefficaci e insufficienti.
di redazione
insularità