Il Coronavirus si batte “comprando il tempo”. “Anticipare le ferie estive e lavorare ad agosto”. La proposta choc

Quando una società si trova ad affrontare scenari inediti, o quanto meno “ritenuti” inediti, talvolta in soccorso viene la fantascienza.

La suggestione di un film del 2012 – per altro non un capolavoro – dal titolo In Time, i cui protagonisti per sopravvivere e conquistare una quasi-immortalità, devono “comprare il tempo” della loro vita, in qualche misura si attaglia ad un mondo globalizzato in lotta da un paio di mesi contro il Coronavirus.
Abbandonando la suggestione e scendendo nel “che fare” delle prossime settimane per arginare gli effetti di un contagio di per sé non letale, ma in grado di far saltare gli equilibri dei sistemi sanitari e di sconvolgere le nostre abitudini, si evidenzia comunque che “comprare il tempo” sarebbe la ricetta giusta per limitare i danni. In che senso? Vediamo.

  • La diffusione del contagio non preoccupa in sé, ma in quanto la percentuale di contagiati che necessitano di cure ospedaliere (terapia intensiva, rianimazione) – pur essendo assai limitata (5%?) – nel caso in cui il numeratore aumenta esponenzialmente, finisce con il generare numeri assoluti non gestibili dalle strutture sanitarie dei singoli paesi. Sarebbe auspicabile, dunque, non tanto azzerare i contagi (obiettivo impossibile da raggiungere), ma fare in modo di diluirli in un tempo più dilatato.
  • Quanto più i sistemi sanitari si mostrano attrezzati, tanto minore risulterà il numero dei decessi. Gli ospedali, dunque, devono poter lavorare “oltre l’emergenza”, e attrezzarsi a seguire l’andamento dell’epidemia nel medio periodo (6-12-18 mesi?). Si manifesta, dunque, l’esigenza di dotarsi di ulteriori unità di terapia intensiva e di un numero più elevato di operatori sanitari (infettivologi, internisti, pneumologi, assistenti sanitari). Per questo, anche iniziando immediatamente, “ci vuole tempo”.
  • “Il tempo” è poi una dimensione essenziale all’interno della quale il “virus” (qualsiasi virus) perde di “virulenza” (sostantivo che proprio da esso deriva) a causa dei miliardi di successive repliche e della creazione dell’“immunità di gregge”, legata alla sua progressiva colonizzazione di noi umani e/o di altri animali.
  • “Il tempo” è, inoltre, condeterminante nella lotta contro il Coronavirus anche dal punto di vista meteorologico. Più si procede verso la buona stagione, con conseguente innalzamento delle temperature, minore sarà, probabilmente, l’incidenza dei contagi, più facilmente “respinti” da organismi in migliore salute.Ma come si fa a guadagnare, a “comprare” tempo e, conseguentemente, a diluire l’avanzare dei contagi? Quarantene, zone rosse, categorie di cittadini invitati a restare a casa, diluizione dei rapporti sociali: questi gli strumenti al momento (e provvisoriamente) attuati che, certo, hanno ridotto l’ampliarsi del contagio, ma non come nelle migliori aspettative.
    Così, a soli 15 giorni dalla scoperta del primo “contagiato” in Italia, il Coronavirus ha toccato più di 2.500 concittadini e, vista la progressione degli ultimi giorni, con ogni probabilità non si fermerà molto presto. In alcuni ospedali lombardi si manifestano le prime saturazioni dei reparti in grado di curare i pazienti più seri. Se i volumi raddoppieranno, triplicheranno e, non si voglia, decuplicheranno, il Sistema sanitario nazionale andrà in tilt.
    È questo il rischio reale. Non è a rischio la vita di milioni di italiani, ma quella di alcune centinaia (o migliaia) di cittadini più severamente colpiti e/o con patologie pregresse. È responsabilità di tutti assicurare a questi cittadini il massimo delle cure. Per far questo, dobbiamo ridurre ora il numero dei nuovi contagiati. Dobbiamo “acquistare tempo”.
    Le azioni per ridurre le occasioni di contagio hanno già stravolto la vita di tutti i cittadini delle zone rosse, e poi anche di quelli delle zone arancione. È realistico ritenere che stravolgerà la vita di tutti gli italiani. È bene metterlo in conto, per non essere travolti da una prospettiva che non ci deve terrorizzare, bensì responsabilizzare. Non rimanendo contagiati noi, non rischiamo di passare il contagio ai più deboli di noi.
    La politica, le Istituzioni, il buon senso collettivo devono armarsi di rigore e di realismo, evitando che ci venga “imposto” quello che sarebbe meglio programmare e accettare, certo non di buon grado, ma almeno come “male minore”. Se vogliamo “comprare tempo”, dobbiamo farlo ora, superando l’inerzia legata a tradizioni, a routine del tutto legittime, che però dobbiamo mostrarci in grado noi di modificare e stravolgere, senza che ciò ci sia imposto dall’esterno.
    Qualche esempio? Proviamo a farlo.
    In queste ore il Governo ha deciso di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado fino a metà marzo, a valle di un lungo dibattito tra pro e contro. E se non bastasse? Che cosa facciamo, il tira e molla? Non sarebbe meglio “comprare più tempo” e decidere che nel 2020 le vacanze scolastiche saranno da metà marzo a fine aprile, con l’aggiunta di una quindicina di giorni ad agosto, mentre a luglio e a settembre “tutti a scuola”? Si tratta, ovviamente, di uno sconvolgimento, ma è meglio programmarlo piuttosto che farselo imporre dal Coronavirus.
    Interi piani dei Palazzi di giustizia negli ultimi giorni vengono sgombrati e sanificati. Non sarebbe opportuno “decidere” di ridurre al minimo l’attività dei tribunali da subito e per un congruo numero di settimane, recuperando il lavoro non svolto in quella che sarebbe stata la chiusura estiva? Questioni tecnicamente assai complesse, ma anche in questo caso meglio accettare sacrifici oggi – nella fase in cui è più utile “comprare tempo” – che navigare a vista.
    I circa 23 milioni di italiani occupati, spaziano e operano in settori tra loro assai diversi. Che in queste settimane vada per quanto possibile privilegiato il telelavoro, è già stato detto. Con un intervento esplicito il Governo dovrebbe “sdoganare “questa possibilità. Ma oltre a ciò, perché non pensare a stabilimenti industriali che si organizzano per anticipare le ferie in primavera, e recuperare in estate? Ad esempio, la ex-Fiat che chiude ad aprile, invece che ad agosto, è solo una boutade?
    Siamo pienamente consapevoli che ogni soluzione che esuli dalle routine consolidate, rappresenta un problema. Dobbiamo solo decidere in quali gradini della scala gerarchica dei problemi collocare il Covid-2019.
Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare