Il Coronavirus si batte “comprando il tempo”. “Anticipare le ferie estive e lavorare ad agosto”. La proposta choc

Quando una società si trova ad affrontare scenari inediti, o quanto meno “ritenuti” inediti, talvolta in soccorso viene la fantascienza.

La suggestione di un film del 2012 – per altro non un capolavoro – dal titolo In Time, i cui protagonisti per sopravvivere e conquistare una quasi-immortalità, devono “comprare il tempo” della loro vita, in qualche misura si attaglia ad un mondo globalizzato in lotta da un paio di mesi contro il Coronavirus.
Abbandonando la suggestione e scendendo nel “che fare” delle prossime settimane per arginare gli effetti di un contagio di per sé non letale, ma in grado di far saltare gli equilibri dei sistemi sanitari e di sconvolgere le nostre abitudini, si evidenzia comunque che “comprare il tempo” sarebbe la ricetta giusta per limitare i danni. In che senso? Vediamo.

  • La diffusione del contagio non preoccupa in sé, ma in quanto la percentuale di contagiati che necessitano di cure ospedaliere (terapia intensiva, rianimazione) – pur essendo assai limitata (5%?) – nel caso in cui il numeratore aumenta esponenzialmente, finisce con il generare numeri assoluti non gestibili dalle strutture sanitarie dei singoli paesi. Sarebbe auspicabile, dunque, non tanto azzerare i contagi (obiettivo impossibile da raggiungere), ma fare in modo di diluirli in un tempo più dilatato.
  • Quanto più i sistemi sanitari si mostrano attrezzati, tanto minore risulterà il numero dei decessi. Gli ospedali, dunque, devono poter lavorare “oltre l’emergenza”, e attrezzarsi a seguire l’andamento dell’epidemia nel medio periodo (6-12-18 mesi?). Si manifesta, dunque, l’esigenza di dotarsi di ulteriori unità di terapia intensiva e di un numero più elevato di operatori sanitari (infettivologi, internisti, pneumologi, assistenti sanitari). Per questo, anche iniziando immediatamente, “ci vuole tempo”.
  • “Il tempo” è poi una dimensione essenziale all’interno della quale il “virus” (qualsiasi virus) perde di “virulenza” (sostantivo che proprio da esso deriva) a causa dei miliardi di successive repliche e della creazione dell’“immunità di gregge”, legata alla sua progressiva colonizzazione di noi umani e/o di altri animali.
  • “Il tempo” è, inoltre, condeterminante nella lotta contro il Coronavirus anche dal punto di vista meteorologico. Più si procede verso la buona stagione, con conseguente innalzamento delle temperature, minore sarà, probabilmente, l’incidenza dei contagi, più facilmente “respinti” da organismi in migliore salute.Ma come si fa a guadagnare, a “comprare” tempo e, conseguentemente, a diluire l’avanzare dei contagi? Quarantene, zone rosse, categorie di cittadini invitati a restare a casa, diluizione dei rapporti sociali: questi gli strumenti al momento (e provvisoriamente) attuati che, certo, hanno ridotto l’ampliarsi del contagio, ma non come nelle migliori aspettative.
    Così, a soli 15 giorni dalla scoperta del primo “contagiato” in Italia, il Coronavirus ha toccato più di 2.500 concittadini e, vista la progressione degli ultimi giorni, con ogni probabilità non si fermerà molto presto. In alcuni ospedali lombardi si manifestano le prime saturazioni dei reparti in grado di curare i pazienti più seri. Se i volumi raddoppieranno, triplicheranno e, non si voglia, decuplicheranno, il Sistema sanitario nazionale andrà in tilt.
    È questo il rischio reale. Non è a rischio la vita di milioni di italiani, ma quella di alcune centinaia (o migliaia) di cittadini più severamente colpiti e/o con patologie pregresse. È responsabilità di tutti assicurare a questi cittadini il massimo delle cure. Per far questo, dobbiamo ridurre ora il numero dei nuovi contagiati. Dobbiamo “acquistare tempo”.
    Le azioni per ridurre le occasioni di contagio hanno già stravolto la vita di tutti i cittadini delle zone rosse, e poi anche di quelli delle zone arancione. È realistico ritenere che stravolgerà la vita di tutti gli italiani. È bene metterlo in conto, per non essere travolti da una prospettiva che non ci deve terrorizzare, bensì responsabilizzare. Non rimanendo contagiati noi, non rischiamo di passare il contagio ai più deboli di noi.
    La politica, le Istituzioni, il buon senso collettivo devono armarsi di rigore e di realismo, evitando che ci venga “imposto” quello che sarebbe meglio programmare e accettare, certo non di buon grado, ma almeno come “male minore”. Se vogliamo “comprare tempo”, dobbiamo farlo ora, superando l’inerzia legata a tradizioni, a routine del tutto legittime, che però dobbiamo mostrarci in grado noi di modificare e stravolgere, senza che ciò ci sia imposto dall’esterno.
    Qualche esempio? Proviamo a farlo.
    In queste ore il Governo ha deciso di chiudere tutte le scuole di ogni ordine e grado fino a metà marzo, a valle di un lungo dibattito tra pro e contro. E se non bastasse? Che cosa facciamo, il tira e molla? Non sarebbe meglio “comprare più tempo” e decidere che nel 2020 le vacanze scolastiche saranno da metà marzo a fine aprile, con l’aggiunta di una quindicina di giorni ad agosto, mentre a luglio e a settembre “tutti a scuola”? Si tratta, ovviamente, di uno sconvolgimento, ma è meglio programmarlo piuttosto che farselo imporre dal Coronavirus.
    Interi piani dei Palazzi di giustizia negli ultimi giorni vengono sgombrati e sanificati. Non sarebbe opportuno “decidere” di ridurre al minimo l’attività dei tribunali da subito e per un congruo numero di settimane, recuperando il lavoro non svolto in quella che sarebbe stata la chiusura estiva? Questioni tecnicamente assai complesse, ma anche in questo caso meglio accettare sacrifici oggi – nella fase in cui è più utile “comprare tempo” – che navigare a vista.
    I circa 23 milioni di italiani occupati, spaziano e operano in settori tra loro assai diversi. Che in queste settimane vada per quanto possibile privilegiato il telelavoro, è già stato detto. Con un intervento esplicito il Governo dovrebbe “sdoganare “questa possibilità. Ma oltre a ciò, perché non pensare a stabilimenti industriali che si organizzano per anticipare le ferie in primavera, e recuperare in estate? Ad esempio, la ex-Fiat che chiude ad aprile, invece che ad agosto, è solo una boutade?
    Siamo pienamente consapevoli che ogni soluzione che esuli dalle routine consolidate, rappresenta un problema. Dobbiamo solo decidere in quali gradini della scala gerarchica dei problemi collocare il Covid-2019.
Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione