La Sicilia è dissipatrice? Fake news. Lo Stato sottrae alla Sicilia 7 mld l’anno in Iva e Irpef

Alessandro Baccei, toscano, inviato in Sicilia da Palazzo Chigi in qualità di assessore regionale all’Economia per tagliare le spese, nel 2016 in un’intervista per L’Espresso a firma di Giuseppe Oddo, ammetteva che l’Iva e l’Irpef pagate dai siciliani e che dovrebbero rimanere per Statuto in Sicilia sono invece trattenute dallo Stato che, in questo modo, sottrae illegittimamente all’Isola circa 7 miliardi l’anno. Nel medesimo articolo, inoltre, si ricordava che nel 2015 la Corte dei Conti aveva segnalato «come gli andamenti delle giacenze di cassa rendessero problematica in prospettiva la situazione di liquidità della Regione», indicandone la causa, oltre che nella recessione, nel contributo dovuto allo Stato dalla Regione per partecipare al risanamento dei conti pubblici nazionali.

Un contributo pro capite nel 2015 pressoché quadruplo rispetto a quello di Emilia Romagna, Toscana o Veneto e secondo solo alla Lombardia, dal Pil però enormemente più grande di quello della Sicilia. Così: «Con una mano lo Stato concorre alla spesa sanitaria dei siciliani, trasferendo alla Regione 2,4 miliardi l’anno, e con l’altra se ne riprende il triplo trattenendo per sé imposte che spetterebbero alla Sicilia» (Bossone, B. e Costa, M., 2019). Per di più, dall’1° gennaio 2017, la fetta che lo Stato preleva dell’Iva pagata dai siciliani è aumentata dal 50% circa (alla Regione ne spetterebbe il 100%, ai sensi dell’art. 36 dello Statuto) addirittura al 63,6%, lasciando così alla Sicilia solo il 36,4% di quell’Iva frutto del lavoro e del patrimonio dei siciliani (da essi versata nel fare acquisti).

Le legittime entrate negate all’Isola dallo Stato e lo sproporzionato carico di spese lasciatole sulle spalle hanno prodotto debiti per 9 miliardi che la Regione è stata costretta a fare per chiudere i bilanci. Ma con chi ha contratto debiti? Con lo Stato stesso, per mezzo della Cassa Depositi e Prestiti. Così, con una mano le viene prestato a interesse ciò che con l’altra le è stato sottratto. Quello che poi la Cassa Depositi e Prestiti presta alla Sicilia sono i risparmi postali che anche le famiglie e soprattutto i pensionati siciliani hanno concorso a generare. In altre parole, lo Stato presta ai siciliani i “loro” soldi, traendovene profitto tramite interesse.

A determinare i conti in rosso della Sicilia ha poi concorso l’averle imposto per due volte, in soli 5 anni, la rinuncia all’intero ricavato proveniente dalle cause vinte contro lo Stato, presso la Corte Costituzionale, e di obbligarla addirittura ad azzerare tutti i residui attivi che lo Stato le doveva. Tali pagamenti, che per paradosso era lo Stato a dover erogare, sono stati ritenuti dallo Stato stesso “inesigibili”.

Accanto a queste evidenze, va sfatato un altro mito: quello del numero spropositato di dipendenti pubblici in Sicilia. I dati del censimento Istat 2016 indicano che la Regione ? in base alla media dei dati disponibili sul 2011 e 2015 ? risulta ottava in Italia per quantità totale di impiegati pubblici pro capite. Mentre, la prima posizione in classifica è occupata dalla Valle d’Aosta, la seconda dalla Provincia Autonoma di Bolzano, la terza dalla Provincia Autonoma di Trento, la quarta dalla Sardegna e la quinta dal Friuli-Venezia Giulia.

Facilmente poi si cade nell’errore di mettere a confronto il numero di dipendenti pubblici delle altre Regioni italiane (a statuto ordinario) con quello della Regione Sicilia, trovando quest’ultimo più elevato di quello delle altre. In realtà, va tenuto presente che compiti e funzioni altrove affidati ai dipendenti dello Stato, in Sicilia sono propri degli stessi dipendenti della Regione. Quindi, a poter essere confrontato è solo il numero dei dipendenti pubblici nel suo complesso, perché quegli uffici che nelle Regioni a statuto ordinario sono svolti dallo Stato, in Sicilia è la Regione stessa ad assolverli. Dunque la verità è che il grosso delle funzioni pubbliche, altrove pagate dallo Stato, in Sicilia gravano sui siciliani stessi.

Come emerge poi dai dati sui Conti Pubblici Territoriali, il settore pubblico spende in Sicilia una quota complessiva pro capite bassissima: il suo valore medio per gli anni che vanno dal 2000 al 2017 fa della Sicilia la terzultima Regione d’Italia (seguita solo da Puglia e Calabria) per denaro pubblico ricevuto.

Il degrado indotto e continuamente rinnovato dal depauperamento e dall’incessante emorragia di risorse è terreno di coltura per la mafia e per l’illegalità che, contrariamente a quanto si pensi, sono conseguenza e non causa prima dell’arretratezza (ciononostante la Sicilia non si caratterizza per i più alti livelli in Italia d’illegalità economico-amministrativa; piuttosto si vede superare in questo da ben tre Regioni del Nord).

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*