Impatti ambientali e sostenibilità: le donne guidano il cambiamento

impatti ambientali

Impatti ambientali: le donne hanno una maggiore sensibilità

L’uguaglianza di genere e gli obiettivi della sostenibilità ambientale vanno di pari passo e si rafforzano a vicenda. I legami tra genere e ambiente sono riconosciuti sia nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sia negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS).

Un principio alla base del nesso genere-ambiente è che il degrado ambientale può avere impatti diversi su donne e uomini. Le caratteristiche fisiche, i livelli di vulnerabilità economica, i ruoli e i comportamenti nelle società sono tutti fattori che contribuiscono a generare esperienze e risposte differenti rispetto agli impatti ambientali a seconda del genere. Gli effetti degli impatti ambientali variano anche tra le donne stesse: ad esempio, tra donne che operano in àmbito agricolo o che vivono esperienze diverse rispetto a quelle nelle aree urbane (Ocse, 2021).

Un altro aspetto del nesso genere-ambiente è che donne e uomini hanno comportamenti e atteggiamenti diversi riguardo alle scelte che incidono sull’ambiente. Gli studi dimostrano che le donne sono più inclini a riciclare e ad acquistare prodotti più ecologici. Nei paesi dell’ Ocse, le donne hanno un atteggiamento marginalmente “più verde” quando si tratta di guidare di meno (Ocse, 2008). A livello globale, lo stesso vale per l’uso di modalità di trasporto alternative (Ng e Acker, 2018). Le donne tendono a sostenere le comunità locali, le popolazioni indigene e altri amministratori ambientali e sono più propense a seguire politiche come maggiori informazioni su come vengono realizzati i prodotti, trasporto di merci utilizzando energia pulita e arresto della combustione di combustibili inquinanti (UNDP e Università di Oxford, 2021).

Donne e uomini tendono anche ad avere atteggiamenti diversi nei confronti dei rischi e dei danni ambientali. In un sondaggio del 2019 realizzato dal Pew Research Center su come le persone in tutto il mondo vedono il cambiamento climatico, le donne erano più propense degli uomini a considerare il cambiamento climatico una seria minaccia. Anche l’ultima rilevazione dell’Eurispes (2022) mette l’accento sulla maggiore preoccupazione e sensibilità della componente femminile rispetto a quella maschile quanto si parla di cambiamenti climatici.

Studi negli Stati Uniti hanno anche rilevato che la percezione delle questioni ambientali da parte delle donne è diversa da quella degli uomini, in particolare nei casi in cui anche le questioni ambientali locali rappresentano un pericolo per la salute. Mentre la percentuale di donne e uomini negli Stati Uniti che crede nel cambiamento climatico e ne comprende le cause antropogeniche è simile, le donne percepiscono i rischi come più elevati, più immediati (Ballew et al., 2018). 

La leadership politica delle donne affronta in modo concreto gli effetti degli impatti ambientali 

La leadership ambientale delle donne può apportare una serie di vantaggi per migliorare l’azione ambientale e sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Gli studi confermano infatti il collegamento tra la leadership delle donne nei governi, nelle società e nelle organizzazioni di base ed esiti ambientali positivi.La leadership delle donne nella governance pubblica può aiutare a mettere in primo piano le esperienze femminili con l’ambiente, poiché gli studi dimostrano che è più probabile che le donne al potere (politico) sostengano questioni sensibili al genere e aumentino la partecipazione politica delle donne stesse (Clayton, Josefsson e Wang, 2017 – Barnes e Burchard, 2012).La presenza delle donne nei processi decisionali politici si traduce, dunque, in obiettivi e politiche climatiche più ambiziosi. Ad esempio, da un’analisi di 1,2 milioni di interventi alla Camera dei Comuni del Regno Unito e di 500.000 interventi alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è emerso che le donne di tutti i partiti politici hanno dedicato più tempo dei loro colleghi maschi ad affrontare temi legati all’ambiente (Ocse, 2021). Una quota maggiore di donne in Parlamento è stata collegata a miglioramenti nell’agenda degli SDG e nella qualità. È stato stimato infine che i paesi con una massa critica di legislatori donne superiore al 38% sperimenteranno un aumento della copertura forestale pro capite (Salahodjaev e Jarilkapova, 2020). 

L’apporto delle donne nelle aziende e negli enti nelle scelte di sostenibilità 

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, le aziende con un’autentica diversità di genere, in particolare a livello senior, hanno l’8,9% in più di probabilità di ottenere risultati aziendali migliori. La leadership femminile è stata collegata alla promozione del coinvolgimento dei dipendenti e al raggiungimento del giusto equilibrio tra atteggiamenti benevoli e assunzione di rischi quando si occupa un posto nel consiglio delle aziende.La presenza delle donne nei consigli aziendali è associata a migliori prestazioni ambientali e pratiche commerciali responsabili. Dirigenti e manager donne migliorano le prestazioni ambientali delle aziende diffondendo informazioni alle parti interessate e partecipando ai processi decisionali in materia ambientale.  

La necessità di indicatori per misurare la leadership ambientale delle donne 

È necessario raccogliere più dati su come le donne possono condurre verso un mondo più sostenibile attraverso le loro decisioni politiche, l’influenza nelle industrie sensibili dal punto di vista ambientale, le azioni di base e le scelte dei consumatori. Alcuni indicatori aiuterebbero ad alimentare la comprensione generale della leadership ambientale delle donne, evidenziando le aree in cui le esperienze delle donne sono sottorappresentate e indicando dove la loro rappresentazione è in vantaggio o in ritardo. Indicatori come la presenza femminile ai vertici di ministeri e agenzie ambientali; quella in qualità di capi delegazioni di organizzazioni ambientali internazionali; la partecipazione ad incontri e forum internazionali; la quota di donne nei consigli di amministrazione e il numero di imprenditrici nel settore della sostenibilità, ecc. potrebbero individuare correlazioni e indicare metodi econometrici per dimostrare il nesso tra genere e ambiente nel processo decisionale.

Per approfondire: Women’s leadership in environmental action, Ocse 2022.

 

Leggi anche

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu