Impatti ambientali e sostenibilità: le donne guidano il cambiamento

impatti ambientali

Impatti ambientali: le donne hanno una maggiore sensibilità

L’uguaglianza di genere e gli obiettivi della sostenibilità ambientale vanno di pari passo e si rafforzano a vicenda. I legami tra genere e ambiente sono riconosciuti sia nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sia negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS).

Un principio alla base del nesso genere-ambiente è che il degrado ambientale può avere impatti diversi su donne e uomini. Le caratteristiche fisiche, i livelli di vulnerabilità economica, i ruoli e i comportamenti nelle società sono tutti fattori che contribuiscono a generare esperienze e risposte differenti rispetto agli impatti ambientali a seconda del genere. Gli effetti degli impatti ambientali variano anche tra le donne stesse: ad esempio, tra donne che operano in àmbito agricolo o che vivono esperienze diverse rispetto a quelle nelle aree urbane (Ocse, 2021).

Un altro aspetto del nesso genere-ambiente è che donne e uomini hanno comportamenti e atteggiamenti diversi riguardo alle scelte che incidono sull’ambiente. Gli studi dimostrano che le donne sono più inclini a riciclare e ad acquistare prodotti più ecologici. Nei paesi dell’ Ocse, le donne hanno un atteggiamento marginalmente “più verde” quando si tratta di guidare di meno (Ocse, 2008). A livello globale, lo stesso vale per l’uso di modalità di trasporto alternative (Ng e Acker, 2018). Le donne tendono a sostenere le comunità locali, le popolazioni indigene e altri amministratori ambientali e sono più propense a seguire politiche come maggiori informazioni su come vengono realizzati i prodotti, trasporto di merci utilizzando energia pulita e arresto della combustione di combustibili inquinanti (UNDP e Università di Oxford, 2021).

Donne e uomini tendono anche ad avere atteggiamenti diversi nei confronti dei rischi e dei danni ambientali. In un sondaggio del 2019 realizzato dal Pew Research Center su come le persone in tutto il mondo vedono il cambiamento climatico, le donne erano più propense degli uomini a considerare il cambiamento climatico una seria minaccia. Anche l’ultima rilevazione dell’Eurispes (2022) mette l’accento sulla maggiore preoccupazione e sensibilità della componente femminile rispetto a quella maschile quanto si parla di cambiamenti climatici.

Studi negli Stati Uniti hanno anche rilevato che la percezione delle questioni ambientali da parte delle donne è diversa da quella degli uomini, in particolare nei casi in cui anche le questioni ambientali locali rappresentano un pericolo per la salute. Mentre la percentuale di donne e uomini negli Stati Uniti che crede nel cambiamento climatico e ne comprende le cause antropogeniche è simile, le donne percepiscono i rischi come più elevati, più immediati (Ballew et al., 2018). 

La leadership politica delle donne affronta in modo concreto gli effetti degli impatti ambientali 

La leadership ambientale delle donne può apportare una serie di vantaggi per migliorare l’azione ambientale e sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Gli studi confermano infatti il collegamento tra la leadership delle donne nei governi, nelle società e nelle organizzazioni di base ed esiti ambientali positivi.La leadership delle donne nella governance pubblica può aiutare a mettere in primo piano le esperienze femminili con l’ambiente, poiché gli studi dimostrano che è più probabile che le donne al potere (politico) sostengano questioni sensibili al genere e aumentino la partecipazione politica delle donne stesse (Clayton, Josefsson e Wang, 2017 – Barnes e Burchard, 2012).La presenza delle donne nei processi decisionali politici si traduce, dunque, in obiettivi e politiche climatiche più ambiziosi. Ad esempio, da un’analisi di 1,2 milioni di interventi alla Camera dei Comuni del Regno Unito e di 500.000 interventi alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è emerso che le donne di tutti i partiti politici hanno dedicato più tempo dei loro colleghi maschi ad affrontare temi legati all’ambiente (Ocse, 2021). Una quota maggiore di donne in Parlamento è stata collegata a miglioramenti nell’agenda degli SDG e nella qualità. È stato stimato infine che i paesi con una massa critica di legislatori donne superiore al 38% sperimenteranno un aumento della copertura forestale pro capite (Salahodjaev e Jarilkapova, 2020). 

L’apporto delle donne nelle aziende e negli enti nelle scelte di sostenibilità 

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, le aziende con un’autentica diversità di genere, in particolare a livello senior, hanno l’8,9% in più di probabilità di ottenere risultati aziendali migliori. La leadership femminile è stata collegata alla promozione del coinvolgimento dei dipendenti e al raggiungimento del giusto equilibrio tra atteggiamenti benevoli e assunzione di rischi quando si occupa un posto nel consiglio delle aziende.La presenza delle donne nei consigli aziendali è associata a migliori prestazioni ambientali e pratiche commerciali responsabili. Dirigenti e manager donne migliorano le prestazioni ambientali delle aziende diffondendo informazioni alle parti interessate e partecipando ai processi decisionali in materia ambientale.  

La necessità di indicatori per misurare la leadership ambientale delle donne 

È necessario raccogliere più dati su come le donne possono condurre verso un mondo più sostenibile attraverso le loro decisioni politiche, l’influenza nelle industrie sensibili dal punto di vista ambientale, le azioni di base e le scelte dei consumatori. Alcuni indicatori aiuterebbero ad alimentare la comprensione generale della leadership ambientale delle donne, evidenziando le aree in cui le esperienze delle donne sono sottorappresentate e indicando dove la loro rappresentazione è in vantaggio o in ritardo. Indicatori come la presenza femminile ai vertici di ministeri e agenzie ambientali; quella in qualità di capi delegazioni di organizzazioni ambientali internazionali; la partecipazione ad incontri e forum internazionali; la quota di donne nei consigli di amministrazione e il numero di imprenditrici nel settore della sostenibilità, ecc. potrebbero individuare correlazioni e indicare metodi econometrici per dimostrare il nesso tra genere e ambiente nel processo decisionale.

Per approfondire: Women’s leadership in environmental action, Ocse 2022.

 

Leggi anche

Ultime notizie
metaverso
Fisco

Metaverso e fisco, basta applicare le regole vigenti

Il Metaverso consente alle persone di svolgere, attraverso avatar, attività produttive di redditi che vanno meglio inquadrate fiscalmente. Basterebbe anche solo applicare le regole fiscali già vigenti, partendo dai redditi prodotti e dall’individuazione del contribuente, impresa fisica o soggetto operante nel Metaverso.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
investeu
Economia

InvestEU: favorire gli investimenti privati partendo da garanzie pubbliche

Non solo Pnrr: InvestEU è il programma che nasce con lo scopo di attrarre investimenti privati facendo leva su una serie di garanzie pubbliche messe a disposizione dalla Commissione europea. Gli investimenti sono supportati per tutto il loro iter da un polo di consulenza stabilito dalla Ue.
di Claudia Bugno*
investeu
congedo di paternità
Famiglia

Congedo di paternità, un passo avanti verso la parità di genere

Dal 13 agosto il congedo di paternità in Italia è aumentato a 10 giorni, accorciando le distanze del gender gap nel nostro Paese. Una misura necessaria per distribuire equamente il carico familiare tra i genitori, che troppo spesso ricade unicamente sulle donne.
di Roberta Rega
congedo di paternità
scuola
Scuola

Scuola italiana, specchio delle disuguaglianze di un Paese che invecchia

La scuola italiana soffre di numerosi problemi e scarsi investimenti che non permettono agli studenti di raggiungere gli standard europei: le prove Invalsi 2021 documentano che il 51% degli studenti italiani in matematica non raggiunge gli obbiettivi fissati.
di Marco Omizzolo*
scuola
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy