Impatti ambientali e sostenibilità: le donne guidano il cambiamento

impatti ambientali

Impatti ambientali: le donne hanno una maggiore sensibilità

L’uguaglianza di genere e gli obiettivi della sostenibilità ambientale vanno di pari passo e si rafforzano a vicenda. I legami tra genere e ambiente sono riconosciuti sia nell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite sia negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS).

Un principio alla base del nesso genere-ambiente è che il degrado ambientale può avere impatti diversi su donne e uomini. Le caratteristiche fisiche, i livelli di vulnerabilità economica, i ruoli e i comportamenti nelle società sono tutti fattori che contribuiscono a generare esperienze e risposte differenti rispetto agli impatti ambientali a seconda del genere. Gli effetti degli impatti ambientali variano anche tra le donne stesse: ad esempio, tra donne che operano in àmbito agricolo o che vivono esperienze diverse rispetto a quelle nelle aree urbane (Ocse, 2021).

Un altro aspetto del nesso genere-ambiente è che donne e uomini hanno comportamenti e atteggiamenti diversi riguardo alle scelte che incidono sull’ambiente. Gli studi dimostrano che le donne sono più inclini a riciclare e ad acquistare prodotti più ecologici. Nei paesi dell’ Ocse, le donne hanno un atteggiamento marginalmente “più verde” quando si tratta di guidare di meno (Ocse, 2008). A livello globale, lo stesso vale per l’uso di modalità di trasporto alternative (Ng e Acker, 2018). Le donne tendono a sostenere le comunità locali, le popolazioni indigene e altri amministratori ambientali e sono più propense a seguire politiche come maggiori informazioni su come vengono realizzati i prodotti, trasporto di merci utilizzando energia pulita e arresto della combustione di combustibili inquinanti (UNDP e Università di Oxford, 2021).

Donne e uomini tendono anche ad avere atteggiamenti diversi nei confronti dei rischi e dei danni ambientali. In un sondaggio del 2019 realizzato dal Pew Research Center su come le persone in tutto il mondo vedono il cambiamento climatico, le donne erano più propense degli uomini a considerare il cambiamento climatico una seria minaccia. Anche l’ultima rilevazione dell’Eurispes (2022) mette l’accento sulla maggiore preoccupazione e sensibilità della componente femminile rispetto a quella maschile quanto si parla di cambiamenti climatici.

Studi negli Stati Uniti hanno anche rilevato che la percezione delle questioni ambientali da parte delle donne è diversa da quella degli uomini, in particolare nei casi in cui anche le questioni ambientali locali rappresentano un pericolo per la salute. Mentre la percentuale di donne e uomini negli Stati Uniti che crede nel cambiamento climatico e ne comprende le cause antropogeniche è simile, le donne percepiscono i rischi come più elevati, più immediati (Ballew et al., 2018). 

La leadership politica delle donne affronta in modo concreto gli effetti degli impatti ambientali 

La leadership ambientale delle donne può apportare una serie di vantaggi per migliorare l’azione ambientale e sostenere il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite. Gli studi confermano infatti il collegamento tra la leadership delle donne nei governi, nelle società e nelle organizzazioni di base ed esiti ambientali positivi.La leadership delle donne nella governance pubblica può aiutare a mettere in primo piano le esperienze femminili con l’ambiente, poiché gli studi dimostrano che è più probabile che le donne al potere (politico) sostengano questioni sensibili al genere e aumentino la partecipazione politica delle donne stesse (Clayton, Josefsson e Wang, 2017 – Barnes e Burchard, 2012).La presenza delle donne nei processi decisionali politici si traduce, dunque, in obiettivi e politiche climatiche più ambiziosi. Ad esempio, da un’analisi di 1,2 milioni di interventi alla Camera dei Comuni del Regno Unito e di 500.000 interventi alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti è emerso che le donne di tutti i partiti politici hanno dedicato più tempo dei loro colleghi maschi ad affrontare temi legati all’ambiente (Ocse, 2021). Una quota maggiore di donne in Parlamento è stata collegata a miglioramenti nell’agenda degli SDG e nella qualità. È stato stimato infine che i paesi con una massa critica di legislatori donne superiore al 38% sperimenteranno un aumento della copertura forestale pro capite (Salahodjaev e Jarilkapova, 2020). 

L’apporto delle donne nelle aziende e negli enti nelle scelte di sostenibilità 

Secondo l’Organizzazione Internazionale del Lavoro, le aziende con un’autentica diversità di genere, in particolare a livello senior, hanno l’8,9% in più di probabilità di ottenere risultati aziendali migliori. La leadership femminile è stata collegata alla promozione del coinvolgimento dei dipendenti e al raggiungimento del giusto equilibrio tra atteggiamenti benevoli e assunzione di rischi quando si occupa un posto nel consiglio delle aziende.La presenza delle donne nei consigli aziendali è associata a migliori prestazioni ambientali e pratiche commerciali responsabili. Dirigenti e manager donne migliorano le prestazioni ambientali delle aziende diffondendo informazioni alle parti interessate e partecipando ai processi decisionali in materia ambientale.  

La necessità di indicatori per misurare la leadership ambientale delle donne 

È necessario raccogliere più dati su come le donne possono condurre verso un mondo più sostenibile attraverso le loro decisioni politiche, l’influenza nelle industrie sensibili dal punto di vista ambientale, le azioni di base e le scelte dei consumatori. Alcuni indicatori aiuterebbero ad alimentare la comprensione generale della leadership ambientale delle donne, evidenziando le aree in cui le esperienze delle donne sono sottorappresentate e indicando dove la loro rappresentazione è in vantaggio o in ritardo. Indicatori come la presenza femminile ai vertici di ministeri e agenzie ambientali; quella in qualità di capi delegazioni di organizzazioni ambientali internazionali; la partecipazione ad incontri e forum internazionali; la quota di donne nei consigli di amministrazione e il numero di imprenditrici nel settore della sostenibilità, ecc. potrebbero individuare correlazioni e indicare metodi econometrici per dimostrare il nesso tra genere e ambiente nel processo decisionale.

Per approfondire: Women’s leadership in environmental action, Ocse 2022.

 

Leggi anche

Ultime notizie
noleggio
Diritto

Sharing mobility e disciplina legale, muoversi in un mondo che cambia

Noleggio a lungo termine e car sharing hanno cambiato profondamente il mondo della mobilità. Anche la normativa, e chi ha il compito di garantirne il rispetto, devono adeguarsi a queste nuove istanze, laddove le norme tradizionali tendono ad identificare proprietario e utilizzatore della vettura in un soggetto unico.
di Enrico Al Mureden*
noleggio
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara