Agricoltura intelligente, strategica in Ue per sostenibilità e approvvigionamento alimentare

agricoltura intelligente

Se un agricoltore su cinque riuscirà a passare a pratiche di agricoltura intelligente, grazie alla quale le nuove tecnologie e gli applicativi giocano un ruolo primario anche per la salvaguardia del clima, aumenterà la resilienza dell’Unione europea agli shock dell’approvvigionamento alimentare e saremo più pronti ad affrontare gli effetti peggiori dei cambiamenti climatici. La guerra in Ucraina ha reso fondamentale per l’Europa il rafforzamento dei propri sistemi alimentari in modo da garantire forniture a breve termine e salvaguardare la resilienza a lungo termine. La crescita del settore agricolo dell’Ue – e non solo – è avvenuta a scapito della salute ambientale, con il degrado del suolo che è costato quasi 100 miliardi di euro, in gran parte a causa della perdita di produttività, che minaccia la futura fornitura di colture. Inoltre, la produzione agricola rappresenta il 10% delle emissioni di gas serra dell’Unione ed è una parte fondamentale del futuro dello zero netto.

La produzione agricola responsabile del 10% delle emissioni di gas serra dell’Unione

Un nuovo Rapporto del World Economic Forum, “Transforming Food Systems with Farmers: A pathway for the EU”, divulgato oggi nell’ambito degli sforzi in corso della EU Carbon+ Farming Coalition, formula raccomandazioni su come collaborare con gli agricoltori per rafforzare i sistemi alimentari dell’Ue. Il report si basa sulle indicazioni degli agricoltori di sette paesi che costituiscono la maggioranza della base di agricoltori nell’Ue. I risultati si concentrano su quattro aree che possono stimolare l’adozione di pratiche intelligenti per il clima tra gli agricoltori.

  • Finanziamento e gestione del rischio: gli agricoltori hanno bisogno di forme innovative di prestito, flussi di entrate garantiti e soluzioni assicurative all’avanguardia. Ciò riflette il fatto che quattro agricoltori su cinque intervistati considerano la sostenibilità una necessità, ma solo due su cinque la considerano un bene per le imprese.
  • Ecosistemi dell’innovazione: è opportuno continuare a sviluppare nuove tecnologie intelligenti per il clima e a ridurne i costi. Al momento, l’adozione delle pratiche digitali è in ritardo, con un tasso di adozione del 31% da parte degli agricoltori rispetto al 44% di altre buone pratiche a salvaguardia del clima.
  • Istruzione e sensibilizzazione: gli agricoltori dovrebbero essere guidati nella comprensione della progettazione per il cambiamento, con accesso a piattaforme di condivisione, apprendimento peer-to-peer o formazione aziendale. Al momento, solo il 25% degli agricoltori ha dichiarato di avere una conoscenza “buona” o “molto buona” della materia.
  • Ambiente politico: l’Ue deve definire le politiche giuste per guidare l’attuazione delle riforme ambientali, consentendo anche agli Stati membri di adeguare le politiche alle condizioni locali. Questa flessibilità ha finora portato a 166 diversi eco-schemi identificati in 22 progetti di piani strategici in 21 Stati membri. 

L’agricoltura intelligente aumenterà la resilienza dell’Ue agli shock dell’approvvigionamento alimentare

Se un ulteriore 20% degli agricoltori europei adottasse pratiche intelligenti per il clima, entro il 2030 l’Ue potrebbe ridurre le proprie emissioni di gas serra in agricoltura di circa il 6%; ripristinare la salute del suolo di oltre il 14% del totale dei suoi terreni agricoli, migliorando così la biodiversità e la resilienza dei sistemi alimentari; e, a seconda del livello di attuazione, aggiungere 1,9 miliardi di euro ai redditi degli agricoltori. «L’Ue si sta rendendo conto dell’importanza di rimodellare i suoi sistemi alimentari, riconoscendone il ruolo fondamentale nel raggiungimento del Green Deal e di un futuro sostenibile e dinamico. Lavorare con gli agricoltori, in particolare con la prossima generazione di agricoltori europei, sarà fondamentale per garantire che questa transizione sia inclusiva ed efficace» ha affermato Diana Lenzi, Presidente del Consiglio europeo dei giovani agricoltori (CEJA). La transizione verso un’agricoltura intelligente dal punto di vista climatico richiederà investimenti significativi e cambiamenti politici per tutta la catena del valore alimentare, che coinvolgeranno agricoltori, rivenditori, investitori e consumatori.

Leggi anche

Ultime notizie
metaverso
Fisco

Metaverso e fisco, basta applicare le regole vigenti

Il Metaverso consente alle persone di svolgere, attraverso avatar, attività produttive di redditi che vanno meglio inquadrate fiscalmente. Basterebbe anche solo applicare le regole fiscali già vigenti, partendo dai redditi prodotti e dall’individuazione del contribuente, impresa fisica o soggetto operante nel Metaverso.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
investeu
Economia

InvestEU: favorire gli investimenti privati partendo da garanzie pubbliche

Non solo Pnrr: InvestEU è il programma che nasce con lo scopo di attrarre investimenti privati facendo leva su una serie di garanzie pubbliche messe a disposizione dalla Commissione europea. Gli investimenti sono supportati per tutto il loro iter da un polo di consulenza stabilito dalla Ue.
di Claudia Bugno*
investeu
congedo di paternità
Famiglia

Congedo di paternità, un passo avanti verso la parità di genere

Dal 13 agosto il congedo di paternità in Italia è aumentato a 10 giorni, accorciando le distanze del gender gap nel nostro Paese. Una misura necessaria per distribuire equamente il carico familiare tra i genitori, che troppo spesso ricade unicamente sulle donne.
di Roberta Rega
congedo di paternità
scuola
Scuola

Scuola italiana, specchio delle disuguaglianze di un Paese che invecchia

La scuola italiana soffre di numerosi problemi e scarsi investimenti che non permettono agli studenti di raggiungere gli standard europei: le prove Invalsi 2021 documentano che il 51% degli studenti italiani in matematica non raggiunge gli obbiettivi fissati.
di Marco Omizzolo*
scuola
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy