Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

sfruttamento del lavoro

Le principali analisi sullo sfruttamento del lavoro in Italia, comprese le varie forme di intermediazione illecita (il cosiddetto “caporalato”), si concentrano spesso su tre variabili predominanti. La prima è il genere, tanto che molte ricerche riguardano lo sfruttamento del lavoro che coinvolge solo individui di sesso maschile. La seconda variabile è quella demografica, che fa concentrare l’analisi su soggetti quasi sempre giovani e in buona salute. La terza e ultima variabile riguarda l’origine, o meglio la nazionalità degli sfruttati. In quest’ultimo caso ci si concentra sempre sui migranti, trascurando la presenza non irrilevante di manodopera italiana. La ricerca sociale sul campo, in realtà, si confronta quotidianamente con la complessità dello sfruttamento lavorativo derivante da un intreccio articolato di variabili che non possono essere ridotte in categorie stereotipate o semplificate, se non a rischio di gravi sottovalutazioni. Una di queste riguarda proprio lo sfruttamento della manodopera femminile, probabilmente legata ad una sottovalutazione discriminatoria che deriva da uno sguardo sul fenomeno ancora prevalentemente maschile.

Lo sfruttamento delle donne comincia spesso in famiglia

La Ong WeWorld, nell’ambito della campagna #OurFoodOurFuture, ha tentato di colmare questo gap conducendo una ricerca nelle campagne dell’Agro Pontino che ha avuto come oggetto la condizione di vita e di lavoro proprio delle donne italiane e immigrate. Ne è risultato un sistema di sfruttamento, violenza e discriminazione del lavoro agricolo femminile che, sebbene non generalizzabile all’intero settore agricolo ma individuato con precisione chirurgica – sia per evitare una generalizzazione criminalizzante l’intero settore, sia per intervenire puntualmente e tutelare le vittime – esprime forme di prevaricazione ed emarginazione che iniziano già all’interno della famiglia e si esprimono in maniera compiuta e spesso criminale in alcune aziende agricole locali. La ricerca comprende interviste in profondità di diverse lavoratrici agricole, italiane e immigrate, e di alcuni stakeholders come sindacalisti, imprenditori locali, amministratori e politici, immigrati di origine indiana da anni impegnati contro lo sfruttamento del lavoro e il caporalato nonché associazioni e movimenti di livello nazionale e internazionale come Amnesty International Italia, Terra! Onlus, In Migrazione e Tempi Moderni.

Lavoratrici impiegate per 12 ore al giorno e 28 giorni al mese

Le lavoratrici impiegate in agricoltura, stando alla ricerca, lavorano anche per 10-12 ore al giorno per 22-28 giorni al mese, con un’attività fisica che può prevedere di restare curve o in piedi per molte ore consecutive, ad esempio lungo il nastro trasportatore degli ortaggi raccolti in campo, con le mani immerse nell’acqua per il lavaggio degli ortaggi a temperature che, in alcuni periodi dell’anno, raggiungono lo zero.

Leggi anche

Disuguaglianze di genere emergono in contesti di sfruttamento del lavoro

Un altro aspetto emerso nell’indagine riguarda le pause dal lavoro riconosciute alle lavoratrici. Si tratta in genere di pause inferiori, in termini di durata, anche del 30% rispetto ai colleghi uomini. Anche il loro diritto di andare in bagno risulta limitato o compresso in favore della precedenza prevista ai loro colleghi uomini, salvo la possibilità di dirigersi direttamente in campo aperto. Le pause inoltre variano a seconda delle necessità quotidiane dell’azienda e per questo sono condizionate dalle esigenze individuate dal responsabile della produzione o dal datore di lavoro, oppure, se presente, dal caporale locale. Le conseguenze sulla salute delle donne impiegate possono risultare particolarmente gravi, anche perché in vari casi risulterebbero, come i loro colleghi uomini, a diretto contatto con fitofarmaci illegali e cancerogeni assai pericolosi eppure utilizzati allo scopo di accelerare la crescita degli ortaggi in termini sia quantitativi sia di estetica imposta dal mercato ortofrutticolo globale.

Le testimonianze documentano reiterate violenze verbali e vessazioni 

Insieme all’articolazione di questo specifico fenomeno, alcune testimonianze documentano le reiterate violenze verbali, con rimproveri e insulti, anche a sfondo razziale, urlati pubblicamente dal datore di lavoro o dal caporale, oppure l’invito, da parte di alcuni di essi, ad essere accondiscendenti con le loro richieste a sfondo sessuale. Ciò indica una forma di violenza efferata che deriva da un pensiero strategico, altrettanto brutale e violento, che tiene insieme lo sfruttamento lavorativo e sessuale delle donne lavoratrici, italiane e immigrate.

Numerose le lavoratrici che denunciano situazioni di sfruttamento e soprusi

Un aspetto positivo che emerge dalla ricerca di WeWorld deriva dalla denuncia già presentata dalle donne immigrate vittime di sfruttamento e ricatti agli organi investigativi e alla Procura della Repubblica di Latina. Nel corso dell’ultimo anno, infatti, grazie al progetto “Dignità Joban Singh” di Tempi Moderni condotto insieme all’associazione Progetto Diritti, alcune donne, soprattutto di origine indiana, hanno presentato regolare denuncia per sfruttamento del lavoro e per alcuni gravi incidenti subiti durante le lunghe giornate trascorse all’interno di alcune aziende. È un dato di straordinaria importanza, indicatore dell’impegno delle stesse lavoratrici vessate di uscire da un inferno fatto di sfruttamento e violenza.

 

*Marco Omizzolo, docente, sociologo, ricercatore dell’Eurispes.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento