Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia

Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che vediamo i chiari segni negativi lasciati in ogni contesto sociale; ma forse ancora di più ha fatto emergere e sempre più sarà evidente in futuro, tutte le difficoltà umane, sociali, economiche, di valori e di fede che in qualche modo, negli ultimi venti-trent’anni, eravamo riusciti ad affrontare, contenere, se non a gestire.

È certo che la pandemia ha esasperato situazioni in bilico, ha spinto Persone, Stati, Razze e Religioni diverse verso conflitti non dichiarati, ma non per questo meno pericolosi.

Le imprese, ad esempio, si sono trovate in difficoltà, non solo per essere costrette a far svolgere, ove possibile, il lavoro ai propri dipendenti in remoto, o smart-working, con regole mai scritte e collaudate prima e con risultati tutti da verificare; inoltre hanno subìto e stanno subendo dei contraccolpi per la modifica, se non la rottura, della catena degli approvvigionamenti, solo per parlare di un fatto che è sotto gli occhi di tutti. D’altro canto, il lavoro a distanza, ad esempio, ha avuto un grande impatto sulla salute mentale delle persone. Secondo un recente articolo della rivista Forbes, molte persone hanno sperimentato stress e pressione dal lavoro a casa negli ultimi due anni, affermando di aver pensato almeno una volta al suicidio.

Quale impatto sui giovani?

Tutto questo ha un impatto importante sulla formazione e sulla educazione dei giovani, perché siamo in un momento in cui si è capito perfettamente che nel mondo del lavoro, ma non solo, nulla sarà più come prima. Non è un caso che le grandi firme della consulenza parlino di necessità di un “new normal” o di “future of work”, senza peraltro saper bene come o dove indirizzare i propri clienti.

Le possibilità della psicologia positiva

Ecco quindi che la psicologia positiva, un termine coniato dallo studioso Abraham Maslow, si inserisce bene e riprende vigore, anzi si sostanzia, dalla difficoltà del momento, presentandosi non come panacea per tutti i mali, ma come un percorso importante, scientificamente collaudato e universalmente riconosciuto, di sostegno al cambiamento, alla modifica di prassi di business e culture manageriali consolidate e messe drasticamente in discussione dalla pandemia.

Leggi anche

Le persone, questo il tema centrale, sono coloro che – se ben informate e allenate ad un approccio di “positività”, di benessere spirituale e materiale, di integrazione di diversi fattori, come il business e i valori della fede, con una visione che lascia intravedere un cambiamento auspicabili – potranno portare le Imprese, le Organizzazioni, le Strutture verso una ripresa dal post-Covid.

Secondo Martin Seligman, il pioniere della diffusione della psicologia positiva, già presidente dell’Associazione Americana degli psicologi (APA), è necessario «Guidare la psicologia lontano dall’oscurità e verso la luce» (To steer psychology away from the darkness and toward light); in altre parole la psicologia positiva può andare oltre e investire anche la sfera dell’economia e del lavoro.

La Psicologogia organizzativa positiva

La Psicologia organizzativa positiva (Positive Organizational Psychology) nasce proprio per dare agli studenti, che oggi si trovano a dover decidere come sarà la loro vita futura, gli strumenti scientifici in particolare per reagire, costruire, modificare le realtà del lavoro nelle quali saranno presto chiamati ad operare. Al riguardo è interessante notare che negli ultimi tempi Seligman, operando con i Big data sui testi dei Social media, è arrivato anche a elaborare un preciso “curriculum della positività”, come strumento utile per adattare i corsi d’insegnamento alle nuove esigenze emerse in questo difficile periodo.

Una iniziativa in tal senso è stata avviata dell’università americana Biola University, a La Mirada, in California, con un master in Psicologia organizzativa positiva che si attesta come il primo corso di studi accademici di più alto livello, quello della laurea; un master che viene incontro, con un suo articolato e completo programma, alle molteplici esigenze che i giovani avvertono nel dover affrontare una realtà “liquida”, incerta, sfidante più del normale e dove, per la prima volta, come nell’ultimo dopoguerra, il passato e la storia non possono insegnare molto per indirizzare la bussola verso un futuro di nuova normalità.

Oggi, la psicologia positiva nell’ambito delle strutture organizzate è uno strumento più rilevante che mai.

L’insegnamento di questa disciplina scientifica che punta ad esaltare le virtù delle persone e la loro capacità di affrontare le nuove situazioni, metterà i giovani laureati nelle condizioni di essere protagonisti attivi di una nuova fase di sviluppo umano innovativo, inclusivo e positivo nel sistema delle relazioni umane e nella organizzazione del mondo del lavoro.

 

*Laura Dryjanska, PhD, Direttore del Programma Master in Psicologia Organizzativa Positiva, Professore associato di Psicologia, Università Biola, California (USA)

 

 

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia