Persone, Pianeta, Prosperità: la visione italiana alla Presidenza G20

presidenza g20

 

Il primo dicembre 2020 ha sancito ufficialmente l’avvio della Presidenza italiana al G20, la quale culminerà nel Vertice dei leader G20 ospitato il 30 e 31 ottobre a Roma. In un contesto in cui le relazioni internazionali tendono ad essere sempre più multidimensionali ed interconnesse, il programma italiano si articola intorno al trinomio People, Planet, Prosperity, offrendo delle linee guida per la cura del Pianeta e delle persone, assicurando una forte ripresa economica che sia al contempo inclusiva e sostenibile.

Per il nostro Paese si tratta di un’occasione irripetibile e di portata storica, che richiede uno spazio di riflessione su quelli che saranno i principali àmbiti di intervento e gli obiettivi del G20; allo stesso tempo, è opportuno considerare cosa significhi, per l’Italia, un incarico prestigioso e di tale responsabilità come è quello della Presidenza di quest’anno.

La pandemia ha causato danni profondi, incidendo negativamente sui sistemi sanitari, sugli indici di povertà, sull’andamento dell’economia globale: ci si trova ad affrontare oggi quello che è, forse, il momento più difficile dalla fine dei conflitti mondiali.

In tale contesto, l’Italia è chiamata a gestire ed interpretare, in modo consapevole, il ruolo di guida, coordinando i lavori del G20 che, mai come in questo 2021, non saranno solamente un momento di dialogo e di confronto, ma un punto di partenza per costruire insieme le politiche del mondo che verrà.

L’Italia opererà per assicurare una rapida risposta internazionale alla pandemia e per rafforzare la resilienza globale

Il G20 integra un organismo governativo internazionale informale composto da 19 Paesi (Arabia Saudita, Argentina, Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, India, Indonesia, Italia, Messico, Regno Unito, Russia, Sud Africa, Turchia, e Stati Uniti) e dall’Unione europea. Vi partecipano, inoltre, alcuni paesi con status (permanente o transitorio) di osservatore o invitato. La Spagna è un ospite permanente del Foro. Ogni anno la Presidenza di turno invita ai lavori, a propria discrezione, anche altri paesi. Per ampliare la portata e l’impatto del G20, e per garantire che la sua attenzione sia veramente globale, sono invitate a partecipare ai lavori del Foro anche le principali organizzazioni internazionali.

Ad esempio, nel 2021 la Presidenza italiana ha deciso di invitare l’ONU, il Consiglio per la Stabilità Finanziaria (FSB), il Fondo Monetario Internazionale (FMI), l’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OECD), la Banca Mondiale (WBG), l’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO), l’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e l’Organizzazione per l’Alimentazione e l’Agricoltura (FAO).

Istituito nel 1999, il G20 include le principali economie mondiali, le quali rappresentano circa il 90% del Pil globale, oltre che l’80% dei commerci e i 2/3 della popolazione del Pianeta. Il carattere economico del Foro è stato chiaro fin dal principio, in quanto esso è nato proprio come momento di consultazione dei ministri finanziari ed i governatori delle banche centrali dei maggiori paesi del mondo, sviluppatosi soprattutto in seguito alla crisi finanziaria asiatica dei due anni precedenti. Negli ultimi anni il Foro ha contribuito allo sviluppo di numerose politiche mondiali di rilievo, ampliando la sua sfera di operatività a nuovei settori di intervento, come l’ambiente, le infrastrutture, le tecnologie e la lotta alla corruzione.

Di fronte alla crisi generata dal Covid-19 a livello globale, l’Italia, attraverso la sua Presidenza, opererà per assicurare una rapida risposta internazionale alla pandemia e per rafforzare la resilienza globale alle crisi sanitarie del futuro. Inoltre, in questa importante occasione internazionale, potrà fungere da centro di congiunzione per la determinazione delle nuove “proporzioni del mondo”, nello sforzo di una governance della globalizzazione dal volto umano.

Guardando oltre la crisi, l’Italia potrà, con la sua Presidenza, contribuire ad una ripresa veloce del mondo, incentrata sulle necessità delle persone.

VADEMECUM PRESIDENZA ITALIANA G20

*Giovanni Tartaglia Polcini, Magistrato, membro del comitato Scientifico dell’Eurispes e Vicepresidente dell’Osservatorio sui Temi Internazionali dello stesso Istituto

 

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario