Istruzione e lavoro: una sfida aperta per i Servizi Pubblici per l’Impiego. Proposte innovative dall’Olanda

istruzione e lavoro

Istruzione e lavoro: i giovani hanno bisogno di informazioni attendibili

Costruire un ponte realmente utile ed efficace tra istruzione e lavoro è tuttora una sfida aperta che da tempo gli Stati europei stanno affrontando nei modi più diversi: con la rilevazione delle principali tendenze del mercato del lavoro, la skills intelligence basata sui dati dei posti disponibili, le indagini sui percorsi lavorativi dei diplomati e laureati, la elaborazione di anticipazioni e previsioni. Ma, nonostante questo impegno diffuso e supportato per diversi aspetti anche dalle Istituzioni europee, i risultati conseguiti non sono sufficienti. I profondi e rapidi cambiamenti del mondo del lavoro richiedono, obiettivamente, un ulteriore salto di qualità nelle iniziative in corso.

Un contributo significativo in questa direzione, definito come una “best pratice europea”, viene dall’Olanda che punta sulla organizzazione di un sistema in grado di fornire direttamente ai giovani delle informazioni chiare e dettagliate sul mercato del lavoro, sulle opportunità di occupazione e sull’avanzamento nella carriera professionale. Questo perché il principale nodo da sciogliere, secondo il Servizio Pubblico per l’Impiego olandese UWV, è raccogliere informazioni valide ma soprattutto essere capaci da trasmetterle ai giovani che in generale hanno una scarsa conoscenza degli andamenti del mercato del lavoro nel quale vogliono inserirsi.

Istruzione e lavoro: il sistema olandese del “Graduate Tracking”

Il nuovo metodo sperimentato finora con successo dal servizio pubblico olandese, in collaborazione con l’Istituto di ricerca SEO dell’Università di Amsterdam, si chiama “Graduate Tracking” e, in pratica, monitora il percorso professionale dei laureati che hanno trovato un posto di lavoro.

Per ricostruire questo percorso l’UWV ha misurato gli andamenti occupazionali e professionali  di 218.000 laureati all’anno e li ha confrontati con riferimento a 70 corsi di master, 87 corsi di studi di laurea e 104 corsi di formazione tecnico-professionale VET. Nello specifico, il monitoraggio si è svolto con un focus su due fasi: la prima relativa all’andamento occupazionale dopo un anno e mezzo dalla laurea e la seconda invece dopo dieci anni dalla laurea, per rilevare così anche gli effetti a lungo termine delle scelte lavorative. Il sistema è risultato affidabile, anche poco complesso, basato semplicemente su quattro indicatori del mercato del lavoro:

  1. Contratto permanente
  2. Salario orario
  3. Reddito annuale
  4. Tempo per trovare un lavoro ritenuto valido e rispondente alle proprie esigenze.

Il punteggio complessivo della posizione di un giovane sul mercato del lavoro è il risultato della combinazione di questi quattro elementi.

Graduate Tracking, un monitoraggio approfondito del mercato del lavoro

L’approccio del Graduate Tracking, ha consentito una lettura approfondita del mercato del lavoro ed ha messo in evidenza, ad esempio, una notevole differenza nel posizionamento dei giovani in relazione al tipo di laurea e di disciplina. I giovani con laurea triennale registrano una grande differenza di collocamento in relazione al corso di studio, nella posizione iniziale e in quella raggiunta dopo dieci anni. Diversa la situazione dei giovani con laurea magistrale che registra invece un generale, progressivo miglioramento nell’arco dei dieci anni successivi al primo collocamento. Il servizio pubblico olandese UWV ha classificato anche la posizione e il percorso dei giovani che fanno studi tecnico-professionali VET, con esperienze di scuola-lavoro. In questo caso, i risultati del monitoraggio hanno mostrato con chiarezza un posizionamento nel mercato del lavoro decisamente migliore per i giovani che hanno condotto questo tipo di esperienze rispetto ai giovani che hanno fatto soltanto un percorso di studi senza esperienze lavorative. Nel primo caso risultano più alti il tasso di occupazione, la percentuale di giovani con contratto a tempo indeterminato, il salario e il reddito.

Pro e contro del sistema di gradute tracking

Nel momento in cui presenta e diffonde questi dati, il sistema olandese di “graduate tracking” si configura come uno strumento molto utile per fornire agli studenti delle informazioni essenziali sul mercato del lavoro e orientarli meglio nelle loro scelte di studio e di lavoro; è un sistema valido, puntuale, economico (non ha bisogno di aggiornamenti frequenti). Allo stesso tempo, presenta anche alcuni svantaggi e sfide da risolvere in futuro. Ad esempio, è un sistema che non considera nell’analisi i laureati/diplomati che lasciano il paese o quelli che continuano l’istruzione formale. È retrospettivo, non predittivo, ha bisogno di un registro pubblico adeguato dove immagazzinare i dati e utilizza soltanto indicatori di base del mercato del lavoro. Il fatto da rilevare è che, nonostante i suoi pregi, questo sistema è ancora poco utilizzato in àmbito europeo: un’indagine dell’UWV ha evidenziato che tra le 29 migliori organizzazioni specializzate in materia in Europa, soltanto nove attualmente stanno applicando questo metodo.

Raccomandazioni degli esperti e della Commissione Europea

Il sistema del servizio pubblico olandese è stato presentato e valutato di recente da un gruppo di esperti europei nel corso di un seminario online, svolto il 17 marzo 2022, promosso dalla Rete Europea sui Mercati del Lavoro Regionali ENRLMM (Germania) e l’Istituto Eurispes. La relazione di base di Michel van Smoorenburg, del Dipartimento “Intelligence del Mercato del Lavoro” del Servizio Pubblico Olandese UWV e il successivo dibattito hanno evidenziato quanto sia importante organizzare un sistema informativo che arrivi direttamente ai giovani e anche alle loro famiglie, fornendo informazioni di facile accesso, di facile comprensione, attendibili. La situazione generale di incertezza che grava in modo diffuso su tutto il sistema del lavoro europeo richiede indubbiamente un deciso sforzo comune in questa direzione. Troppo elevato è il tasso dei giovani che restano a lungo disoccupati, non hanno un lavoro stabile, hanno un salario troppo basso, svolgono un lavoro non corrispondente alle proprie competenze.

Istruzione e lavoro: l’avvio in Europa di progetti pilota

Tra gli esperti intervenuti vale, a titolo di esempio, il richiamo fatto da  Kinga Szebeni, della Direzione Generale per l’occupazione e gli affari sociali della Commissione Ue (DG EMPL), ad una specifica “Raccomandazione sul tracciamento dei laureati” approvata dal Consiglio europeo  nel 2017, la quale ha delineato gli elementi essenziali del sistema di monitoraggio che dovrebbe essere applicato dagli Stati in questo àmbito; ulteriori sollecitazioni del documento riguardano la collaborazione tra gli organismi pubblici e privati e soprattutto uno sforzo comune per garantire una valida comparabilità dei dati a livello europeo, attualmente ancora molto lacunosa. Ed è proprio per favorire questo processo che è stato dato l’avvio ad alcuni progetti pilota, tra cui l’Euro Graduate Survey. Infine, è di rilievo il fatto che la DG EMPL della Commissione, nel condurre una mappatura sulla applicazione del sistema di “Graduate Tracking” negli Stati membri, ha scoperto che tale sistema è utilizzato, anche se in parte, soprattutto nei settori dell’istruzione superiore; molto più limitata è l’applicazione nel settore degli studi tecnico-professionali VET; una lacuna da colmare con iniziative urgenti. Per gli Stati e le autorità impegnate nella elaborazione dei piani di ricostruzione, questa segnalazione si presenta indubbiamente come una vera e propria priorità da affrontare.

 

*Eurispes, Dipartimento Internazionale.

Leggi l’articolo in inglese https://www.leurispes.it/graduate-tracking-an-open-challenge-for-public-employment-services-innovative-proposals-from-the-netherlands/

Leggi anche

 

Ultime notizie
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze
scuola e università
Istruzione

Scuola e Università per il futuro dell’Italia, investire in formazione e digitale

Scuola e Università per il futuro dell’Italia è il tema dell’incontro promosso dall’Osservatorio sulle Politiche educative dell’Eurispes, che ha avuto luogo a Roma nella giornata di ieri. Emerge il ruolo fondamentale della scuola, della formazione degli educatori, del digitale; attenzione alla prospettiva occupazionale e umana legata all’istruzione e alla possibilità di usare i fondi europei per colmare lacune e divario territoriale.
di Susanna Fara
scuola e università