Costruire alleanze attorno ad un grande progetto di sostenibilità sociale per affrontare i cambiamenti. Intervista a Nino Sorgi della CISL

sostenibilità sociale

È innegabile. La nostra esistenza non solo “passa da” Internet, ma è sempre più “spostata su” Internet. Non a caso Metaverso è la parola dell’anno. Un universo parallelo e virtuale non per forza aderente alle caratteristiche proprie di quella che noi definiamo la nostra “realtà”. Il web genera un luogo di infinite possibilità. Come già alcuni teorici sottolineavano quando i media non erano digitali e la loro fruizione era possibile solo in modalità passiva: il problema non è tanto lo strumento ma l’uso che se ne fa. E questo vale soprattutto per la veicolazione di informazioni e per le tipologie di comunicazione che viaggiano nei circuiti virtuali.

Proprio in questi giorni, sotto la spinta del conflitto tra la Russia e l’Ucraina, il Parlamento europeo ha proposto una serie di contromisure sulla scorta dei risultati dell’indagine della Commissione speciale sulla disinformazione e l’ingerenza straniera. Dall’indagine emerge infatti una generale mancanza di consapevolezza della gravità della manipolazione delle informazioni condotta da paesi stranieri, aggravata dalle lacune legislative e dalla difficoltà dei Paesi Ue di coordinarsi e darsi delle regole. Questo fenomeno si genera soprattutto attraverso le piattaforme Social. L’argomento interessa sempre più i diversi strati della società e anche le parti sociali si sono rese conto di quanto la “disinformazione elettronica” sia oggi più che mai un problema gravoso da affrontare per le importanti ricadute sui sistemi nazionali e sul mondo del lavoro. Ne abbiamo parlato con Nino Sorgi, Coordinatore Attività Internazionali della CISL.

Dottor Sorgi, il Coordinamento Internazionale Confederale della CISL ha recentemente promosso un incontro sul tema dal titolo “The Platform Society”, che cosa significa oggi per il sindacato occuparsi di fake news e comunicazione su Internet?

Significa stare dentro i processi di cambiamento della società. I cambiamenti derivano da processi che non abbiamo il potere di interrompere o combattere. Dobbiamo saperli cogliere, entrarci dentro per promuovere quelle linee di sostegno, di tutela e di difesa delle persone. L’informazione, bene primario di una società libera e democratica, attraverso la Rete e la diffusione incontrollata di notizie false, è sotto attacco. Dobbiamo esserne consapevoli e ragionare su quali strumenti di difesa si possano mettere in atto per svolgere appieno il nostro compito di soggetto sociale, attento ai bisogni delle persone. D’altro canto, dobbiamo tener presente che con le piattaforme sociali gestite ad esempio da Google, Facebook, Twitter, Instagram, Tik Tok, WhatsApp, siamo di fronte ad un oligopolio che attualmente ha in mano i dati di circa 4 miliardi di persone (più della metà degli abitanti del pianeta) e che, non a caso, è in assoluto il settore a più alta redditività a livello mondiale.  In questi anni i Social media sono diventati dei veri e propri Stati con leggi (termini e condizioni), cittadini (followers), economia (domanda e offerta di beni e servizi), metafisica e religione (l’algoritmo che elabora i dati e distribuisce i contenuti).

Come si pone il sindacato rispetto ad economie sempre più governate dagli algoritmi e dall’uso dei Big Data per orientare le politiche dei paesi ed anche gli orientamenti della società?

Le rispondo raccontando un’esperienza personale di qualche anno fa. Durante la riforma di Poste Italiane – allora guidavo la federazione dei postali della Cisl – proposi a Tancredi Bianchi, all’epoca presidente dell’ABI, di tentare una grande alleanza tra i due sistemi a rete: quello postale e quello bancario, evitando la proliferazione di tanti uffici inutili. L’alleanza non si fece per una sorta di visione elitaria del sistema bancario. Il risultato è che oggi il sistema bancario è in crisi e continua a chiudere filiali mentre Poste Italiane continua a crescere. Il senso di questa storia è che, per affrontare i grandi cambiamenti che abbiamo di fronte, occorre avere la capacità di costruire alleanze attorno ad un grande progetto di sostenibilità sociale, oltre che economica.

Come cambia in questo senso – cioè rispetto alla Gig economy e alla mancanza di regole in alcuni settori nuovi – il mondo del lavoro?

Più che cambiare, il mondo del lavoro viene stravolto. Se i requisiti fondamentali che caratterizzano il sistema delle tutele e delle garanzie non viene più rispettato – che è quello che oggi sta accadendo – siamo di fronte ad un atto di aggressione contro le parti più deboli della società. E noi, questo, non lo possiamo consentire.

Quali azioni, a Suo giudizio, è necessario intraprendere per tentare di governare il cambiamento?

Ribadisco: occorre avere la capacità di creare grandi alleanze. L’Europa ha costruito il Welfare State – vera pietra miliare nello sviluppo dei paesi europei – grazie alla condivisione di un modello tra le controparti di allora. Perché oggi, nel pieno della rivoluzione digitale, non si può ricreare quel clima per garantire e tutelare gli interessi di tutti? Ad esempio. Nel nostro documento sulla “Platform Society” abbiamo raccolto e fatto nostra la raccomandazione dell’UNESCO agli operatori pubblici e privati contenuta, nel Memorandum di Ugra (2021), di adottare un Codice Etico Digitale Universale per indirizzare la rivoluzione digitale verso un reale progresso equo e condiviso e vorremmo che il Governo italiano intensificasse l’impegno ad operare in questa direzione, anche in sintonia con le autorità europee. Solo una regolamentazione legislativa e contrattuale che faccia riferimento a chiari valori da rispettare può correggere e bloccare gli impatti sociali negativi e aprire a nuovi scenari di reale avanzamento. I sindacati sono pronti a dare il proprio contributo nel quadro di un dialogo sociale rafforzato. Inoltre, abbiamo anche proposto, nell’ambito della cosiddetta bilateralità, di introdurre nei contratti collettivi nazionali di lavoro CCNL una Commissione bilaterale sull’Intelligenza Artificiale per valutare l’impatto della introduzione delle nuove tecnologie digitali sui lavoratori e sui processi produttivi. Anche all’interno delle singole aziende sarebbe opportuno introdurre la figura di un Responsabile sindacale per la digitalizzazione che operi in modo bidirezionale con il Responsabile aziendale della protezione dei dati.     

L’informazione è il nuovo paradigma che definisce il potere. Un potere inteso dunque come la possibilità e la capacità di detenere le informazioni e gestire la comunicazione. E questo concetto, come scriveva Manuel Castells già alla fine degli anni Novanta, è vero per qualsiasi entità riesca ad accumulare e gestire informazioni, che si tratti di uno Stato, di una multinazionale o altro. Quanti hanno davvero cognizione di quale sia un’informazione artefatta e quale invece corrispondente alla realtà?

Partiamo col dire che l’informazione è uno dei pilastri su cui si fonda lo sviluppo libero e democratico di una società. Per questo, non può essere oggetto di strumentalizzazione o sottoposta all’occupazione strumentale da parte di alcuni centri di potere per fini contrari all’interesse comune. Dobbiamo diffondere questa consapevolezza attraverso la nostra capacità di far crescere una cultura sociale che veda nell’informazione uno strumento di ampiamento delle proprie conoscenze. Un arricchimento a cui tutti devono poter partecipare. È una lotta dura, non vi è dubbio. Lo dimostra il fatto che da quando nel 2019 la nuova Commissione Europea ha deciso di proporre normative più stringenti per il settore digitale, la spesa per lobbyingdelle aziende tech ha cominciato a crescere fino a raggiungere i 97 milioni di euro l’anno. Parallelamente, è cresciuta la loro influenza politica. Solo dieci aziende sono responsabili di quasi un terzo della spesa totale delle lobby tecnologiche. In particolare: Vodafone (€ 1.750.000), IBM (€ 1.750.000), QUALCOMM (€ 1.750.000), Intel (€ 1.750.000), Amazon (€ 2.750.000), Huawei (€ 3.000.000), Apple(€ 3.500.000), Microsoft (€ 5.250.000), Facebook (€ 5.550.000) e con il budget più alto, Google (€ 5.750.000) (Vedi il Rapporto dell’Osservatorio sulle Lobby, 2021).

Secondo Lei, come possiamo difenderci dalle fake news in un contesto ormai globalizzato dove i flussi informativi sono talmente eterogenei da essere difficili da gestire?

Ripeto il concetto: bisogna capire in quale direzione stia andando il mondo. Solo nel momento in cui abbiamo la certezza di aver compreso la natura del cambiamento, possiamo individuare le giuste alleanze per costruire un percorso di governabilità di questi processi. Io sono convinto che non si possa combattere il cambiamento. Non è il tempo delle barricate. È il tempo di studiare, approfondire e ricercare soluzioni comuni.

Ultime notizie
Last 20
Diritti umani

Last 20*: sono gli ultimi l’altra faccia del nostro Pianeta

“Last 20, gli Ultimi della Terra”, sono i 20 paesi più poveri al mondo, in contrapposizione a quelli del G20. La distanza tra questi due blocchi è abissale, e cresce di anno in anno, alimentata da crisi internazionali e guerre. Ai Last 20 è dedicato un Comitato e un ciclo di incontri.
di Tonino Perna** e Ugo Melchionda***
Last 20
idrogeno
Italia Domani

Idrogeno verde, alleato della decarbonizzazione dei processi industriali in Ue

In Europa e in Italia, i progetti legati all’idrogeno stanno crescendo in ogni ambito e rappresentano una soluzione per decarbonizzare i processi industriali e i comparti economici in cui la riduzione delle emissioni di carbonio è urgente e allo stesso tempo difficile.
di Claudia Bugno*
idrogeno
scuola paritaria
Scuola

Il contributo della scuola paritaria al sistema nazionale di istruzione: numeri, problemi, possibilità

La scuola paritaria in Italia accoglie 817.413 studenti in 12.096 scuole ogni anno, contribuendo al sistema nazionale di istruzione. Eppure, le scuole paritarie sono ancora escluse da sostanziosi finanziamenti e progetti del Ministero, anche quelli previsti dal PNRR.
di Elena Ugolini
scuola paritaria
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città