La sinergia portuale tra Calabria e Sicilia per valorizzare lo Stretto di Messina

stretto

La rivista online dell’Eurispes torna a parlare di crescita del nostro Mezzogiorno e lo fa con l’Ingegnere Mario Paolo Mega, Presidente della Autorità di Sistema Portuale dello Stretto di Messina dal maggio del 2019. Una nomina che ha reso pienamente operativa la 16esima Autorità portuale del nostro Paese, nata con l’obiettivo di ammodernare e rilanciare i porti di Messina, Milazzo, Tremestieri, Villa San Giovanni e Reggio Calabria, insieme allo sviluppo dell’economia dell’area strategica dello Stretto.

Presidente, l’istituzione di questa Autorità Portuale è stata inizialmente contrastata dalla Regione Calabria che ne rivendicava una sorta di competenza per la gestione diretta dei porti di Reggio e Villa San Giovanni. Quanto e perché può essere strategico, invece, avere un sistema portuale interregionale in un’area così importante per lo sviluppo dell’intero Mezzogiorno?

Il tema della mobilità sullo Stretto è stato sempre approcciato in modi distinti: da un lato i porti calabresi, dall’altro i porti siciliani. L’idea di una Autorità di Sistema Portuale Unica e, quindi, dell’Autorità dello Stretto, è nata, secondo me, per poter avere, in maniera molto intelligente, un unico ente che pianificasse e gestisse sia la partenza sia l’arrivo dei passeggeri sui due terminali, siciliani e calabresi. Questo si sta dimostrando vincente, perché in questo primo anno di attività – per la prima volta – abbiamo una programmazione di interventi, una pianificazione che è unitaria. Oltretutto, le tipologie di traffico che vengono gestite nei nostri porti sono completamente diverse da quelle che vengono gestite nella Autorità di Gioia Tauro, come anche in quella di Augusta-Catania. Diciamo che lo Stretto ha una sua specificità anche dal punto di vista trasportistico e portuale che riusciamo, in maniera dedicata, ad approfondire meglio rispetto a quelle che sono altre modalità di approccio. Questo aspetto credo che sia stato compreso anche dagli amministratori, tant’è che negli ultimi tempi abbiamo la piena agibilità da parte sia dell’Amministrazione regionale della Calabria, sia da quella della Sicilia. Significa che l’intuizione del Parlamento, e poi la nostra azione, sta dimostrando la piena efficacia dell’idea originale.


 

Quale programmazione sta seguendo questa Authority per la sinergia delle due aree metropolitane di Messina e Reggio Calabria?

Come dicevo, non esisteva una programmazione unitaria sui porti dello Stretto. Con il nostro piano operativo triennale – approvato ad agosto dell’anno scorso – abbiamo cominciato a definire una strategia poi confluita nel nostro primo Bilancio (approvato a fine del 2020), con il quale stiamo mettendo in campo risorse importanti: quasi 70 milioni di euro (di avanzo di amministrazione) subito messi a disposizione di una serie di interventi di cui abbiamo già cominciato ad avviare le progettazioni. L’attenzione primaria sarà quella del miglioramento delle condizioni di gestione della ricettività dei passeggeri, soprattutto di quelli a piedi. Perché c’è una mobilità sullo Stretto, in particolare tra le città di Messina e Reggio Calabria, che è costituita da tanti pendolari che si muovono giornalmente e spesso in condizioni non ottimali. La nostra attenzione, in questo momento, è rivolta ad interventi finalizzati alla realizzazione, per esempio, di una nuova stazione marittima a Villa San Giovanni integrata con la stazione ferroviaria; di un nuovo polo per la mobilità sui mezzi veloci a Messina – anche in questo caso vicino alla stazione ferroviaria – e, analogamente, su Reggio Calabria per migliorare le condizioni dei mezzi veloci, perché questo è il primo obiettivo a cui dobbiamo tendere.

 

Adesso parliamo di turismo; i porti che ricadono sotto la gestione diretta di questa Authority hanno una vocazione turistica specifica: parlo per esempio di Milazzo la porta per le Isole Eolie, del porto di Messina, scalo preferito e privilegiato dalle grandi navi da crociera, lo stesso porto di Reggio Calabria è un porto che si apre ad una città che offre tanta cultura a partire dal Museo Nazionale di Archeologia. A Suo avviso, lo sviluppo del Sud può ripartire dal settore del turismo? Come può un sistema portuale integrato nello Stretto favorire questo rilancio?

L’area dello Stretto, dal punto di vista paesaggistico e culturale, è assolutamente unica. Ci sono delle rilevanze significative e noi, come sistema portuale, contiamo molto sulla valorizzazione di questi aspetti. Fin dalle prime settimane del mio insediamento ho cominciato a lavorare con gli Enti locali e con le Camere di Commercio, perché da quella che era la destinazione crocieristica “Messina” dobbiamo riuscire a passare presto alla destinazione crocieristica “area dello Stretto”. Abbiamo già individuato un logo che useremo per la promozione – che è quella dei porti dello Stretto – e stiamo lavorando per costruire un piano di marketing dell’area che consenta di rendere fruibili tutte le bellezze di tipo culturale, storico, paesaggistico, culinario che è possibile reperire in queste aree, facendole diventare motivo per escursioni. Speriamo di riuscire ad estendere il raggio delle escursioni delle navi che ormeggiano a Messina anche a Reggio Calabria, puntando in maniera importante, per esempio, sul Museo Nazionale dove sono custoditi i Bronzi di Riace; in una prospettiva di medio termine, l’obiettivo è quello di attrezzare il porto di Reggio per renderlo un porto dove possano ormeggiare navi da crociera. Pertanto, sicuramente il turismo costituisce una leva importante per lo sviluppo di questi territori, e i porti possono contribuire notevolmente: portando crocieristi, i turisti dei maxi yacht e del turismo nautico. Ci sono diverse funzioni che partendo dalle bellezze del territorio possono tranquillamente creare opportunità di crescita.

 

Leggi anche

Presidente, Le chiedo adesso di mettersi gli abiti dell’ingegnere. Le applicazioni tecnologiche e la digitalizzazione, applicate agli scali e, quindi, ad un sistema portuale, possono rendere all’avanguardia anche i nostri porti. L’Authority si sta muovendo in questa direzione? Ci sono stati degli interventi o degli investimenti che avete già in cantiere?

Le infrastrutture moderne sono fatte di parti fisiche e di molte parti immateriali, quindi la transizione digitale è uno degli obiettivi del nostro Ente. Questo vuol dire che spesso è possibile evitare di realizzare nuove infrastrutture fisiche, diminuendo anche gli impatti ambientali sui territori, migliorando i servizi, mettendo in condivisione le informazioni, rendendo i passeggeri utilizzatori di un sistema di dati, di informazioni, di notizie e di servizi che vengono generati in automatico e sono collegati all’operatività dei porti. Immaginiamo quanto ci sia da fare, per esempio, per consentire agli autotrasportatori che in questo momento si approcciano ai porti di Reggio di Villa San Giovanni per traghettare senza avere certezza di quali saranno i tempi di attesa? Stiamo cominciando a lavorare su queste iniziative con il fine di trasferire tutta l’attività dell’Ente su piattaforme digitali. Spero di riuscire, entro il mio primo mandato, di far diventare l’Autorità di Sistema un Ente full digital, in cui tutte le procedure saranno re-ingegnerizzate, cioè saranno ripensate utilizzando gli strumenti della tecnologia, così da fare semplificazione e da aumentare la trasparenza dei procedimenti e consentire, soprattutto a tutti gli utilizzatori dei nostri servizi, di conoscere in tempo reale le informazioni sia sulle pratiche amministrative sia sui servizi che utilizzano. Stiamo cominciando, anche in questo caso, a progettare gli interventi; abbiamo già individuato anche le risorse, e il 2021 sarà proprio l’anno di partenza di questo importante piano di trasformazione digitale.

 

*Maurizio Lovecchio è direttore della sede Eurispes della Calabria.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang