Si investe sempre di più in ricerca e sviluppo nei paesi Ocse

Appena prima della crisi del Covid-19 , i paesi Ocse hanno intensificato gli investimenti in R&S, acronimo utilizzato per indicare la quota di ricerca e sviluppo. Le ultime statistiche ufficiali infatti indicano che la spesa in R&S nell’area Ocse è cresciuta in termini reali del 4% nel 2019. Inoltre, secondo gli ultimi dati pubblicati il 18 marzo nel database Main Science and Technology Indicators (MSTI) dell’Ocse, l’intensità di R&S, ovvero la spesa interna per ricerca e sviluppo espressa in percentuale del Pil, è salita nei paesi Ocse dal 2,4% nel 2018 a quasi il 2,5% nel 2019.

La crescita dell’intensità di R&S ha interessato la maggior parte dei paesi Ocse nel 2019, in primo luogo gli Stati Uniti, la Germania e la Corea. Negli Stati Uniti, la quota di R&S ha superato il traguardo del 3% per la prima volta, mentre l’intensità di R&S della Cina è cresciuta dal 2,1% al 2,2%.

L’Italia ha invece visto una quota di R&S del 1,45% rispetto al Pil nel 2019 (in lieve rialzo rispetto al 2018, quando l’intensità degli investimenti in R&S rappresentavano il 1,43%).

L’area Ue ha sperimentato un aumento del 2,1% guidato dalla Germania

Al contrario, l’area UE27 ha sperimentato un aumento più modesto del 2,1%. La crescita degli investimenti in ricerca e sviluppo nell’area UE27 ha avuto una accelerazione a partire dal 2016, principalmente guidata dalla Germania, pur con un tasso di crescita inferiore rispetto a Cina e Stati Uniti nello stesso periodo. Tuttavia, la performance dell’UE27 supera quella del Giappone, che invece è passato dallo spendere l’equivalente di due terzi del totale dell’UE27 nel 2000 a meno della metà nel 2019. La Corea e il Regno Unito offrono un’altra interessante analisi. Anche se i paesi avevano livelli identici di spesa in R&S nel 2008, la Corea ha riportato il doppio di R&S rispetto al Regno Unito appena un decennio dopo.

Il settore privato ha trainato la spesa in ricerca e sviluppo nel 2019

Nel 2019, è il settore privato ad aver maggiormente contribuito alla crescita totale della spesa per la R&S nell’area Ocse, che rappresentando il 71% di tutte le prestazioni di R&S nell’area Ocse con un incremento degli investimenti in R&S del 4,6% nel 2019. D’altra parte, la R&S a livello governativo ha comunque registrato una ripresa. La R&S nel settore dell’istruzione superiore è cresciuta del 2,4%, mentre gli investimenti in materia di R&S a livello governativo sono aumentate del 3,4%, confermando una parziale inversione di tendenza rispetto al passato.

L’intensità di R&S a livello governativo, sebbene di straordinaria rilevanza, è solo uno dei vari indicatori usati per misurare il progresso verso il raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 9 delle Nazioni Unite sull’Innovazione. È necessaria una prospettiva più ampia per valutare il pieno contributo dell’intensità di R&S statale all’innovazione, che tenga conto, per esempio, dei finanziamenti non diretti alla R&S, come il sostegno alle università e gli incentivi fiscali per la R&S aziendale.

Industria e conoscenza la categoria in cui R&S ha visto un più rapido incremento

L’Ocse ha elaborato una mappatura sperimentale del supporto governativo alla R&S su quattro cluster di interesse ai fin degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite: salute e società, industria e conoscenza, clima e infrastrutture, sicurezza. “Industria e conoscenza” è stata la categoria in cui il sostegno alla R&S ha visto un più rapido incremento, riflettendo una maggiore enfasi su forme non dirette di sostegno alla R&S. I finanziamenti esplicitamente destinati a “salute e società” sono saliti nel 2019, diventando la seconda maggiore area di finanziamento.

Per quanto riguarda il 2020, la raccolta di dati è ancora in corso. L’Ocse ha però sviluppato ed esaminato i diversi indicatori principali per fornire una proiezione più tempestiva dello stato degli investimenti in R&S, con lo scopo di assistere i governi e in generale tutti i possibili fruitori di tali informazioni.

Leggi anche

Gli investimenti in ricerca e sviluppo delle grandi aziende hanno continuato a crescere i maniera significativa nel 2020 (anche se ad un tasso significativamente inferiore a quello del 2019) ma con notevoli differenze tra le industrie, con profonde implicazioni potenziali per quei paesi con aziende specializzate in settori più negativamente colpiti dalla crisi. Il settore della tecnologia dell’informazione e della comunicazione (ICT) e quello biomedico hanno mostrato un incremento in ricerca e sviluppo, mentre altre aree, specialmente la tecnologia dei trasporti, tendono a una diminuzione degli investimenti. Nel complesso, se confermato dai dati ufficiali, questa sarebbe la prima crisi economica globale nella storia dell’OCSE durante la quale non si assista a un calo dell’investimento di ricerca e sviluppo a livello industriale. Nel 2020 gli investimenti in R&S sono cresciuti più velocemente (o sono diminuiti meno) delle entrate. Questo è indicativo di un aumento trasversale dell’intensità di R&S in tutte le industrie.

I budget dei singoli Stati in ricerca e sviluppo sono aumentati del 6,2% nel 2020

Sul fronte governativo, sempre per quanto riguarda i dati disponibili a marzo 2021, i budget dei singoli Stati per la voce R&S sono aumentati del 6,2% nel 2020. Questa stima rappresenta un netto aumento rispetto al 2019, quando i budget di R&S sono aumentati del 3,2% rispetto all’anno precedente. Tale incremento può riflettere da un lato maggiori finanziamenti R&S autorizzati precedentemente, dall’altro un sostegno d’emergenza nel contesto della pandemia, soprattutto per la R&S legata alla sanità, per lo sviluppo di vaccini e cure in risposta al Covid-19.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze