International

Lavoro, come individuare gli skills vincenti in un mondo che cambia

62

Occupazione e mercato del lavoro nell’era della quarta rivoluzione industriale: individuare e valutare le competenze adeguate alle esigenze di un mercato europeo in costante evoluzione è un nodo cruciale per alcune specifiche categorie, a partire dai giovani.
Per l’Italia, l’Eurispes parteciperà i prossimi 10 e 11 settembre alla 13^ Conferenza annuale della Rete Europea sui mercati del lavoro regionali – ENRLMM, in Gran Bretagna, che sarà dedicata proprio a questo tema.

La domanda di base che fu posta al primo incontro in Germania nel 2006 fu la seguente: come contribuire alla costituzione di un unico mercato del lavoro europeo? È questo l’impegno strategico che fu assunto dai partecipanti, tra cui l’Eurispes, in tale occasione e che è stato poi sviluppato nel corso degli anni da una delle più importanti e diffuse Reti europee sui problemi dell’occupazione e del lavoro: la Rete Europea ENRLMM, sul monitoraggio dei mercati del lavoro regionali, composta da circa 450 membri provenienti da tutta Europa, dalla Lapponia al Portogallo, dalla Russia agli stati mediterranei. Promossa e coordinata dall’ Istituto Iwak della Università W. Goethe di Francoforte, in Germania, in tredici anni di attività, intensa e costante, questa rete europea è riuscita a raccogliere ed impegnare nelle attività di analisi, confronto e proposte progettuali, un gran numero di istituti specializzati, pubblici e privati, esperti di settore, osservatori e servizi pubblici, che operano a livello regionale e locale, sempre in costante raccordo con le autorità europee e dei singoli stati nazionali.

Il confronto continuo e le proposte in materia trovano un punto di riferimento in due iniziative precise: gli “Incontri Annuali” che si svolgono regolarmente nelle più diverse città europee e la pubblicazione di una “Antologia”, in lingua inglese, che raccoglie i risultati più importanti delle diverse esperienze promosse negli ambiti territoriali di tutta Europa. L’intero lavoro del Coordinamento, svolto dal direttore dell’istituto Iwak Christa Larsen e dalla responsabile della gestione della rete Sigrid Rand, è supportato da un Comitato Scientifico la cui presidenza è stata affidata all’ Eurispes, nella persona di Marco Ricceri, dopo essere stata tenuta per diversi anni dal direttore dell’istituto sui problemi del lavoro dell’Università Napier di Edimburgo Roland Mc. Quaid, attualmente trasferito all’università di Stirling, UK. Integra la struttura uno specifico gruppo di esperti, impegnato nella analisi dell’impiego dei Big Data nel mercato del lavoro, coordinato da Eugenia Atin dell’agenzia spagnola PROSPEKTIKER.

Il 13° incontro si svolgerà in Gran Bretagna, ospite della Business School della Università di Exeter e in particolare dell’Osservatorio Marchmont sulla Occupazione e le Competenze, dove opera uno dei membri della Rete, Andrew Dean. Il tema scelto riguarda il problema dello sviluppo di qualifiche (Skills) adeguate in un mondo del lavoro in continuo cambiamento, soprattutto per alcune specifiche categorie sociali, a cominciare dai giovani.
Come individuare, valutare, monitorare i diversi processi in atto nelle regioni europee, al fine di fornire indicazioni e suggerimenti validi agli operatori pubblici e privati? In Europa, è opinione comune a tutti i livelli, che il problema della promozione di qualifiche e delle competenze sia decisivo per il funzionamento del mercato del lavoro, per la salvaguardia dei livelli occupazionali, per gli incrementi della produttività del lavoro e, in ultima analisi, per la costruzione di condizioni valide a mantenere un buon livello di protezione sociale e di diffuso benessere. Ma, come individuare queste qualifiche e competenze, in una situazione che vede continuamente il formarsi, ad esempio, di nuove professioni e di nuove esigenze aziendali? Come misurare e valutare questi processi? Un confronto approfondito, in àmbito europeo, tra i principali orientamenti e le esperienze più positive può sicuramente consentire di offrire alle autorità europee, nazionali e regionali, delle indicazioni molto importanti. A tal proposito, occorre ricordare che l’Unione Europea non ha delle competenze dirette in materia di lavoro, come del resto neppure nelle politiche sociali; può soltanto intervenire collaborando con gli stati nazionali e le autorità regionali con specifiche indicazioni ed interventi di sostegno. Ma, il fatto inoppugnabile è che, dopo tanti anni di esperienza comunitaria, siamo ancora ben lontani dall’aver costruito un significativo ed efficiente mercato del lavoro europeo; un fatto tanto più grave quanto più i nostri sistemi di produzione e lavoro sono entrati in quella che molti definiscono la 4^ rivoluzione industriale. Da qui l’importanza di iniziative come quella promossa dalla rete Europea ENRLMM che esprime una gran volontà di fare, e di far bene, per il rafforzamento del processo di integrazione comunitaria.

Website: www.regionallabourmarketmonitoring.net

Ultime notizie
Salute

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli, che aveva come obiettivo quello di ridefinire il tema della responsabilità medica e arginare la medicina difensiva, abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione