Le elezioni presidenziali in Iran delineano un quadro di continuità

Iran

Le elezioni presidenziali in Iran di venerdì scorso hanno suscitato poco interesse nel paese, ma molta attenzione all’estero. Mentre, infatti, l’affluenza è rimasta bassa – e veniva confermato con il 62% dei voti il previsto vincitore, l’ex giudice conservatore Ebrahim Raisi –, grande spazio ed interesse veniva riservato dai mass-media regionali e internazionali.

Un paese stretto tra sanzioni e pandemia

Un paradosso solo apparente. Dopo 8 anni il Presidente Rohani presentava un bilancio in chiaroscuro a un paese sfiancato dalla crisi economica, dove la pandemia da Coronavirus ha avuto un impatto tremendo, e le cui speranze di cambiamento per questo non hanno potuto germogliare e affermarsi, soprattutto tra i giovani e le donne, come invece è stato il caso, per esempio, del 2009, oppure della prima elezione di Rohani. Per colpa anche della “pressione massima” esercitata da Trump: le sanzioni economiche hanno, infatti, continuato a colpire duro, non permettendo a Rohani di dar seguito alle promesse che aveva fatto per convincere l’ala più dura che era stato saggio impegnarsi in un patto sul nucleare con gli Usa e la comunità internazionale. Un ulteriore colpo a questo percorso di apertura era stato poi l’assassinio del carismatico Suleimani e la continua campagna israeliana contro infrastrutture e scienziati nucleari. Privato di successi all’estero, Rohani non ha saputo riformare il contesto esterno, soprattutto in termini economici e sociali.

Il suo elettorato lo ha capito, malgrado i tentativi dell’ultimo minuto di dare una spinta sui temi più economici con il candidato a lui più vicino, l’ex Governatore della Banca Centrale Abdolnaser Hemmati. Ma se la rassegnazione nel campo riformista regna sovrana, non si gioisce nemmeno nel campo più oltranzista, dove per esempio era stato escluso dal partecipare alle elezioni il famigerato e noto ex Presidente Ahmadinejad.

Le elezioni hanno confermato il sessantenne Raisi

Il paese ha interpretato questa elezione più che altro come un passaggio interno, e nemmeno l’ultimo, nella successione al sempre più cagionevole Ayatollah Khamenei, la Guida Suprema della Repubblica Islamica. E, la scelta del sessantenne Raisi, da questo punto di vista, sembrerebbe rappresentare un punto di equilibrio, che non suscita gli entusiasmi di nessuno, ma rassicura molti, soprattutto all’interno del regime, su una linea di blanda e centrista continuità. Un esito che sembra non scontentare neppure Rohani, viste anche le difficoltà affrontate e i possibili rovesciamenti che ne potevano seguire, segnalata dall’immediato riconoscimento della vittoria di Raisi da parte di tutti gli altri candidati. Come a chiudere un dossier interno, sul cui consenso implicito si era già lavorato, e come suggerito dalla Guida Suprema Khamenei.

L’Iran ha scelto di non scegliere

Ma se il paese era rassegnato, in attesa di tempi migliori, e ha scelto di non scegliere definitivamente tra le due anime più vitali della politica interna (i riformisti e i reazionari,) l’interesse all’estero – e soprattutto tra i suoi vicini regionali – cresceva proprio per questo. Per questa linea centrista interna, che guarda certo ai conservatori e non ai riformisti, ma senza eccessi, è molto probabile che a guidare le mosse del nuovo Presidente sarà il più puro e cinico realismo politico.

Giochi di influenze in Iraq, Siria e Libano

Non pare infatti che vi sia consenso sufficiente per gli ultrareazionari alla Ahmadinejad per interrompere la ripresa dei negoziati già in corso a Vienna sulla ripresa dell’Accordo sul nucleare. Né, d’altro canto, per interrompere quel gioco di influenza che vede l’Iran più come Stato sciita che come regime, dare molte carte in Iraq, sostenere in Siria il sopravvissuto Assad, e influenzare in Libano le mosse esterne di Hizballah. Ulteriori conferme di questa continuità sono non solo le rassicurazioni del Ministro degli Esteri iraniano Zarif sul prossimo invio di un ambasciatore a Riad, ma anche le cautele dell’arcinemico saudita, che pare gradire. Il che significa anche nessuna escalation della tragica e già sanguinosa guerra nello Yemen.

In Iran sembra delinearsi un quadro di continuità

Tutto sommato, dunque, un quadro di continuità sembra delinearsi, in una sorta di pareggio in attesa del secondo turno dopo le eliminatorie, nel torneo tra Occidente e Iran. In questo passaggio, a voler essere cinici fino in fondo, in spregio al disilluso popolo astenutosi, l’Iran potrebbe essere perfino utile in Afghanistan, dove gli Usa si stanno ritirando, in un quadro di contenimento della possibile recrudescenza dei Talebani, soprattutto nella tutela della martoriata minoranza sciita degli hazara, recentemente uccisi a decine mentre dormivano dopo il loro lavoro con una Ong antimine occidentale. Ma questo significherebbe allargare lo spettro del confronto politico, ora settoriale e tecnico a Vienna solo sul nucleare, ed è probabilmente uno sviluppo ancora non maturo, soprattutto in Europa e negli Usa.

*Fabio Nicolucci, Senior Gulf Analyst, NATO Defence College Foundation.

Leggi anche

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu