Le elezioni presidenziali in Iran delineano un quadro di continuità

Iran

Le elezioni presidenziali in Iran di venerdì scorso hanno suscitato poco interesse nel paese, ma molta attenzione all’estero. Mentre, infatti, l’affluenza è rimasta bassa – e veniva confermato con il 62% dei voti il previsto vincitore, l’ex giudice conservatore Ebrahim Raisi –, grande spazio ed interesse veniva riservato dai mass-media regionali e internazionali.

Un paese stretto tra sanzioni e pandemia

Un paradosso solo apparente. Dopo 8 anni il Presidente Rohani presentava un bilancio in chiaroscuro a un paese sfiancato dalla crisi economica, dove la pandemia da Coronavirus ha avuto un impatto tremendo, e le cui speranze di cambiamento per questo non hanno potuto germogliare e affermarsi, soprattutto tra i giovani e le donne, come invece è stato il caso, per esempio, del 2009, oppure della prima elezione di Rohani. Per colpa anche della “pressione massima” esercitata da Trump: le sanzioni economiche hanno, infatti, continuato a colpire duro, non permettendo a Rohani di dar seguito alle promesse che aveva fatto per convincere l’ala più dura che era stato saggio impegnarsi in un patto sul nucleare con gli Usa e la comunità internazionale. Un ulteriore colpo a questo percorso di apertura era stato poi l’assassinio del carismatico Suleimani e la continua campagna israeliana contro infrastrutture e scienziati nucleari. Privato di successi all’estero, Rohani non ha saputo riformare il contesto esterno, soprattutto in termini economici e sociali.

Il suo elettorato lo ha capito, malgrado i tentativi dell’ultimo minuto di dare una spinta sui temi più economici con il candidato a lui più vicino, l’ex Governatore della Banca Centrale Abdolnaser Hemmati. Ma se la rassegnazione nel campo riformista regna sovrana, non si gioisce nemmeno nel campo più oltranzista, dove per esempio era stato escluso dal partecipare alle elezioni il famigerato e noto ex Presidente Ahmadinejad.

Le elezioni hanno confermato il sessantenne Raisi

Il paese ha interpretato questa elezione più che altro come un passaggio interno, e nemmeno l’ultimo, nella successione al sempre più cagionevole Ayatollah Khamenei, la Guida Suprema della Repubblica Islamica. E, la scelta del sessantenne Raisi, da questo punto di vista, sembrerebbe rappresentare un punto di equilibrio, che non suscita gli entusiasmi di nessuno, ma rassicura molti, soprattutto all’interno del regime, su una linea di blanda e centrista continuità. Un esito che sembra non scontentare neppure Rohani, viste anche le difficoltà affrontate e i possibili rovesciamenti che ne potevano seguire, segnalata dall’immediato riconoscimento della vittoria di Raisi da parte di tutti gli altri candidati. Come a chiudere un dossier interno, sul cui consenso implicito si era già lavorato, e come suggerito dalla Guida Suprema Khamenei.

L’Iran ha scelto di non scegliere

Ma se il paese era rassegnato, in attesa di tempi migliori, e ha scelto di non scegliere definitivamente tra le due anime più vitali della politica interna (i riformisti e i reazionari,) l’interesse all’estero – e soprattutto tra i suoi vicini regionali – cresceva proprio per questo. Per questa linea centrista interna, che guarda certo ai conservatori e non ai riformisti, ma senza eccessi, è molto probabile che a guidare le mosse del nuovo Presidente sarà il più puro e cinico realismo politico.

Giochi di influenze in Iraq, Siria e Libano

Non pare infatti che vi sia consenso sufficiente per gli ultrareazionari alla Ahmadinejad per interrompere la ripresa dei negoziati già in corso a Vienna sulla ripresa dell’Accordo sul nucleare. Né, d’altro canto, per interrompere quel gioco di influenza che vede l’Iran più come Stato sciita che come regime, dare molte carte in Iraq, sostenere in Siria il sopravvissuto Assad, e influenzare in Libano le mosse esterne di Hizballah. Ulteriori conferme di questa continuità sono non solo le rassicurazioni del Ministro degli Esteri iraniano Zarif sul prossimo invio di un ambasciatore a Riad, ma anche le cautele dell’arcinemico saudita, che pare gradire. Il che significa anche nessuna escalation della tragica e già sanguinosa guerra nello Yemen.

In Iran sembra delinearsi un quadro di continuità

Tutto sommato, dunque, un quadro di continuità sembra delinearsi, in una sorta di pareggio in attesa del secondo turno dopo le eliminatorie, nel torneo tra Occidente e Iran. In questo passaggio, a voler essere cinici fino in fondo, in spregio al disilluso popolo astenutosi, l’Iran potrebbe essere perfino utile in Afghanistan, dove gli Usa si stanno ritirando, in un quadro di contenimento della possibile recrudescenza dei Talebani, soprattutto nella tutela della martoriata minoranza sciita degli hazara, recentemente uccisi a decine mentre dormivano dopo il loro lavoro con una Ong antimine occidentale. Ma questo significherebbe allargare lo spettro del confronto politico, ora settoriale e tecnico a Vienna solo sul nucleare, ed è probabilmente uno sviluppo ancora non maturo, soprattutto in Europa e negli Usa.

*Fabio Nicolucci, Senior Gulf Analyst, NATO Defence College Foundation.

Leggi anche

Ultime notizie
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale
G20
Briefing

G20, pandemia come cartina tornasole dell’imprescindibilità del multilateralismo

People, Planet e Prosperity sono i tre pilastri della Presidenza italiana del G20, ai quali se ne aggiunge un altro dettato dalle necessità legate alla pandemia: la salute globale. La crisi sanitaria ha reso evidente la necessità del multilateralismo, ovvero della cooperazione e condivisione delle strategie di contrasto.
di Alessandro Modiano*
G20
sardegna
Ambiente

Sardegna, un’isola in fiamme che racconta la crisi climatica

Le immagini di una Sardegna in fiamme hanno evidenziato le già note conseguenze dei cambiamenti climatici, e la necessità di una maggiore sensibilità ecologica globale. Ma bisogna anche presidiare il territorio, dato che 6 roghi su 10 risultano essere dolosi.
di Giuseppe Pulina
sardegna
Europa

Europa in cerca di una leadership: i temi del Forum economico di Karpacz, Polonia, secondo Jakub Romaniuk

Il 30esimo Forum Economico dell'Europa dell'Est si terrà dal 7 al 9 settembre a Karpacz, in Polonia, dove si discuteranno temi come salute, sviluppo sostenibile, sicurezza e cooperazione internazionale. L'intervista a Jakub Romaniuk, Direttore del Programma della Fondazione Istituto per gli Studi dell’Est, organizzatrice dell’evento.
di redazione
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset