L’Eurispes parteciperà alla Conferenza internazionale “The rise of Asia”

Eurispes

L’Eurispes prenderà parte alla Conferenza internazionale e multidisciplinare “La crescita dell’Asia” (The rise of Asia) in programma dal 10 al 12 febbraio 2021 alla Sorbona di Parigi e all’Università di Le Havre. In tale occasione, il Segretario generale dell’Eurispes Marco Ricceri presenterà una relazione sui principali risultati delle analisi e riflessioni svolte nell’ambito del Laboratorio sui BRICS dell’Istituto ed co-presedierà tre sessioni specifiche dedicate alla valutazione dell’impatto della “crescita dell’Asia” nel mondo occidentale (Sessione n. 13), nell’area del Mediterraneo (Sessione n. 24), nell’ambito dei coordinamenti BRICS e G20 (Sessione n. 25).

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Il ruolo dei paesi non allineati nella crescita globale

Un tema oggetto di particolare approfondimento sarà il ruolo dei cosiddetti paesi non allineati (NAM) nella costruzione di una ripresa più equilibrata e sostenibile secondo i princìpi delle Nazioni Unite e il loro contributo alla moderazione delle tensioni esistenti attualmente tra i maggiori attori dello sviluppo, tenendo conto che si tratta di 120 Stati i quali hanno mantenuto i loro collegamenti internazionali, come testimoniato dai vertici periodici (il 18° vertice si è svolto a Baku, in Azerbeijan, il 25-26 ottobre 2019).

La Conferenza raccoglie 140 relatori da 50 paesi

La Conferenza offre una piattaforma internazionale di discussione a esperti nelle più diverse discipline scientifiche, operatori di settore, esponenti della società civile. Organizzata in sessioni generali e 35 sessioni tematiche parallele, registra la partecipazione attiva di circa 140 relatori provenienti da 50 paesi, dal Giappone nell’Est, al Canada nell’Ovest, dal Sudafrica nel Sud, alla Svezia nel Nord.

L’importanza dell’Asia Centrale nello scacchiere geopolitico internazionale

La partecipazione attiva dell’Eurispes a questa importante iniziativa internazionale è maturata sulla base dei rapporti di collaborazione costruiti negli ultimi anni con il Prof. Darwis Khudori, dell’Università di Le Havre, promotore dell’iniziativa, che nel 2019 è entrato a far parte del Comitato Scientifico dell’Istituto. In segno di reciprocità, il Segretario generale dell’Eurispes è diventato membro permanente del Consiglio Scientifico della conferenza internazionale.

«L’ascesa dell’Asia farà bene al mondo»

«L’ascesa dell’Occidente ha trasformato il mondo. L’ascesa dell’Asia porterà ad una trasformazione altrettanto significativa. […] L’ascesa dell’Asia farà bene al mondo. Centinaia di milioni di persone saranno salvate dalle grinfie della povertà […] l’Occidente dovrebbe accogliere con favore la trasformazione della condizione asiatica»: queste parole dello scrittore e intellettuale di Singapore, Kishore Mahbubani, sono alla base del grande confronto tra esperti e studiosi organizzato dalle due Università francesi. Le parole di Kishore Mahbubani sollevano molte domande. «L’ascesa dell’Asia farà bene al mondo», che cosa significa? Bene per chi, o per che cosa? Per i popoli, le nazioni, gli Stati? In quale misura l’Unione europea, e l’Italia, in particolare, sono in grado di comprendere il valore di questi nuovi processi e attrezzati a coglierne le opportunità?

L’Italia è pronta a recepire i nuovi assetti globali?

La partecipazione dell’Eurispes all’iniziativa internazionale sull’Asia è collegata proprio a quest’ultima domanda ed è finalizzata a cogliere gli elementi che possono aiutare il nostro Paese a vivere in modo positivo la nuova situazione che si sta delineando a livello globale. A tale scopo, vale uno degli obiettivi principali della Conferenza, che è quello di favorire l’approfondimento delle conoscenze con ricerche e studi di carattere interdisciplinare e l’organizzazione di Reti internazionali tra Istituti e centri di analisi.

Il programma e la documentazione della Conferenza sono online sul sito:

http://www.bandungspirit.org/

 

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali