Il consenso bipartisan per Draghi, il caso Navalny e la detenzione di Patrick Zaki nei Tg

draghi

La crisi di governo aggravata dal naufragio del Conte ter, e la sua probabile soluzione imposta da Mattarella con l’incarico a Mario Draghi, dominano la settimana dell’informazione, reclamando tutte le aperture e occupando buona parte delle edizioni. La chiamata al Colle di Draghi, in qualche misura “attesa”, raccoglie il sostegno di tutte le testate, che ripropongo il commento di numerosi editorialisti: Lo Papa de la Repubblica per il Tg3; Riotta de La Stampa, Feltri de Il Giornale e De Bortoli del Corriere al Tg2; Cerasa del Foglio e Tarquinio dell’Avvenireper il Tg5. Grandi elogi alla figura di “Supermario” dalla testata di Mimum che, nella copertina di mercoledì, ripercorre la lunga storia professionale del “più grande banchiere centrale di tutti i tempi”, riproponendo i suoi più recenti interventi in tema d’Europa, di rigore ma anche di occupazione giovanile.

La crisi di governo ruba la scena anche al Recovery Fund

Di fronte ad un “istintivo” consenso per una figura dall’altissima caratura internazionale, l’informazione di serata rilancia le dichiarazioni bipartisan della politica, cercando di prevedere quali scenari potranno emergere al termine delle consultazioni. Grande attenzione alle mosse dei 5 Stelle, dopo l’apertura, giovedì, di Conte che tenta di ricompone attorno a sé un partito diviso. Tg4 raccoglie il commento del direttore de la Repubblica, Maurizio Molinari, aprendo l’edizione di mercoledì con un duro editoriale contro l’ex ministro Toninelli, “colpevole” di un’uscita anti-Draghi sui social. Ampio spazio trovano le riflessioni sul destino del “responsabile” di questa crisi (Tg5), Matteo Renzi, intervistato mercoledì dal Tg3 che, sempre mercoledì, interpella anche Zingaretti.

La cronaca dei contagi e la politica estera dei casi Navalny e Zaki

La cronaca del contagio, con i servizi che documentano la ripresa delle attività nelle regioni passate in giallo e illustrano un quadro di relativa stabilità, trova spazio da metà edizione per tutti.

Centrale per gli esteri il caso Navalny, con l’Europa e gli Stati Uniti che tornano a far fronte unico contro la Russia di Putin: 13 titoli nel corso della settimana, di cui 5 martedì, giorno della condanna del dissidente. Spazio, lunedì, nei titoli al golpe in Myanmar che ha portato all’arresto di Aung San Suu Kyi, deposta dalla giunta militare; la notizia non è però adeguatamente seguita nei giorni seguenti. La vicenda giudiziaria dello studente Patrick Zaki, ormai da un anno in carcere in Egitto tra continui rinvii e rinnovi della detenzione, viene seguita con maggiore interesse da Tg3 e Tg La7, con Mentana che, martedì, commenta amaramente, durante un editoriale a braccio, l’inefficacia della diplomazia italiana, che, a suo dire, si starebbe facendo prendere “a pesci in faccia” dal governo di Al Sisi.

I Tg di prima serata: tutti gli argomenti del 2020

In edizioni fondamentalmente assorbite dagli sviluppi sulla scena politica, le allarmanti rilevazioni Istat sull’occupazione trovano spazio solo nelle edizioni di lunedì. A fronte di un quadro che a dicembre 2020 su 101 mila nuovi disoccupati ne conta oltre 99 mila donne, Tg3 analizza questa sorprendente disparità intervistando la professoressa Paola Antonia Profeta della Bocconi. Attenzione anche per il Tg4, che ne discute con la ex ministro Bellanova. In ultimo, da segnalare che i numeri dell’immigrazione continuano a figurare anche questa settimana solo nei servizi del Tg2, che raccoglie gli appelli dei lampedusani in difficoltà; sempre Tg2 propone una storia a lieto fine nel beneventano, determinata da una sentenza della Cassazione che sembra facilitare l’ottenimento del permesso di soggiorno per i migranti “integrati”.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica