La crisi di governo ruba la scena anche al Recovery Fund

La crisi di governo domina la scena e apre la ripresa dei lavori dell’Osservatorio Tg Eurispes-CoRiS Sapienza. Il 39% dell’informazione, nella settimana appena trascorsa, è concentrata infatti sulla politica; seguono gli interni (19%), le notizie di cultura e società (13%) e gli esteri (11%). Le notizie economiche, compreso il tanto dibattuto Recovery fund, scivolano al 4%, mentre cronaca e sport occupano entrambe il 7% dello spazio dell’informazione.

L’informazione è impegnata a prevedere i possibili scenari

La rottura tra Renzi e la maggioranza, col conseguente ritiro delle ministre di Italia Viva, domina le edizioni di mercoledì, e nelle successive giornate. L‘informazione è impegnata a prevedere i possibili scenari e rilanciare le dichiarazioni dei protagonisti (Renzi, Conte, Zingaretti, Di Maio e Salvini) in attesa del voto al Senato di martedì 19, che decreterà la sorte del governo Conte 2. In vista di questo appuntamento, i Tg Mediaset e Tg2 propongono il giudizio di diversi commentatori ed editorialisti (Fontana del Corriere, Porro de Il Giornale e Palombelli di Forum). Nel rilanciare gli interventi di Renzi “eterno rottamatore”, non senza qualche elemento di “folklore politico”, Tg4 è forse la testata che meglio indaga i retroscena e le ragioni dietro questa rottura, presentata come “incomprensibile” da tutte le forze di maggioranza. 

Governo Conte bis, i primi 100 giorni visti dai Tg

Paradossalmente, proprio a causa della tempesta politica, l’avanzamento del Recovery Fund, con il piano di spese da 210 miliardi, passa totalmente sordina, nonostante sia in teoria all’origine della spaccatura nella maggioranza.

Attenzione alta sul fronte epidemia e sul Dpcm 

Sul fronte dell’epidemia l’attenzione rimane alta, anche se la tempesta politica fa slittare, tra mercoledì e giovedì, a metà edizione i dati del contagio. Venerdì Tg1 e Tg3 e Studio Aperto aprono sulle misure del nuovo Dpcm che introduce nuove restrizioni nelle 3 nuove regioni rosse e nelle 12 arancioni. Ripresi da tutti gli appelli di Brusaferro, che a fronte di un indice di positività leggermente in calo segnala comunque l’alto rischio che il contagio sfugga di mano, in uno scenario che vede l’Italia superare le 80.000 vittime.

Primi in Europa nella somministrazione dei vaccini

Soddisfazione da parte di tutti per i risultati della vaccinazione, che da venerdì ci vede al primo posto in Europa con ben un milione di somministrazioni. Da segnalare, poi, la copertina di martedì del Tg5 dedicata ad una riflessione su “l’anno del covid”, nell’anniversario della prima vittima accertata di quella che il 12 gennaio 2020 veniva descritta come una misteriosa polmonite (primo titolo anche per Tg1). Anche Tg La7 presenta lunedì un approfondimento sull’impatto avuto dalla pandemia sulla vita degli italiani, ponendo al centro la rivoluzione portata dallo smart working.

Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

Sotto osservazione il secondo voto d’impeachment per Trump

Risicati gli spazi per gli esteri, assorbiti in larga parte dal fronte americano con il secondo voto d’impeachment per Trump e l’attesa per il giuramento di Biden, in uno scenario di tensione generale (14 titoli) che attanaglia gli States. La decisione dei principali social network di oscurare gli account di Trump, descritto come “sempre più all’angolo”, stimola interessanti riflessioni da parte di Tg2 e Tg5, con quest’ultimo che intervista Edoardo Fleischner, docente all’università statale di Milano, e Paolo Mieli. Da apprezzare gli interrogativi lasciati aperti dalla testata di Mimum che, nell’affrontare la vicenda di Trump si domanda se e quanto sarebbe lecito applicare simili censure nei confronti di altri leader nel mondo assai più repressivi e violenti.

Migranti bloccati nelle isole greche: serve aiuto ai bambini

Il dramma dei migranti al confine tra Bosnia e Croazia

Da ultimo, da segnalare la copertura del Tg3 sul dramma dei migranti bloccati da oltre un mese al confine tra Bosnia e Croazia, tra le macerie di un campo bruciato, dove rischiano di morire per il gelo. In uno scenario in cui l’immigrazione è un fenomeno che esiste solo in termini di cifre, è importante che almeno una testata del Servizio pubblico si mostri vigile nel segnalare queste vicende nella loro drammatica concretezza.

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra