L’istruzione è un tema centrale nell’agenda del Premier Draghi

istruzione

Le dichiarazioni del Premier Mario Draghi hanno avuto riferimenti costanti al mondo dell’istruzione con una frequenza dettata certamente dal momento, ma non consueti nelle linee programmatiche di un governo.

Infatti ha usato per 12 volte con varianti la parola scuola, 8 volte il termine formazione, 5 volte il vocabolo ricerca e 2 volte si è riferito all’università. In tutto 27 volte, esattamente quanto il termine pandemia, che ricorre per 22 volte, insieme a virus, che viene ripetuto 5 volte. Questa analogia indica la dimensione dell’urgenza di nuove politiche educative.
Il Premier è stato coerente con quanto affermava nel 2007 da governatore della Banca d’Italia: “l’istruzione si conferma al primo posto fra i campi dove un cambiamento forte è
necessario”.
 

Promuovere al meglio il capitale umano, istruzione e formazione, scuola, università e cultura

 
Draghi ha premesso che la crescita economica dipende dalla fiducia dei cittadini verso le istituzioni. E tanto per cominciare la fiducia è un risultato legato al capitale sociale così come all’educazione civica di un Paese. Quando poi, riferendosi alla breve durata dei governi, ha precisato che “conta la qualità delle decisioni” è evidente che queste dipendano dal risultato del processo educativo delle classi dirigenti.
Nelle dichiarazioni si è impegnato a “promuovere al meglio il capitale umano, la formazione, la scuola, l’università e la cultura”, soprattutto per fare in modo che i giovani non siano costretti ad emigrare, poiché la comunità nazionale “troppo spesso non sa valutare il merito”.
 

Draghi ha equiparato le “ferite profonde” sul piano sanitario ed economico a quelle educative

 
E il riconoscimento del merito inizia proprio nelle scuole, dove non si possono indistintamente promuovere quasi tutti, e nelle università, che, secondo Roger Abravanel, rappresentano “il simbolo nazionale dell’assenza del merito”.
Il premier ha equiparato le “ferite profonde” sul piano sanitario ed economico a quelle educative. Ed ha citato espressamente le “disuguaglianze”, facendo l’esempio delle scuole superiori dove, nella prima settimana di questo mese, poco più del 61 % ha potuto seguire le lezioni a distanza, con il restante quasi 40% rappresentato soprattutto da studenti meridionali.  A riguardo, ha ribadito che occorre fare tesoro delle esperienze che si stanno maturando da non disperdere quando si ritornerà in presenza.
Non a caso, ha auspicato di “tornare rapidamente a un orario scolastico normale”, “recuperare le ore di didattica […] soprattutto nelle regioni del Mezzogiorno”, “rivedere il disegno del percorso scolastico annuale”, precisando però che “il ritorno a scuola deve avvenire in sicurezza”. E conciliare la duplice esigenza non è propriamente facile.
 

Draghi ha ribadito l’importanza di un percorso educativo in linea con gli standard europei

 
Dopo l’emergenza educativa ha effettuato un passaggio di grande rilevanza, orientato in prospettiva. Infatti, ha ribadito l’importanza di “un percorso educativo” in linea con gli standard europei, dai quali siamo in genere molto distanti. Tutto ciò, ha affermato, richiede l’utilizzo di nuove materie e metodi che integrino saperi umanistici, competenze scientifiche e conoscenza delle lingue, investendo sulla formazione di docenti in grado di formare adeguatamente le nuove generazioni. Il riferimento ai docenti mi pare fondamentale, perché il successo dell’istruzione è la conseguenza della reale qualità dei docenti, attualmente selezionati in modo approssimativo sia nelle scuole che nelle Università.
Importante inoltre il riferimento al disallineamento tra scuola e mondo del lavoro, puntualizzando con i numeri l’importanza degli istituti tecnici, in quanto saranno necessari nei prossimi anni circa 3 milioni di diplomati nei settori digitale e ambientale. A proposito Draghi ha ribadito le dotazioni finanziarie straordinarie che sono previste nei programmi nazionali di ripartenza pari a un miliardo e mezzo, che rischiano tuttavia di essere sprecati se queste scuole non si riorganizzano.
 

Università orientata alla necessità di trasformazione digitale e transizione ecologica

 
Passando poi all’Università ha fatto esplicito riferimento alla creazione di competenze che rispondano in modo esteso e puntuale sia alla trasformazione digitale che alla transizione ecologica, la quale rappresenta una sfida epocale dal punto di vista educativo.
Occorre pertanto investire sulla ricerca, compresa quella di base, puntando all’eccellenza. E in tale processo è decisivo che sempre più donne vi siano impegnate, in modo da contribuire allo sviluppo del Paese.  
In riferimento alla necessità di attrarre investimenti nel Mezzogiorno, c’è un altro richiamo significativo quando ribadisce l’importanza di creare un ambiente di legalità e sicurezza. Va da sé che sia strategica l’azione educativa di prevenzione.
Ampio spazio il Premier ha dedicato al programma europeo “Next Generation”, che si pone obiettivi per i prossimi 5 anni coinvolgendo in pieno la formazione e la ricerca.
Infine, è qualificante avere posto tra gli obiettivi strategici in modo esplicito la ricerca, l’istruzione e la formazione, così come avere ribadito “il ruolo della scuola che tanta parte ha negli obiettivi di coesione sociale e territoriale”.
Fin qui le dichiarazioni di Draghi. Sono passaggi importanti ma impegnativi, resi ancora più difficili dalla pandemia. Ma forse proprio nelle condizioni di emergenza si possono porre le basi per cambiamenti strutturali.
 

Fondamentali la formazione e la selezione dei docenti scolastici e universitari

 
Nel pur complesso clima dell’unità nazionale, si potrebbe tentare di rompere schemi e rendite, puntando sulla qualità dell’educazione, che è l’unica che può garantire il futuro di una nazione, pure in settori che Draghi, per il taglio asciutto del suo discorso non ha potuto esplicitamente trattare: la sicurezza informatica, il confronto con l’intelligenza artificiale e la prevenzione della criminalità. Tutti temi che saranno sempre più centrali.
Ma la qualità dell’educazione si ottiene con un concorso di fattori tra i quali è centrale la formazione e la selezione dei docenti scolastici e universitari, dove deve emergere davvero il merito e non le stabilizzazioni e le procedure.
A proposito, oltre alle risorse che direttamente e indirettamente si potranno indirizzare con il Recovery Fund, si potrebbe subito porre mano alle regole, che, accanto al precariato scolastico, stanno pure aggiungendo un insostenibile precariato universitario.
Di fronte al severo decremento demografico che investirà nei prossimi anni scuole e università, forse sarebbe opportuno formare, selezionare e pagare meglio un numero minore di docenti. Forse gran parte di tutto il resto di quanto ha dichiarato il Premier, potrà essere una conseguenza.
Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario