Nei Tg la narrazione di un Medio Oriente senza pace

tg medio oriente

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente tra Hamas ed Israele, che ha prodotto tra lunedì e venerdì oltre 130 vittime, è con 16 aperture l’argomento dominante per tutti, con le testate che si servono della parola “guerra” fin da titoli di martedì. Di fronte a questo scenario, l’informazione mainstream appare chiaramente schierata in favore dello Stato israeliano, anche se non mancano nei servizi dei Tg Rai e La7 passaggi che si concentrano sulla assenza di diritti per gli israelo-palestinesi. Buone nel complesso le analisi, con Tg3 e Tg2 che, giovedì, raccolgono, rispettivamente, gli interventi del direttore di Limes, Lucio Caracciolo – che si concentra sulla crisi di leadership di Netanyahu – e dell’ex ministro britannico Jack Straw, che invoca l’intervento americano. Queste alcune indicazioni emerse dal monitoraggio dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza dal 10 al 14 maggio.

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente è l’argomento dominante nei Tg

La parabola del calo dei contagi si traduce in edizioni meno assorbite dalla narrazione del Covid, con ormai buona parte delle regioni in giallo. Quasi metà delle aperture, 14, resta comunque dedicata ai temi della ripartenza, con il dibattito sul coprifuoco. Attenzione anche ai segnali di ripresa dell’economia, con titoli per i Tg delle 20, e alla vicenda del vaccino italiano Reithera, fermo in fase di sperimentazione per lungaggini burocratiche: per Tg La7 «una storia tipicamente italiana».

Attenzione a politica interna e riaperture

Cresce in settimana l’attenzione alla politica interna, con numerosi servizi dedicati all’attività dei partiti in vista delle prossime elezioni amministrative. Diversi i titoli del Tg4 sulle divisioni tra Pd e Cinque Stelle sui candidati per le maggiori città, ed in particolare su Roma, con l’avanzata del nome di Roberto Gualtieri; analisi puntuali da parte anche da parte di Tg La7 e Tg3. Spazio sui Tg Rai e La7 alle indagini per gli insulti e le minacce rivolte via web al Presidente della Repubblica, che hanno visto coinvolte anche personalità di destra come lo storico Marco Gervasoni.

Non solo Medio Oriente: nei Tg torna in primo piano il tema migratorio

L’arrivo in pochi giorni di più di 2mila profughi a Lampedusa riporta, dopo lunga assenza, il tema migratorio in primo piano, con 9 titoli e numerosi richiami nella prima parte della settimana e diversi riferimenti al discorso di Mario Draghi di mercoledì (titoli per tutti). Quasi inevitabilmente questo tema “classico” per la comunicazione mainstream si ripropone con il vetusto corredo dell’“emergenza” (soprattutto sul Tg4), e le cifre sottolineate assecondano i toni allarmistici della politica; minore attenzione all’attività del ministro Luciana Lamorgese, a vantaggio degli interventi di Matteo Salvini sull’Europa che «non collabora alle redistribuzioni» (3 presenze nei titoli). Sempre Salvini torna, venerdì, al centro dell’attenzione mediatica per il non luogo a procedere per il caso Gregoretti perché «il fatto non sussiste»: titoli per tutti, con apertura per il Tg4 e lunga intervista sul Tg2, nella quale il leader leghista rivendica la correttezza del suo intervento per «difendere i confini». Spazi risicati alla voce dei migranti, con Tg3 che dedica, giovedì, un servizio ad una buona storia di integrazione proprio sull’isola di Lampedusa.

Chiarimenti sulla morte di Luana D’Orazio 

Per la cronaca, prosegue l’attenzione alla triste vicenda di Luana D’Orazio, morta mentre lavorava in una fabbrica tessile di Montemurlo (Prato). Doppio titolo per il Tg3 alla vicenda di una ragazza camerunese uccisa e fatta a pezzi a Bologna, ed alla gara di solidarietà nata per farne ritornare i resti in patria.

Esaurite le polemiche su Fedez, il dibattito sulla legge Zan scompare dalle scalette, eccezion fatta per un sondaggio sul tema proposto lunedì da Tg La7. Da segnalare, inoltre, un interessante servizio di Studio Aperto che dà voce agli appelli di una madre cinese residente da anni in Italia ed appartenente alla minoranza uigura, che denuncia la vicenda dei suoi quattro figli, detenuti in un campo di rieducazione.

Leggi anche

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra