Nei Tg la narrazione di un Medio Oriente senza pace

tg medio oriente

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente tra Hamas ed Israele, che ha prodotto tra lunedì e venerdì oltre 130 vittime, è con 16 aperture l’argomento dominante per tutti, con le testate che si servono della parola “guerra” fin da titoli di martedì. Di fronte a questo scenario, l’informazione mainstream appare chiaramente schierata in favore dello Stato israeliano, anche se non mancano nei servizi dei Tg Rai e La7 passaggi che si concentrano sulla assenza di diritti per gli israelo-palestinesi. Buone nel complesso le analisi, con Tg3 e Tg2 che, giovedì, raccolgono, rispettivamente, gli interventi del direttore di Limes, Lucio Caracciolo – che si concentra sulla crisi di leadership di Netanyahu – e dell’ex ministro britannico Jack Straw, che invoca l’intervento americano. Queste alcune indicazioni emerse dal monitoraggio dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza dal 10 al 14 maggio.

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente è l’argomento dominante nei Tg

La parabola del calo dei contagi si traduce in edizioni meno assorbite dalla narrazione del Covid, con ormai buona parte delle regioni in giallo. Quasi metà delle aperture, 14, resta comunque dedicata ai temi della ripartenza, con il dibattito sul coprifuoco. Attenzione anche ai segnali di ripresa dell’economia, con titoli per i Tg delle 20, e alla vicenda del vaccino italiano Reithera, fermo in fase di sperimentazione per lungaggini burocratiche: per Tg La7 «una storia tipicamente italiana».

Attenzione a politica interna e riaperture

Cresce in settimana l’attenzione alla politica interna, con numerosi servizi dedicati all’attività dei partiti in vista delle prossime elezioni amministrative. Diversi i titoli del Tg4 sulle divisioni tra Pd e Cinque Stelle sui candidati per le maggiori città, ed in particolare su Roma, con l’avanzata del nome di Roberto Gualtieri; analisi puntuali da parte anche da parte di Tg La7 e Tg3. Spazio sui Tg Rai e La7 alle indagini per gli insulti e le minacce rivolte via web al Presidente della Repubblica, che hanno visto coinvolte anche personalità di destra come lo storico Marco Gervasoni.

Non solo Medio Oriente: nei Tg torna in primo piano il tema migratorio

L’arrivo in pochi giorni di più di 2mila profughi a Lampedusa riporta, dopo lunga assenza, il tema migratorio in primo piano, con 9 titoli e numerosi richiami nella prima parte della settimana e diversi riferimenti al discorso di Mario Draghi di mercoledì (titoli per tutti). Quasi inevitabilmente questo tema “classico” per la comunicazione mainstream si ripropone con il vetusto corredo dell’“emergenza” (soprattutto sul Tg4), e le cifre sottolineate assecondano i toni allarmistici della politica; minore attenzione all’attività del ministro Luciana Lamorgese, a vantaggio degli interventi di Matteo Salvini sull’Europa che «non collabora alle redistribuzioni» (3 presenze nei titoli). Sempre Salvini torna, venerdì, al centro dell’attenzione mediatica per il non luogo a procedere per il caso Gregoretti perché «il fatto non sussiste»: titoli per tutti, con apertura per il Tg4 e lunga intervista sul Tg2, nella quale il leader leghista rivendica la correttezza del suo intervento per «difendere i confini». Spazi risicati alla voce dei migranti, con Tg3 che dedica, giovedì, un servizio ad una buona storia di integrazione proprio sull’isola di Lampedusa.

Chiarimenti sulla morte di Luana D’Orazio 

Per la cronaca, prosegue l’attenzione alla triste vicenda di Luana D’Orazio, morta mentre lavorava in una fabbrica tessile di Montemurlo (Prato). Doppio titolo per il Tg3 alla vicenda di una ragazza camerunese uccisa e fatta a pezzi a Bologna, ed alla gara di solidarietà nata per farne ritornare i resti in patria.

Esaurite le polemiche su Fedez, il dibattito sulla legge Zan scompare dalle scalette, eccezion fatta per un sondaggio sul tema proposto lunedì da Tg La7. Da segnalare, inoltre, un interessante servizio di Studio Aperto che dà voce agli appelli di una madre cinese residente da anni in Italia ed appartenente alla minoranza uigura, che denuncia la vicenda dei suoi quattro figli, detenuti in un campo di rieducazione.

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento