Nei Tg la narrazione di un Medio Oriente senza pace

tg medio oriente

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente tra Hamas ed Israele, che ha prodotto tra lunedì e venerdì oltre 130 vittime, è con 16 aperture l’argomento dominante per tutti, con le testate che si servono della parola “guerra” fin da titoli di martedì. Di fronte a questo scenario, l’informazione mainstream appare chiaramente schierata in favore dello Stato israeliano, anche se non mancano nei servizi dei Tg Rai e La7 passaggi che si concentrano sulla assenza di diritti per gli israelo-palestinesi. Buone nel complesso le analisi, con Tg3 e Tg2 che, giovedì, raccolgono, rispettivamente, gli interventi del direttore di Limes, Lucio Caracciolo – che si concentra sulla crisi di leadership di Netanyahu – e dell’ex ministro britannico Jack Straw, che invoca l’intervento americano. Queste alcune indicazioni emerse dal monitoraggio dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza dal 10 al 14 maggio.

La drammatica escalation del conflitto in Medio Oriente è l’argomento dominante nei Tg

La parabola del calo dei contagi si traduce in edizioni meno assorbite dalla narrazione del Covid, con ormai buona parte delle regioni in giallo. Quasi metà delle aperture, 14, resta comunque dedicata ai temi della ripartenza, con il dibattito sul coprifuoco. Attenzione anche ai segnali di ripresa dell’economia, con titoli per i Tg delle 20, e alla vicenda del vaccino italiano Reithera, fermo in fase di sperimentazione per lungaggini burocratiche: per Tg La7 «una storia tipicamente italiana».

Attenzione a politica interna e riaperture

Cresce in settimana l’attenzione alla politica interna, con numerosi servizi dedicati all’attività dei partiti in vista delle prossime elezioni amministrative. Diversi i titoli del Tg4 sulle divisioni tra Pd e Cinque Stelle sui candidati per le maggiori città, ed in particolare su Roma, con l’avanzata del nome di Roberto Gualtieri; analisi puntuali da parte anche da parte di Tg La7 e Tg3. Spazio sui Tg Rai e La7 alle indagini per gli insulti e le minacce rivolte via web al Presidente della Repubblica, che hanno visto coinvolte anche personalità di destra come lo storico Marco Gervasoni.

Non solo Medio Oriente: nei Tg torna in primo piano il tema migratorio

L’arrivo in pochi giorni di più di 2mila profughi a Lampedusa riporta, dopo lunga assenza, il tema migratorio in primo piano, con 9 titoli e numerosi richiami nella prima parte della settimana e diversi riferimenti al discorso di Mario Draghi di mercoledì (titoli per tutti). Quasi inevitabilmente questo tema “classico” per la comunicazione mainstream si ripropone con il vetusto corredo dell’“emergenza” (soprattutto sul Tg4), e le cifre sottolineate assecondano i toni allarmistici della politica; minore attenzione all’attività del ministro Luciana Lamorgese, a vantaggio degli interventi di Matteo Salvini sull’Europa che «non collabora alle redistribuzioni» (3 presenze nei titoli). Sempre Salvini torna, venerdì, al centro dell’attenzione mediatica per il non luogo a procedere per il caso Gregoretti perché «il fatto non sussiste»: titoli per tutti, con apertura per il Tg4 e lunga intervista sul Tg2, nella quale il leader leghista rivendica la correttezza del suo intervento per «difendere i confini». Spazi risicati alla voce dei migranti, con Tg3 che dedica, giovedì, un servizio ad una buona storia di integrazione proprio sull’isola di Lampedusa.

Chiarimenti sulla morte di Luana D’Orazio 

Per la cronaca, prosegue l’attenzione alla triste vicenda di Luana D’Orazio, morta mentre lavorava in una fabbrica tessile di Montemurlo (Prato). Doppio titolo per il Tg3 alla vicenda di una ragazza camerunese uccisa e fatta a pezzi a Bologna, ed alla gara di solidarietà nata per farne ritornare i resti in patria.

Esaurite le polemiche su Fedez, il dibattito sulla legge Zan scompare dalle scalette, eccezion fatta per un sondaggio sul tema proposto lunedì da Tg La7. Da segnalare, inoltre, un interessante servizio di Studio Aperto che dà voce agli appelli di una madre cinese residente da anni in Italia ed appartenente alla minoranza uigura, che denuncia la vicenda dei suoi quattro figli, detenuti in un campo di rieducazione.

Leggi anche

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione