Innovazione

Non prendersi cura di app e dispositivi porta al “caos digitale”

App

La ricerca ha svelato che gli utenti installano solitamente 12 app per Android al mese ma ne eliminano solo 10, aggiungendo così due app al loro dispositivo ogni mese. Quando si installano molte app, diventa importante saperle gestire per evitare il caos digitale. Kaspersky Lab ha invece scoperto che solo la metà (55%) degli utenti intervistati aggiorna e controlla i contenuti del proprio dispositivo rimuovendo documenti e app inutilizzati.

Questi dati fanno parte del nuovo report realizzato da Kaspersky Lab: “Digital clutter and its dangers”. La ricerca si basa sui dati raccolti grazie a un’indagine online effettuata in 17 Paesi, sulle analisi statistiche del Kaspersky Security Network (KSN) e su un esperimento relativo alla performance delle app condotto dagli esperti di Kaspersky Lab.

L’aumento del caos digitale rende sempre più importante l’aggiornamento e la selezione delle app per combattere i malware che sfruttano le vulnerabilità per infettare il dispositivo. Tuttavia, l’indagine ha rivelato che un quarto degli utenti (28%) aggiorna le proprie app solo se obbligato e il 10% prova a non farlo in alcun caso.

Le app, con la loro attività quotidiana, possono mettere in pericolo i dati degli utenti e i loro dispositivi. L’analisi di Kaspersky Lab mostra infatti che, su 100 app Android che possono essere gestite dagli utenti (ad esempio installate o eliminate), 83 hanno accesso ad informazioni sensibili degli utenti, come contatti, messaggi e dati, e possono persino effettuare chiamate e inviare sms.

Ulteriori dati del KSN mostrano come le app possano agire senza il consenso dell’utente. Ogni utente ha in media 66 app installate sul proprio dispositivo Android e, analizzando un campione rappresentativo di 66 app Android tra le più conosciute, è stato rilevato che 54 app si sono avviate in background senza alcuna azione da parte dell’utente, consumando in media 22MB di traffico al giorno.

Le impostazioni delle app permettono all’utente di controllare a cosa possono accedere e con cosa possono interagire sul dispositivo. Tuttavia, l’indagine ha rilevato che solo il 40% delle persone gestisce le impostazioni di ogni applicazione sul proprio cellulare. Inoltre, solo il 32% può impedire l’installazione di un’app se non è d’accordo col contenuto del contratto di licenza.

“Sottovalutando l’importanza di prendersi cura dei propri dispositivi, gli utenti espongono device e dati personali a minacce di sicurezza. Spesso infatti, non prendono provvedimenti necessari, come la pulizia e l’aggiornamento dei software, la modifica delle impostazioni e la rimozione di app che non vengono più usate”, ha commentato Morten Lehn, General Manager Italy di Kaspersky Lab. “Trascurare la manutenzione delle app non comporta solo l’aumento del caos digitale ma può causare anche una grande quantità di problemi, come errori del dispositivo, durata limitata della batteria o infezioni di malware. Le app hanno accesso ad alcune delle informazioni personali più sensibili che abbiamo sul nostro dispositivo e gli utenti, spesso, non si accorgono quando queste informazioni vengono rese pubbliche. Invitiamo quindi gli utenti a mettere in ordine le loro “case digitali”: proprio come una stanza ordinata e pulita porta nuova energia nella propria casa e nella propria vita, allo stesso modo, un computer o un cellulare ordinato rendono la fruizione più piacevole e decisamente più sicura”.

Per combattere il disordine e proteggere i propri dati personali, si consiglia agli utenti di adottare le seguenti misure:

  • Sapere cosa è archiviato e dove: analizzare i propri dispositivi e scoprire quali informazioni sono memorizzate in app e file;
  • Fare le “pulizie di primavera” sul dispositivo: sistemare la propria “casa digitale” pulendo e aggiornando regolarmente le informazioni memorizzate sul dispositivo;
  • Aggiornare le app e i software: eseguire regolarmente gli aggiornamenti non appena una nuova versione viene rilasciata;
  • Usare software specifici: i software cleaner, come quello integrato nelle principali soluzioni di sicurezza di Kaspersky Lab, eseguono una scansione di tutte le applicazioni installate sul dispositivo e segnalano quelle che rappresentano potenziali rischi o vengono usate raramente.
Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa