L'opinione

L’Olandese atterrente

134

I Tg di mercoledì 15 marzo – L’attesa (tutt’altro che spasmodica) per l’esito della sfiducia a Lotti in Senato attraversa fin dai titoli le maggiori testate, e anche quelle minori: apertura per tutti e seconda posizione su Studio Aperto. Tutto era scontato e, come annuncia alle 20,30 Tg2, il “core business” della politica delle ultime settimane è svanito per lasciare il posto alla prossima new entry. 

Anche l’attesa per le elezioni olandesi – argomento senz’altro più serio – è molto alta: titoli per quasi tutti e ampi servizi dai quali i i teleutenti – finalmente! – hanno saputo che il rischio di una affermazione dell’ultra destra xenofoba è probabile, ma che ciò non sposterà l’asse della politica olandese. Business is business, e Tg e talk hanno bisogno di benzina per andare avanti, e anche per arrancare. I pericoli per l’Europa esistono, e sono evidenti a tutti. Ma cosa sarebbe cambiato se i seggi di Wilders fossero risultati 23/23 invece che i 19 reali (su un totale di 150)? Ha vinto il liberale europeista Rutte  e gli islamofobi sono nel gruppo del secondi in compagnia di una compagine di centro e di una di sinistra, mentre la sinistra verde ha fatto un poderoso salto in avanti (da 4 a 16 seggi). Comunque una ottima notizia per l’Europa, e un voto scarso al circo dell’informazione.

L’Europa è presente anche per l’intervento di Gentiloni a Strasburgo che spiega la ratio delle 2 velocità: molto alto su Rai, ma ben presentato anche da Tg5.

Passando agli altri temi di politica interna, quello “lanciato” ieri da Mentana in relazione al “disconoscimento di paternità” che Grillo ha fatto su quanto scritto dal suo blog nelle polemiche su Tempa Rossa, è ripreso questa sera da Tg1 e Tg2 e “rilanciato” con grande enfasi da TgLa7 che continua chiedersi: “se non è lui il responsabile, sarebbe opportuno che qualcuno dicesse di chi si tratta”.

La fiducia alla riforma dl processo penale scende di gerarchia nelle scalette dei maggiori Tg; peccato, perché la notizia “c’è” ed è importante.

Il grappolo alquanto intricato di inchieste sul malaffare (sanità a Roma, 69 arresti a Napoli, corruzione a Catania) cui si aggiunge un’altra condanna in primo grado a 7 anni per Cosentino), ricorda ad eventuali smemorati che le tangenti sono lo strumento imprenditoriale più diffuso in Italia. Ampi servizi per tutte le testate.

Gli echi degli arresti di ieri tra i guru torinese delle finte sette sataniche sono molto alti su Mediaset, tanto più che anche oggi è stato arrestato sempre a Torino un altro “mago” particolarmente infingardo. 

Chiudiamo con il Papa che continua a picconare le logiche egemoni nell’economia (oltre a quelle della finanza).  Oggi è tornato sulla dignità che conferisce il lavoro e sul “grave peccato” commesso da chi “manovra” le aziende disinteressandosi del destino dei lavoratori. Ampiamente ripreso dalle maggiori testate, me nei titoli solo per Tg3: ci saremmo aspettati qualcosa di più.

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli