L’Olandese atterrente

I Tg di mercoledì 15 marzo – L’attesa (tutt’altro che spasmodica) per l’esito della sfiducia a Lotti in Senato attraversa fin dai titoli le maggiori testate, e anche quelle minori: apertura per tutti e seconda posizione su Studio Aperto. Tutto era scontato e, come annuncia alle 20,30 Tg2, il “core business” della politica delle ultime settimane è svanito per lasciare il posto alla prossima new entry. 

Anche l’attesa per le elezioni olandesi – argomento senz’altro più serio – è molto alta: titoli per quasi tutti e ampi servizi dai quali i i teleutenti – finalmente! – hanno saputo che il rischio di una affermazione dell’ultra destra xenofoba è probabile, ma che ciò non sposterà l’asse della politica olandese. Business is business, e Tg e talk hanno bisogno di benzina per andare avanti, e anche per arrancare. I pericoli per l’Europa esistono, e sono evidenti a tutti. Ma cosa sarebbe cambiato se i seggi di Wilders fossero risultati 23/23 invece che i 19 reali (su un totale di 150)? Ha vinto il liberale europeista Rutte  e gli islamofobi sono nel gruppo del secondi in compagnia di una compagine di centro e di una di sinistra, mentre la sinistra verde ha fatto un poderoso salto in avanti (da 4 a 16 seggi). Comunque una ottima notizia per l’Europa, e un voto scarso al circo dell’informazione.

L’Europa è presente anche per l’intervento di Gentiloni a Strasburgo che spiega la ratio delle 2 velocità: molto alto su Rai, ma ben presentato anche da Tg5.

Passando agli altri temi di politica interna, quello “lanciato” ieri da Mentana in relazione al “disconoscimento di paternità” che Grillo ha fatto su quanto scritto dal suo blog nelle polemiche su Tempa Rossa, è ripreso questa sera da Tg1 e Tg2 e “rilanciato” con grande enfasi da TgLa7 che continua chiedersi: “se non è lui il responsabile, sarebbe opportuno che qualcuno dicesse di chi si tratta”.

La fiducia alla riforma dl processo penale scende di gerarchia nelle scalette dei maggiori Tg; peccato, perché la notizia “c’è” ed è importante.

Il grappolo alquanto intricato di inchieste sul malaffare (sanità a Roma, 69 arresti a Napoli, corruzione a Catania) cui si aggiunge un’altra condanna in primo grado a 7 anni per Cosentino), ricorda ad eventuali smemorati che le tangenti sono lo strumento imprenditoriale più diffuso in Italia. Ampi servizi per tutte le testate.

Gli echi degli arresti di ieri tra i guru torinese delle finte sette sataniche sono molto alti su Mediaset, tanto più che anche oggi è stato arrestato sempre a Torino un altro “mago” particolarmente infingardo. 

Chiudiamo con il Papa che continua a picconare le logiche egemoni nell’economia (oltre a quelle della finanza).  Oggi è tornato sulla dignità che conferisce il lavoro e sul “grave peccato” commesso da chi “manovra” le aziende disinteressandosi del destino dei lavoratori. Ampiamente ripreso dalle maggiori testate, me nei titoli solo per Tg3: ci saremmo aspettati qualcosa di più.

Ultime notizie
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web