Osservatorio TG

L’Olandese atterrente

I Tg di mercoledì 15 marzo – L’attesa (tutt’altro che spasmodica) per l’esito della sfiducia a Lotti in Senato attraversa fin dai titoli le maggiori testate, e anche quelle minori: apertura per tutti e seconda posizione su Studio Aperto. Tutto era scontato e, come annuncia alle 20,30 Tg2, il “core business” della politica delle ultime settimane è svanito per lasciare il posto alla prossima new entry. 

Anche l’attesa per le elezioni olandesi – argomento senz’altro più serio – è molto alta: titoli per quasi tutti e ampi servizi dai quali i i teleutenti – finalmente! – hanno saputo che il rischio di una affermazione dell’ultra destra xenofoba è probabile, ma che ciò non sposterà l’asse della politica olandese. Business is business, e Tg e talk hanno bisogno di benzina per andare avanti, e anche per arrancare. I pericoli per l’Europa esistono, e sono evidenti a tutti. Ma cosa sarebbe cambiato se i seggi di Wilders fossero risultati 23/23 invece che i 19 reali (su un totale di 150)? Ha vinto il liberale europeista Rutte  e gli islamofobi sono nel gruppo del secondi in compagnia di una compagine di centro e di una di sinistra, mentre la sinistra verde ha fatto un poderoso salto in avanti (da 4 a 16 seggi). Comunque una ottima notizia per l’Europa, e un voto scarso al circo dell’informazione.

L’Europa è presente anche per l’intervento di Gentiloni a Strasburgo che spiega la ratio delle 2 velocità: molto alto su Rai, ma ben presentato anche da Tg5.

Passando agli altri temi di politica interna, quello “lanciato” ieri da Mentana in relazione al “disconoscimento di paternità” che Grillo ha fatto su quanto scritto dal suo blog nelle polemiche su Tempa Rossa, è ripreso questa sera da Tg1 e Tg2 e “rilanciato” con grande enfasi da TgLa7 che continua chiedersi: “se non è lui il responsabile, sarebbe opportuno che qualcuno dicesse di chi si tratta”.

La fiducia alla riforma dl processo penale scende di gerarchia nelle scalette dei maggiori Tg; peccato, perché la notizia “c’è” ed è importante.

Il grappolo alquanto intricato di inchieste sul malaffare (sanità a Roma, 69 arresti a Napoli, corruzione a Catania) cui si aggiunge un’altra condanna in primo grado a 7 anni per Cosentino), ricorda ad eventuali smemorati che le tangenti sono lo strumento imprenditoriale più diffuso in Italia. Ampi servizi per tutte le testate.

Gli echi degli arresti di ieri tra i guru torinese delle finte sette sataniche sono molto alti su Mediaset, tanto più che anche oggi è stato arrestato sempre a Torino un altro “mago” particolarmente infingardo. 

Chiudiamo con il Papa che continua a picconare le logiche egemoni nell’economia (oltre a quelle della finanza).  Oggi è tornato sulla dignità che conferisce il lavoro e sul “grave peccato” commesso da chi “manovra” le aziende disinteressandosi del destino dei lavoratori. Ampiamente ripreso dalle maggiori testate, me nei titoli solo per Tg3: ci saremmo aspettati qualcosa di più.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia