Osservatorio TG

Grillo – E’ lui o non è lui?

I Tg di martedì 14 marzo – Aperture diversificate. Tg5 e TgLa7 sulla data (28 maggio) fissata per il referendum voucher (titoli per Tg4, Tg3 e Tg1), con La7 che afferma che di certo salterà, perché in Parlamento non si è lontani dal trovare la quadra. Tg1 e Tg3 aprono sui temi europei. L’ammiraglia Rai entro nel merito dell’elezione di domani in Olanda, che è presente nei titoli anche per Tg5). Attenzione diffusa alla situazione francese, con Fillon, Le Pen e tutti e 3 sotto inchiesta inchieste; Mentana commenta “non è poco…”. Trasversale su diverse testate, e titolo per Tg1, la sentenza della Corte Europea che, nell’affermare che i luoghi di lavoro devono essere privi di testimonianze politiche e religiose, legittima alcuni casi di licenziamento nei confronti di donne islamiche che portano il velo. Sempre per gli esteri, Tg3 continua a produrre buone coperture da Mosul, a pochi giorni dalla completa sconfitta dell’Isis.

Molta cronaca nei Tg di serata. Altissime le vicende di violenze perpetrate da una decina di “ragazzini bene” a Vigevano (secondo titolo per Tg5, alto anche per TgLa7), con estesi commenti su Tg3. Lo stesso vale per la “falsa setta satanica” torinese dedita a orge anche con minorenni subornate. Da segnalare che Tg2 propone in apertura le 2 vicende, dedicandovi complessivamente ben 12 minuti. Una scelta, certo, non casuale, con una resa niente male soprattutto sul tema delle sette che in Italia irretirebbero circa 250.000 cittadini.

Per la politica attenzione diffusa alla mozione individuale contro Lotti che verrà votata domani pomeriggio. Ma quello che merita di essere segnalato lo troviamo su Tg La7 che segnala la particolarissima difesa di Beppe Grillo in una causa intentata da esponenti Pd per le sue uscite contro tutto e tutti nella vicenda Tempa Rossa. Il Portavoce ha schivato le accuse dichiarando che non è “lui” il responsabile del blog Beppegrillo.it, che non è “lui” l’autore dei post a sua firma e che quindi non è con “lui” che se la devono prendere quelli del Pd. Enrico Mentana, in uscita dal servizio, si chiede – citando Greggio – “ma è lui o non è lui?”. La domanda – commenta – il direttore di Tg La7 – non è peregrina. Sarebbe interessante venire a conoscenza del fatto che quello che Grillo dice non lo dice “lui”. E chi, allora?

Tg4 è scatenatissimo sul tema sicurezza: ben 4 servizi sul diritto di difendersi con le armi.
Su Tg5 prosegue l’attenzione alle zone terremotate, con la consegna prevista per domani delle prime case di Amatrice, presenti anche sui Tg Rai. La testata diretta da Clemente Mimun si distingue per un lungo primo servizio sulla situazione degli studenti- pendolari costretti ad orari massacranti su treni e corriere per raggiungere scuole lontane

Oggi è stato presentato il quinto Rapporto Agromafie curato dall’Eurispes. Pletora di giornalisti nella sede della Coldiretti, ma servizi solo su Tg1 e Tg3.

Alberto Baldazzi

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità