Voucher – Primum vivere

I Tg di giovedì 16 marzo – Le impressionanti immagini dall’Etna catturano le aperture dei Tg Mediaset minori, ma sono presenti fin dai titoli su tutti gli altri. Questa manifestazione esplosiva di friato magmatico – la più pericolosa degli ultimi 30 anni – fa una decina di feriti fortunatamente lievi tra i tanti turisti , geologi e membri di troupe televisivi presenti a quota 2.700 metri. Tg4 vi dedica largo spazio anche nella seconda parte dell’edizione.

La notizia “esplosiva” per la politica è invece la decisione del governo di cancellare direttamente i voucher. In apertura per Tg5 e TgLa7, stranamente non compare nei titoli di Tg1, che se ne occupa dopo il caso Minzolini e i riflessi delle elezioni olandesi. Tornando ai voucher, questo “tagliare la testa al toro” invece che “affrontarlo per le corna” con un provvedimento che salvi il bambinello gettando via l’acqua sporca, divide i giudizi anche del sindacato, e incontra fiere reazioni negli ambienti imprenditoriali e nelle opposizioni di destra. Non si capisce perché, ma anche Cinque Stelle non approva. Mentana segnala che in questo modo il governo ha pensato più alle possibili complicazioni del referendum e, quindi, a non rischiare di “tirare le cuoia”, che al merito del provvedimento e dei quesiti referendari: come dire, primum vivere, anzi sopravvivere. Rimane di sapere come faranno le famiglie e i cittadini a pagare “non in nero” la babysitter o chi aiuta a tagliare l’erba o a ridipingere una parete.

La vicenda del voto negativo del Senato alla decadenza di Minzolini condannato in via definitiva per peculato, è nei titoli per Tg3 e per quelli delle 20. I 19 senatori del Pd che hanno votato insieme a Forza Italia avranno le loro buone ragioni, ma ci farebbe piacere conoscerle. Intanto la legge Severino viene sconfessata dallo stesso Parlamento che l’ha votata. Esplicito in questo senso è Tg5, che usa l’assist per parlare di un’altra decadenza invece votata in base alla Severino, ovvero a quella di Berlusconi. I Cinque Stelle (ripresi da tutti) gridano al voto di scambio con riferimento all’esito della sfiducia di ieri a Lotti. Magari non è così, ma la solidarietà di casta non fa bene al Paese e non riavvicina i cittadini alla politica.

La partenza dello strumento dell’assegno di ricollocazione per 30.000 disoccupati. È nei titoli solo per Tg2 e Tg3. Quest’ultimo “apre” sugli 8.000 evasori totali scoperti nel 2016.

Ad ogni minuto dedicato nei giorni scorsi alle lezioni in Olanda, stasera corrispondono pochi secondi sul risultato del voto. Titoli solo per Studio Aperto, TgLa7 e Tg1, che ne approfitta per dare spazio al commento di Gentiloni. Mentana “rilancia”, e preannuncia una grandissima bagarre le elezioni francesi di aprile e maggio, bagarre che forse non ci sarà.

Chiudiamo con l’allarme per l’aumento dei casi di morbillo, dal Ministero delle Sanità messo in relazione al minor numero dei vaccinati, Già ieri se ne era occupata Mediaset. Questa sera ci tornano, anche nei titoli, Tg4 e Tg2.

 

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento