Recensioni

Pinocchio, Biancaneve, Tarzan e Rapunzel sono “mentalmente disturbati”

254

Cosa c’è dietro il magico castello dei classici di Walt Disney, che hanno accompagnato, e accompagnano, l’infanzia di milioni di bambini? Un mondo incantato dove troviamo l’isola che non c’è, principesse da salvare, principi eroi, meravigliosi tramonti, teneri cuccioli, maghi.
Ma se proviamo a guardare quel castello e i suoi personaggi da una prospettiva diversa, ci accorgiamo che c’è anche altro: sfumature nascoste, disturbi più o meno gravi, paure.
Ad accompagnarci in questo viaggio verso “l’altra faccia della fiaba”, sono tre studiose di criminologia, Marta Senesi, Danila Pescina e Monica Calderaro. Il loro lavoro, Dottor Disney e Mister Hyde (Armando Editore), analizza diverse fiabe, mette a confronto i classici e i moderni film di Disney, tenendo conto anche delle numerose variazioni apportate nel corso degli anni ai finali delle favole, spesso drammatici nelle versioni originali, pian piano sostituiti dal lieto fine. Un’altra importante variazione c’è stata rispetto alla violenza: i ruoli malvagi, nei primi film impersonati spesso da familiari o amici, sono stati affidati a personaggi esterni alla famiglia, come rivali in affare o in amore.
Scopriamo così regine narcisiste, bambini con disturbo dell’adattamento, storie di amori malati, sirenette accumulatrici, principi necrofili o un Paese delle Meraviglie popolato da personaggi affetti da disturbi mentali.
Biancaneve (1937), ad esempio. È uno dei primi film in cui viene affrontato il tema del “narcisismo patologico”: una matrigna accecata dalla gelosia nei confronti della bellissima figliastra, vanitosa al punto da interrogare continuamente lo specchio magico per sapere chi è la più bella del reame, arriva ad affidare la fanciulla a un cacciatore ordinandogli di portarla nel bosco, ucciderla e tornare con la prova della morte di Biancaneve.
Anche in Rapunzel (2010) troviamo manifestazioni di “narcisismo patologico”: una strega cerca la magia dell’eterna giovinezza e non esita a rapire una bambina dopo aver saputo che l’elisir è sprigionato dai suoi capelli.
L’improvviso ingresso di Pinocchio nella vita umana costituisce, per il burattino più amato dai bambini, un evento stressante. E all’inizio disobbedisce a Geppetto, non ascolta i consigli della Fata, non va a scuola, viene plagiato dal Gatto e la Volpe, subisce l’influenza di due truffatori…, Pinocchio ha un “disturbo dell’adattamento”.
Dedicando la necessaria attenzione all’inizio di una delle storie d’amore più romantiche di sempre, quella tra Belle e la Bestia, ci rendiamo conto che, prima di scoprire la sensibilità d’animo e la bellezza del cuore della Bestia, Belle è stata sua prigioniera, si è offerta in cambio del padre, entrato per sbaglio nel castello. Se volessimo dare una lettura criminologica della storia, parleremmo di “Sindrome di Stoccolma”, perché Belle s’innamora della Bestia nel periodo in cui è vittima di un sequestro.
Proseguendo nella lettura di Dottor Disney e Mister Hyde scopriamo il “principe necrofilo”: se non sapessimo che è proprio grazie al suo bacio che Biancaneve si risveglierà, il comportamento del principe ci farebbe riflettere.
Soffre di un disturbo anche un’altra dei nostri beniamini, la Sirenetta. Affascinata da tutto quello che riguarda gli umani, accumula ogni tipo di oggetto recuperato nei fondali degli abissi. Occupa tutto lo spazio del suo rifugio con questi cimeli. La dolcissima Ariel soffre di “disturbo da accumulo”.
Mentre Tarzan è affetto dalla “sindrome di Uner Tan”: senza genitori, solo in una giungla, viene “adottato” dalla gorilla Kala. Assume le abitudini alimentari e di vita dei gorilla, impara il loro modo di comunicare, perché è l’unico che conosce.
Le autrici analizzano molte fiabe, spiegano i vari disturbi e le rispettive terapie. Aiutano ad interpretare ciò che la fiaba comunica all’inconscio, come può incoraggiare la crescita di un bambino aiutandolo a superare delusioni, paure, rivalità. L’obiettivo è quello di proporre una riflessione sul bene e sul male, una miscela che rende i film ancora più affascinanti, non solo per i bambini, ma anche per gli adulti.
Lo stesso Walt Disney (al quale le tre criminologhe dedicano un ampio capitolo, a dimostrazione di quanto nei suoi film faccia riferimento alle sue esperienze, alla sua vita) ha dichiarato: «Prima dei 7 o 8 anni un bambino non dovrebbe entrare al cinema. Io non ho fatto film per bambini, ma per adulti. Per il bambino che c’è in ogni adulto».

Ultime notizie
Cultura

Ri-costituire l’Italia. “Le parole della resilienza”: l’iniziativa di Minerva Edizioni

L’Eurispes aderisce all’iniziativa promossa dalla Minerva Edizioni “Le parole della resilienza” per rendere fruibile la creatività dei suoi Autori attraverso video che raccontano, con un concetto o una parola chiave, la loro opera.
di redazione
Economia

Coronavirus, misure anticrisi. Serve un fisco intelligente

I vari decreti che si sono succeduti in queste ultime settimane hanno introdotto molte misure di contrasto, dirette agli effetti economici derivanti...
di Giovambattista Palumbo
International

Il manuale della Cina per sconfiggere il Covid-19

La Jack Ma Foundation e la Alibaba Foundation, con il supporto del Primo Ospedale Affiliato, Zhejiang University School of Medicine (FAHZU), hanno pubblicato una guida sull'esperienza clinica su come trattare questo nuovo coronavirus.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il Covid-19 può alimentare le mafie. La Polizia istituisce una cabina di regia

Le mafie possono sfruttare la crisi scatenata dal Coronavirus per radicarsi nel settore agricolo, della logistica, della grande distribuzione, della finanza o in altri settori strategici. Il capo della Polizia, Franco Gabrielli crea un Organismo Permanente di Monitoraggio presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale.
di Marco Omizzolo
Attualità

Coronavirus, la Cina ringrazia l’Italia con un fumetto

L’agenzia stampa ufficiale del Governo cinese ha pubblicato sul proprio sito un breve fumetto per bambini in cui viene raccontata la storia di un panda malato e dell’aiuto ricevuto per sconfiggere il virus. L’Italia è rappresentata da un lupo che suona il pianoforte.
di Redazione
Economia

Covid-bonds con chi ci sta. Piano B per l’Eurozona

È arrivato il momento in cui l’Unione deve decidere se esiste o meno un “bene comune europeo”. Dalla risposta a questa domanda dipende se procedere con il progetto dei Covid-bonds.
di Carmelo Cedrone
Economia

Coronavirus, le misure anti-crisi dimenticano i consorzi ASI. Giosy Romano: “Agevolare il credito”

Consorzi industriali nelle aree di sviluppo dimenticati dalle misure anti crisi. A fare da portavoce di queste criticità è stata la Cise, Confederazione italiana per lo sviluppo economico, che ha sollecitato un intervento urgente del Governo e del Mise.
di Emilio Albertario
Ambiente

La gestione dei rifiuti in emergenza Coronavirus. Ecco come affronta la crisi Malagrotta

Il Coronavirus costringe la maggior parte della popolazione alla quarantena; tuttavia, alcuni servizi essenziali devono rimanere aperti e funzionanti a pieno regime, come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Ne parliamo con il dottor Luigi Palumbo, amministratore giudiziario del sito di Malagrotta.
di Susanna Fara
Economia

Lucia Annunziata e i soldi per il Sud. Rendere giustizia al Mezzogiorno

In una recente puntata della trasmissione di Lucia Annunziata, Mezzora in Più, si parla dei disordini avvenuti al Sud in seguito al crescere del dramma povertà, dopo il fermo delle attività economiche per l’emergenza Covid-19. La replica e il commento.
di Marco Ascione
Attualità

I rischi digitali del Coronavirus

Attacchi informatici, revenge porn e sexual extortion: quali sono i rischi legati alla crescita del traffico in Rete? Ne parliamo con Roberto...
di redazione