Bottom-news

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

1357

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Giovan Battista Rubino – componente del comitato scientifico di Eurispes Sicilia, ingegnere palermitano, esperto di opere pubbliche nel campo dell’ingegneria sanitaria e dell’idraulica marittima – lo ha redatto con il suo team e ne sottolinea, in questa intervista, da un lato il valore ecologico e paesistico, con il rilancio di un pezzo di costa oggi degradata su cui insiste persino il divieto di balneazione, e dall’altro quello economico, che lo porterebbe ad essere il primo porto container del Mediterraneo, con la creazione di 435mila posti di lavoro.

A presentazione appena avvenuta, ecco che già si è acceso un dibattito, non solo sulla fattibilità del porto Hub di Palermo e sulla riqualificazione della costa sud-orientale del capoluogo siciliano, ma sulla opportunità stessa di un’opera di questa portata. Come commenta?
Iniziamo subito col dire che non tutti coloro che hanno sin qui commentato e criticato il progetto – e per fortuna sono una minoranza – lo conoscono veramente. La realtà è che il progetto – che è ancora in fase di fattibilità tecnica ed economica – in effetti riuscirebbe davvero a riqualificare la costa sud-orientale della città, abbandonata da anni. Una riqualificazione da tanto tempo attesa che si abbina ad un’opera ad alto ritorno economico.
Un progetto che lei studia da anni e che oggi vede la luce grazie al sostegno e al know how dell’Eurispes…. L’Eurispes ha voluto offrire un contributo importante alla crescita del territorio palermitano e siciliano, in una congiuntura poco felice, con una economia che arranca e con una disoccupazione preoccupante. L’Istituto ha individuato nell’infrastrutturazione – con la competenza e l’autorevolezza maturata negli anni – un elemento essenziale per lo sviluppo, e il disegno che si è voluto tracciare anche in questo caso è quello di uno sviluppo ecosostenibile, che rispetta l’ambiente, il paesaggio e li valorizza entrambi, delineando una prospettiva che appartiene alla città di Palermo la quale non a caso si chiamava Panormus, cioè “tutto porto”.

Il progetto di fattibilità tecnica ed economica scende nel merito della progettazione. Che cosa risponde a chi critica il costo dell’opera e a chi tuona contro l’ipotesi di una cementificazione della costa e di un danno ambientale senza precedenti?
Nulla di più falso: il progetto mira alla costruzione del porto Hub e alla riqualificazione della costa sud-orientale. I due aspetti sono fortemente connessi. Nessun rischio di cementificazione, se non quello relativo ai servizi essenziali del porto che comunque saranno realizzati ad oltre 300 metri dalla costa, e, ovviamente, se riceveranno tutte le autorizzazioni. Oggi quel tratto di costa è degradato, e sussiste il divieto di balneazione permanente per via degli scarichi fognari a mare e degli arenili che si sono formati con l’erosione delle ex discariche presenti lungo la costa. L’opera prevede di riportare il paesaggio alla sua originaria bellezza, restituendo alla città la vista del mare. Il suo costo è in funzione delle dimensioni e della qualità dei servizi che si vogliono offrire. Il progetto, se ritenuto valido dalle Istituzioni, potrà essere realizzato dagli eventuali utilizzatori sulla base di una verifica costi-benefici.

Da dove arriveranno i fondi per la sua realizzazione?
Se l’opera sarà ritenuta economicamente valida, come credo, si presenteranno in tanti per realizzarla e gestirla.

Di quali autorizzazioni e permessi ci si dovrà dotare e, in tal senso, i tempi e le procedure burocratiche potranno rappresentare un problema?
Le autorizzazioni vanno richieste in fase di progettazione definitiva, e confidiamo nella sinergia degli enti che dovranno esprimersi per concluderle nel giro di un anno. Una volta completato l’iter autorizzativo e progettuale, i lavori potranno realizzarsi in tre anni, considerato che potranno sorgere tanti cantieri, essendo i lavori di tipologia e dislocazione diverse.

Nella relazione tecnica del progetto si legge che questo nuovo porto Hub di Palermo, nella classifica dei migliori venti porti commerciali, sarà al primo posto in Europa. Con quali ripercussioni sul territorio e sul tessuto economico-imprenditoriale locale?
Sì, è così, perché sarebbe in grado di movimentare a regime sino a 16 mln di container all’anno e, grazie alla sua posizione nel cuore del Mediterraneo, vicinissima alla rotta Suez-Gibilterra e alle attrezzature e alla logistica previste nel progetto, potrebbe intercettare parte del flusso di navi che transitano nel Mediterraneo, le quali costituiscono il 19% del traffico marittimo mondiale.

Un forte impulso per tutta l’economia siciliana, dunque.
Non solo per l’economia siciliana, ma anche per tutta quella del Sud Europa, perché si genererebbero economie di scala. Rotterdam sostiene che un grande Hub nel Sud Europa non sarebbe neanche in concorrenza con loro ma renderebbe più forte l’Europa stessa.

Oltre agli effetti sorprendenti sull’occupazione, che nel Mezzogiorno rappresenta un vero e proprio dramma…
Indubbiamente: 435mila posti di lavoro, che la gestione del porto Hub di Palermo creerebbe a regime, oltre a tutti i posti di lavoro all’apertura dei cantieri per la realizzazione dell’opera. La gestione dei porti commerciali fornisce lavoro a gran parte dei territori circostanti, considerato anche l’indotto. Secondo gli studi di Confetra e di altri enti, sui porti commerciali in esercizio, per ogni mille container in transito si creano 5 posti di lavoro, e per ogni mille container lavorati, 42 posti di lavoro. Il porto commerciale è una attività dal forte ritorno economico: per ogni container movimentato si fatturano 300 euro e per ogni container lavorato, 2.900 euro.

Ingegner Rubino, questo nuovo porto Hub di Palermo si farà mai?
Me lo auguro, per il futuro di questa città, per i nostri giovani e per il riscatto della nostra amata terra.

Ultime notizie
Eventi

Selfie mania, la follia dell’autoritratto compulsivo

Le ossessioni della società nell'era dei “bastoni per il selfie”: la mostra T’a vuó fá fá sta foto? organizzata presso la galleria Spazio 5 di Roma, racconta con leggerezza e ironia, attraverso le immagini, la follia dell’autoritratto compulsivo
di Diego Sambucini
International

Sanzioni Usa all’Iran. Corte dell’Aja: sentenza del “pareggio”. L’analisi

Sanzioni Usa all'Iran. Lo scorso 3 ottobre la Corte internazionale di giustizia de L’Aja ha reso la sua sentenza "del pareggio". L'avvocato Paolo Busco, dell'Osservatorio Sicurezza dell'Eurispes, analizza i diversi aspetti della decisione
di Paolo Busco
Lavoro

Non studiano e non lavorano, dramma “Neet”. Italia maglia nera

Italia maglia nera per il numero di Neet, con il suo 24,3% di giovani che non studia e non lavora: parliamo di circa 2,2 milioni di persone. Nelle regioni del Mezzogiorno il record negativo.
di Alfonso Lo Sardo
Sicurezza

Il tesoro nascosto dei big data. Ecco quanto vale ciascuno di noi

I big data sono la nuova, vera, ricchezza dell’economia globale. Perché le informazioni sono denaro. Ma quanto valgono davvero questi dati? E...
di Giovambattista Palumbo
Sicurezza

Immigrazione, dall’epoca dell’emigrazione al decreto Salvini. La ricostruzione

Migranti e immigrazione: intervento del Generale Tullio Del Sette, Presidente Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes al convegno “Dialogo permanente sulle immigrazioni”.
di Tullio Del Sette
Fisco

Robot tax, tassare i “super” profitti delle “super” intelligenze

Tassare i super profitti delle intelligenze artificiali per ridistribuire gli effetti delle innovazioni tecnologiche, considerando i robot soggetti che producono reddito e quindi imponibili. Ecco le proposte per un nuovo sistema fiscale che non ostacoli le imprese e il progresso
di Giovambattista Palumbo
Innovazione

Il Dna segreto di Amazon, Apple, Facebook e Google. “The Four”

Amazon, Apple, Facebook e Google, i “quattro cavalieri” del Potere, alla base della profonda rivoluzione della digital transformation. Qual è la loro missione e dove stiamo andando? Scott Galloway ne parla nel suo libro The Four I Padroni
di Alberto Mattiacci
Politica

Vigili del fuoco delusi: “Il governo trovi 100 milioni”

I vigili del fuoco restano sotto organico e sottopagati. Il decreto attuativo della “legge delega” sul Corpo, approvato dal governo, non ha toccato questi due gravi problemi, e dunque la battaglia per essere riconosciuti alle stregua delle altre forze dell’ordine continua.
di Corrado Giustiniani
Innovazione

La città del futuro? Facciamo pagare le tasse ai robot

Città “sensibili” e non solo “smart”, tecnologicamente intelligenti ma a misura di cittadino. L'intervista a Carlo Ratti, architetto e urbanista, autore del saggio “Città di domani”
di Massimiliano Cannata
Fisco

Def, politica e debito pubblico: partiamo dal fisco

Bufera sul Def. In 23 punti elenchiamo quelli che potrebbero essere i cardini di una rivoluzione fiscale
di Giovambattista Palumbo