Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

715

Tornare ad insegnare educazione civica sui banchi di scuola: la proposta suscita sempre più consensi. D’altra parte, i dati raccolti da Eurispes all’inizio dell’anno per il Rapporto Italia, parlavano già chiaro: per quasi sette italiani su dieci l’insegnamento dell’educazione civica sarebbe utile alla formazione degli studenti e, soprattutto, alla costruzione di una coscienza sociale e civile. Il dibattito sulla nostra rivista prosegue con l’opinione del professor Bruno Assumma, noto avvocato romano, con 45 anni di insegnamento di Diritto penale alle spalle in diverse Università italiane, dalla Federico II di Napoli, all’Università di Salerno, a quella di Campobasso.

Professor Assumma, cosa si deve intendere, secondo lei, per educazione civica?
Tutto, non solo il rispetto, pur necessario, del segnale stradale o delle singole norme. Con l’educazione civica la personalità è positivamente stimolata verso una visione della vita ed un corretto “modus operandi” all’interno della società.  Nelle scuole del Giappone, l’educazione civica include tutto ciò che riguarda la tutela personale e sociale, anche in vista, ad esempio, di possibili terremoti.

Ritiene che sia utile reintrodurne l’insegnamento come materia specifica?
Assolutamente. Dovrebbe essere una materia a sé, coordinata con tutte le altre. E qualcosa del genere dovrebbe avvenire anche per le Università. La partecipazione ad un corso universitario, e parlo per la mia esperienza diretta nell’ambito di una facoltà giuridica, non dovrebbe essere, infatti, solo finalizzata alla conoscenza dell’articolo 10 o dell’articolo 20, ma dovrebbe rappresentare l’opportunità di sviluppare, in modo consapevole e critico, la personalità di ciascuno.

Secondo la sua esperienza di docente, i ragazzi, quando arrivano all’Università, conoscono le istituzioni italiane e il loro funzionamento?
Dipende dalle singole realtà territoriali e, soprattutto, dall’efficienza della preparazione degli insegnanti della scuola secondaria. Da loro discende la scolarizzazione del singolo alunno, e con questa, in senso più vasto, l’ampiezza della sua prospettiva di vita. Ma capita spesso che gli studenti vengano a fare gli esami di Diritto penale senza avere le nozioni di base della struttura dello Stato. Quindi, la preparazione graduale di una conoscenza politica e sociale è fondamentale.

Oggi, invece, i ragazzi, a 18 anni, sono davvero pronti per andare alle urne ed esprimere il loro voto?
Anche qui dipende molto dalla scuola che hanno frequentato. Alcuni sì, altri invece, non conoscono affatto le istituzioni su cui sono chiamati ad esprimere la loro scelta.

Ultime notizie
Attualità

Migrazioni, le “false” tesi che diffondono odio e repulsione

Molte tesi riguardanti le migrazioni internazionali spesso usano la demografia per spiegare l’origine dei flussi migratori e giustificare politiche finalizzate più alla...
di Marco Omizzolo
Economia

Infrastrutture, trasporti e logistica: nasce l’Osservatorio dell’Eurispes

Nel quadro delle attività istituzionali, l’Eurispes ha dato vita a un Osservatorio permanente su Infrastrutture, Trasporti e Logistica e ne ha affidato la Presidenza a Luca Danese
di redazione
Criminalità e contrasto

Terrorismo, l’enciclopedia kolossal che racconta la storia buia dell’Italia

Il fenomeno del terrorismo, raccontato in tutte le sue declinazioni ed estensioni, dal punto di vista storico, sociologico, religioso, economico, politico, criminale e giuridico. Ecco l'Enciclopedia "kolossal"
di Fabio Iadeluca
Recensioni

Glaucoma, il libro sulla malattia. Nino Castelnuovo “testimonial”

Il glaucoma colpisce in Italia oltre un mln di persone. Il libro "Glaucoma: Apriamo gli occhi sulla malattia" tocca tutti gli aspetti della patologia, dall’impatto psico-sociale a quello socioeconomico
di redazione
Politica

Un Paese senza leader. «Sovranismo e populismo non dureranno»

Il mix di sovranismo e populismo che governa l’Italia non è destinato a durare. Lo sostiene Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera e autore di Un Paese senza leader. L'intervista
di Massimiliano Cannata
Politica

“Burocrate a chi? Ci condiziona la politica, ecco come uscirne”

Sulla carta è così: il ministro fissa gli obiettivi e il dirigente pubblico è responsabile della gestione e dei risultati, con tanto...
di Corrado Giustiniani
Cultura & Turismo

Carabinieri custodi della bellezza. Il Belpaese nel Calendario 2019

Carabinieri custodi della bellezza: il Calendario 2019 si ispira ai valori secolari dell'Arma e alla protezione dei beni culturali, in particolare a quelli riconosciuti patrimonio dell'Unesco.
di Emma Evangelista
Intervista

Il web annichilisce la politica. «Il populismo rende grottesca la realtà»

Fabrizio Di Marzio «Oggi la società della comunicazione, del web e dei Social media prevale sulla politica e condiziona la democrazia. Il populismo? Un modo infantile e pericoloso di leggere la realtà».
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Sesso come “esercizio ginnico”: il vero tabù è il sentimento

Sesso slegato dai sentimenti, diventa esercizio ginnico e sfogo. I tabù del sesso sono sdoganati ma la verà difficoltà è proprio parlare della propria interiorità. I dati del rapporto Eurispes “Giovani e Sesso”
di Diego Sambucini
Il punto

Il turismo serve ma non paga. Un bel paradosso italiano

Uno spettro si aggira per l’Italia: è il turista. Ne perlustra le città d’arte, enclave di bellezza dovute all’opera dei nostri illuminati...
di Alberto Mattiacci