Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

775

Tornare ad insegnare educazione civica sui banchi di scuola: la proposta suscita sempre più consensi. D’altra parte, i dati raccolti da Eurispes all’inizio dell’anno per il Rapporto Italia, parlavano già chiaro: per quasi sette italiani su dieci l’insegnamento dell’educazione civica sarebbe utile alla formazione degli studenti e, soprattutto, alla costruzione di una coscienza sociale e civile. Il dibattito sulla nostra rivista prosegue con l’opinione del professor Bruno Assumma, noto avvocato romano, con 45 anni di insegnamento di Diritto penale alle spalle in diverse Università italiane, dalla Federico II di Napoli, all’Università di Salerno, a quella di Campobasso.

Professor Assumma, cosa si deve intendere, secondo lei, per educazione civica?
Tutto, non solo il rispetto, pur necessario, del segnale stradale o delle singole norme. Con l’educazione civica la personalità è positivamente stimolata verso una visione della vita ed un corretto “modus operandi” all’interno della società.  Nelle scuole del Giappone, l’educazione civica include tutto ciò che riguarda la tutela personale e sociale, anche in vista, ad esempio, di possibili terremoti.

Ritiene che sia utile reintrodurne l’insegnamento come materia specifica?
Assolutamente. Dovrebbe essere una materia a sé, coordinata con tutte le altre. E qualcosa del genere dovrebbe avvenire anche per le Università. La partecipazione ad un corso universitario, e parlo per la mia esperienza diretta nell’ambito di una facoltà giuridica, non dovrebbe essere, infatti, solo finalizzata alla conoscenza dell’articolo 10 o dell’articolo 20, ma dovrebbe rappresentare l’opportunità di sviluppare, in modo consapevole e critico, la personalità di ciascuno.

Secondo la sua esperienza di docente, i ragazzi, quando arrivano all’Università, conoscono le istituzioni italiane e il loro funzionamento?
Dipende dalle singole realtà territoriali e, soprattutto, dall’efficienza della preparazione degli insegnanti della scuola secondaria. Da loro discende la scolarizzazione del singolo alunno, e con questa, in senso più vasto, l’ampiezza della sua prospettiva di vita. Ma capita spesso che gli studenti vengano a fare gli esami di Diritto penale senza avere le nozioni di base della struttura dello Stato. Quindi, la preparazione graduale di una conoscenza politica e sociale è fondamentale.

Oggi, invece, i ragazzi, a 18 anni, sono davvero pronti per andare alle urne ed esprimere il loro voto?
Anche qui dipende molto dalla scuola che hanno frequentato. Alcuni sì, altri invece, non conoscono affatto le istituzioni su cui sono chiamati ad esprimere la loro scelta.

Ultime notizie
Economia

Agricoltura, Italia prima in Europa per numero di giovani con le “mani nella terra”. Fara: “Il futuro nella tradizione”

Il fatturato del comparto agrifood in Italia si aggira sui 132 miliardi di euro (produzione e trasformazione); gli occupati superano i 3,2...
di Gian Maria Fara
Economia

Made in Italy, scarpe che passione. Ma il settore è in crisi e servono politiche europee di tutela

Il settore calzaturiero è uno dei principali pilastri dell’economia manifatturiera nazionale. Lo studio dell’Eurispes “Strategie di difesa attiva del Made in Italy calzaturiero” analizza il settore calzaturiero italiano, il valore del Made in Italy e le conseguenze della crisi economica dell’ultimo quindicennio.
di redazione
Europa

Germania, la nuova leadership nella Spd. Terrà il quarto governo Merkel?

Dopo la vittoria dei due outsider, Nobert Walter-Borjans e Saskia Esken, nuovi co-leader della Spd, il partito socialdemocratico tedesco, a Berlino trema l’intero governo federale. Terrà in Germania il quarto governo Merkel?
di Antonio De Chiara
Editoriale

Globalizzazione, Fara: “La sicurezza non esiste”

Tutta la storia politica e sociale dell’umanità può essere letta come un processo irrefrenabile e costante di riduzione della paura e di ricerca della sicurezza. Nella sua evoluzione la società non ha però eliminato la paura e non ha ridotto l’insicurezza. L’ha trasferita, in qualche altro luogo, l’ha frazionata, l’ha parcellizzata in segmenti e comparti, senza poterla debellare.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Sentenza Cassazione Mafia Capitale, Macrì: “Adottare diritto penale europeo”

Mafia Capitale: la recente sentenza della Cassazione ha escluso che l’associazione definita “mafia capitale” possa rientrare nell’ambito dell’associazione di tipo mafioso, suscitando molte polemiche; una decisone che alimenta riflessioni sui problemi interpretativi e terminologici della legislazione adottata nel settembre del 1982 con la legge 13 settembre n. 646. La riflessione di Vincenzo Macrì.
di Vincenzo Macrì
Immigrazione

Immigrazione, Morcone: «Fake news e manipolazione usati a vantaggio del risultato elettorale»

Intervento del Prefetto Mario Morcone, Direttore Cir, al convegno di Napoli “Immigrazione. È ora di voltare pagina”.
di Mario Morcone
Video

Immigrazione, Pisapia: “Tema epocale che non si può risolvere con gli slogan”

 Intervista all'onorevole Giuliano Pisapia, Parlamentare europeo S&D Napoli, Istituto di Studi Filosofici - 16 novembre 2019 www.leurispes.it
di redazione
Video

Immigrazione, Spiezia (Eurojust): “Il deficit di governance agevola la criminalità”

 Intervista a Filippo Spiezia, magistrato e Vice Presidente di Eurojust Napoli, Istituto di Studi Filosofici - 16 novembre 2019 www.leurispes.it  
di redazione
Video

Immigrazione e percezione sbagliata, Suber (Carta di Roma): “Molta responsabilità dei media”

Intervista realizzata a Pietro Suber, Vice Presidente Associazione Carta di Roma. Istituto di Studi Filosofici - 16 novembre 2019 www.leurispes.it
di redazione
Video

Immigrazione, Braun: “Lo shock di Lampedusa ha svegliato la Germania”

Intervista a Michael Braun, Consigliere scientifico della Fondazione Friedrich-Ebert in Italia - www.leurispes.it Napoli, Istituto di Studi Filosofici - 16 novembre 2019
di redazione