Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

È venuto il momento di aumentare gli investimenti nella sanità. Giulia Grillo, ministro della Salute, lo ha sottolineato chiaramente nelle sue linee programmatiche illustrate davanti alle Commissioni riunite Affari sociali di Camera e Senato. Diversi Paesi europei, e Francia e Germania fra questi, lo hanno già fatto. L’Italia invece, come attesta la Corte dei conti, negli anni fra il 2009 e il 2016 ha ridotto di circa tre decimi di punto le risorse che alla sanità sono destinate. Occorre “invertire la tendenza” e rifinanziare il Servizio sanitario nazionale, che proprio nel 2018 compie quarant’anni di vita. Bisogna spendere anche in interventi di edilizia sanitaria, il cui fabbisogno ammonta a 32 miliardi di euro.
Come fare? «Ci vorrà del tempo, nessuno ha la bacchetta magica – ha sottolineato il ministro – ma l’intento dell’Esecutivo è tracciato». Giulia Grillo vuole raggiungere l’obiettivo anche attraverso un’efficace lotta agli sprechi e alle inefficienze, dando spazio alla centralizzazione degli acquisti, e allargando la collaborazione fra le Centrali d’acquisto regionali e la Consip.
Il ministro aveva esordito ricordando come, anche nella salute, sia centrale la questione meridionale. Ci sono oltre 5 milioni di italiani che vivono in uno stato di povertà assoluta, come ha fatto sapere l’Istat, e questi ultimi si concentrano nelle Regioni del Sud: «Con il rischio, che tante volte diviene realtà, di avere, da una parte, una sanità dei poveri, dall’altra, una dei ricchi» ha aggiunto, visto e considerato che tali e tante sono le difformità fra una Regione e l’altra, le quali andrebbero invece ridotte.

Liste d’attesa

Sarebbe necessario poi aggiornare anche il Piano nazionale sulle liste d’attesa, visto che è fermo al triennio 2010-2012. S Per le prenotazioni, inoltre, sono fortemente sottoutilizzati i processi informatici, dato che molto spesso queste si effettuano per via cartacea «creando i presupposti ed i rischi di forti distorsioni». Anche qui la tendenza andrebbe invertita. Il ministro vuole creare poi un filo diretto con i cittadini, in particolare con i più deboli, affinché tutti possano conoscere i loro diritti. Ma questi, «non sono temi che si risolvono a colpi di decreti».

I vaccini

Il ministro, che ha incontrato tutti gli assessori regionali, ha affrontato poi il tema cruciale dei vaccini. Ed ha precisato: «Pur con l’obiettivo di tutelare la salute individuale e collettiva, garantendo le necessarie coperture vaccinali, va affrontata la tematica del giusto equilibrio tra il diritto all’istruzione e il diritto alla salute, tutelando i bambini in età prescolare e scolare, che potrebbero essere a rischio di esclusione sociale».
Per questa ragione la maggioranza sta preparando un disegno di legge parlamentare che supererà la legge Lorenzin, «nata, peraltro, come decreto legge ed approvata in fretta e furia». Il ministro sta lavorando all’Anagrafe nazionale dei vaccini ed ha insediato un tavolo di esperti indipendenti «per affrontare il fenomeno della diffidenza e del dissenso vaccinale», secondo le indicazioni dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

Trasparenza

Un altro obiettivo del programma Grillo, oltre all’aumento delle risorse per la sanità, la frattura Nord-Sud da colmare, le liste d’attesa da ridurre, l’approfondimento della questione vaccini, è l’aumento della trasparenza. «Nelle linee programmatiche del ministro Lorenzin si faceva riferimento ad un portale dedicato ad ospitare, anche in lingua inglese, tutte le informazioni relative ai nostri servizi sanitari, agli ospedali e alle strutture di eccellenza presenti sul territorio nazionale – ha ricordato il ministro –, sono trascorsi cinque anni invano, ed oggi, con gli uffici competenti del ministero, stiamo cercando di capire a che punto è il progetto, quanto è costato finora e quanto costerà». Trasparenza anche nella scelta dei direttori generali, che, invece, viene effettuata spesso attraverso ingerenze politiche. Necessaria poi una riforma della Formazione medica post laurea, e, in generale, di criteri di valutazione che siano più omogenei e trasparenti.
Il ministro della Salute ha parlato, infine, anche delle aggressioni al personale sanitario negli ospedali, un fenomeno purtroppo crescente, che sarà oggetto di un disegno di legge, ed ha annunciato gli Stati generali per il benessere equo e sostenibile, da realizzare con il supporto delle Regioni, oltre che di chiunque abbia interessi nel mondo della sanità e dei cittadini stessi. La preparazione inizierà a settembre e l’obiettivo sarà la creazione di un documento di programma snello e contenente precise scadenze temporali, entro le quali realizzare i diversi step.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica