scuola

Premiati per merito. Lo studio non è un gioco. La Sapar premia 14 studenti

203

Gli imprenditori del gioco pubblico premiano gli studenti più bravi a scuola perché il gioco fa parte della vita ma è lo studio che permette di progredire e raggiungere gli obiettivi desiderati.
Roberta, Armando, Antonio, Alberica, Angela, Tommaso, Matilde: sono alcuni dei quindici ragazzi premiati dall’Associazione Sapar (Associazione Nazionale Servizi Apparecchi per Pubbliche Attrazioni Ricreative), per aver brillantemente superato l’anno scolastico o conquistato una media dei voti da “piccoli geni” nel corso della carriera universitaria.
Dalle scuole medie all’Università, sono loro i “migliori” tra gli studenti che hanno partecipato alla selezione per ottenere le borse di studio, tra i figli dei dipendenti degli associati Sapar, in tutta Italia.
Premiati, dunque, per merito. Può sembrare scontato ma non lo è affatto. Al contrario, è un segnale forte, un riconoscimento all’impegno, alla tenacia, alla volontà. Perché studiare è faticoso ma è l’unica strada possibile per crescere culturalmente e umanamente; ed è questo l’insegnamento che Domenico Distante, Presidente Sapar, vuole che arrivi alle giovani generazioni: la classe dirigente, manageriale e intellettuale di domani. Ci crede così tanto, il Presidente Distante, che nel prendere la parola, durante la cerimonia di premiazione, si è commosso. Nel pensare ai suoi quattro figli, è sfuggita qualche lacrima; ma anche nel considerare le difficoltà economiche che stanno affrontando in questo momento moltissimi tra i 150mila lavoratori impiegati nelle 1.500 imprese associate, tra gestori, produttori e rivenditori di apparecchi da intrattenimento. Il caos legislativo nel settore dei giochi sta, infatti, rivoluzionando e scompaginando uno dei settori produttivi più importanti per l’economia del Paese.

«Siamo la spina dorsale dell’intrattenimento in Italia, creiamo occupazione e indotto e siamo una delle professioni più controllate in assoluto nel Paese. E non ci dobbiamo vergognare del lavoro che svolgiamo. Sono nato con un flipper tra le mani e vorrei che anche i miei figli riuscissero a fare questo bellissimo mestiere. Ma serve una legge nazionale che uniformi le regole e riordini l’intero settore», ha spiegato Distante.
Le borse di studio sono state assegnate, in particolare, a sei ragazzi della scuola secondaria di primo grado con almeno la media del 9; cinque studenti delle scuole superiori che abbiano raggiunto la media dell’8; tre studenti universitari con la media del 28. Infine, un premio speciale è stato assegnato ad una giovane laureata in Formazione che, all’indomani del conseguimento della laurea, ha già trovato il lavoro dei sogni.

Le interviste ai ragazzi vincitori

 

Ultime notizie
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone
Criminalità e contrasto

Mafie e droga in Belgio ed Olanda

Criminalità organizzata, traffico internazionale di sostanze stupefacenti e organizzazioni mafiose in Belgio e in Olanda. Dopo avere trattato il fenomeno del riciclaggio di denaro sporco in Germania, Vincenzo Macrì spiega che anche in questi paesi esistono queste realtà.
di Vincenzo Macrì
Attualità

Nel post Covid-19, torneremo a respirare senza paura

Con la ripresa della vita sociale, torniamo ad assaporare la vita, ma lentamente. Perché sentiamo incombente la minaccia del Covid-19. Ci vorranno tempo e fatica per sconfiggere il virus, uno sforzo ancora maggiore per vincere timori e angosce.
di Angelo Perrone
Attualità

50 anni dallo Statuto dei lavoratori

Il 20 maggio di 50 anni fa nasceva lo Statuto dei Lavoratori. La crisi che stiamo vivendo porta con sé il rischio di un impatto enorme sul nostro sistema industriale; la vertigine delle trasformazioni sta modificando i canoni del capitalismo.
di Massimiliano Cannata
Società

Un superiore in grado

«Il Sistema è prigioniero di se stesso, della iperproduzione di regole e di norme così numerose e spesso in contrasto tra di...
di Gian Maria Fara
Attualità

Coronavirus, i “taxi della bontà” consegnano buoni spesa alle famiglie in difficoltà

A Firenze, i “taxi della bontà” con a bordo 10 volontari si sono dati appuntamento a piazza della Signoria per attraversare la città e consegnare venticinque buoni spesa ad altrettanti nuclei familiari, individuati dai servizi sociali del Comune.
di Massimiliano Cannata