Europee 2019. Salvini, un uomo (troppo) solo al comando

Ricominciare: questo è l’impegno cui sono chiamati il Paese e le sue rappresentanze politiche, a valle di una campagna elettorale che, come da copione, non si è occupata dei temi europei, e ancor meno di quelli di una tenuta economica e finanziaria che in autunno sarà – questa volta senza poter scantonare – obbligatoriamente al centro dell’attenzione pubblica.
Dopo la sbornia degli slogan e dei (finti) duelli, dopo la “logica di rinvii”, il redde rationem sarà la Legge di Stabilità, con la quale si dovrebbe rispondere ai mercati e alle regole di una Ue che, anche dopo il voto, si appresta a dimostrarsi tutt’altro che benevola.
Nel campionato della politica, che prende il testimone da quello calcistico appena concluso, i punti sono, per così dire, “a scalare”: si parte dal consenso ottenuto nei seggi, e si tenta di perderne il meno possibile lungo il percorso che porta ad una nuova consultazione, anticipata o meno che sia. Questo il compito che attende il vincitore assoluto delle europee, Matteo Salvini, che ha condotto il suo partito ex-secessionista a proporsi come “partito nazionale”, occupando in tutte le aree del Paese il primo o il secondo posto, con percentuali che oscillano da più del 40%, ad un minimo che solo in Campania (19,2%) scende sotto il 20%.

Quello del Capo della Lega e Ministro dell’Interno sarà un compito difficilissimo, perché a differenza dei mesi scorsi, non potrà “scaricare” sul socio oramai di minoranza le responsabilità di una situazione economica assai precaria e le contraddizioni tra il “voler essere” degli slogan e le concrete scelte politiche realizzabili. Una difficoltà ulteriore è rappresentata dal fatto che la sua indiscutibile capacità di leadership comunicazionale, che si è mostrata in grado di “aggregare” intorno alla sua figura platee di elettori vaste quanto eterogenee, non potrà che mostrare la corda quando necessariamente si dovrà passare dai temi “astratti” (sicurezza, lotta all’immigrazione, generica ostilità all’Europa, riduzione dell’“oppressione” fiscale), al potenziamento di un ordine pubblico che fa acqua, alla concreta gestione di centinaia di migliaia di “clandestini”, ad un confronto produttivo con i partner europei (senza il quale la Penisola rischia di staccarsi dal Continente e di andare alla deriva nel Mediterraneo), all’elaborazione di strumenti in grado di creare sviluppo economico reale che, però, tengano conto della situazione finanziaria del Paese.
Per questi motivi nelle prossime settimane e nei prossimi mesi Salvini sarà “un uomo solo al comando”, con l’altro Vicepresidente nel ruolo di gregario che, però, difficilmente gli passerà la borraccia o l’aspetterà in caso di foratura. Un leader che rischia di vedere eroso un consenso che solo in una parte del Paese, al Nord, è tendenzialmente omogeneo. Se infatti il Centro ha “flirtato” già da qualche anni con la Lega, il Sud lo ha “scoperto” sull’onda di una repentina (parziale) disillusione nei confronti dei Cinque Stelle. Le regioni meridionali del Paese negli ultimi decenni le hanno “provate tutte”, passando dalla monocultura berlusconiana al meticciamento con il Pd, per scoprirsi “grilline” nel 2013, e nel 2018 e, infine, dando vita con le europee appena passate ad uno strano condominio Lega-Cinque Stelle che ripropone paradossalmente, a livello territoriale, quello strano e instabile animale politico nato dal contratto di Governo giallo-verde.
L’analisi del voto, per quello che riguarda le maggiori forze politiche, segnala una Lega egemone al Centro-Nord e che insegue da vicino M5S al Sud e nelle Isole. Il Movimento guidato da Di Maio è terza forza a Centro-Nord e dovunque perde consensi rispetto al marzo dello scoro anno. Al Nord spesso non supera il 10%. Passando al Pd, la nuova Segreteria di Zingaretti nei mesi scorsi ha ricavato dalle amministrative un insperato certificato di “esistenza in vita”, e domenica ha manifestato sia nel voto europeo sia nelle comunali una notevole vitalità che lo ha portato ad occupare la seconda posizione del podio al Centro-Nord, e la terza al Sud e e nelle Isole. A valle di una campagna elettorale tutt’altro che scintillante, questi risultati con ogni probabilità sono da accreditare alla (provvisoria?) discesa del tasso di conflittualità interna e di autolesionismo correntizio. Ma, quello che appare più rilevante nel recente voto è la tenuta in molte medie e grandi città, anche nelle aree del Nord dove l’ondata salviniana è stata più forte. Incrociando i dati delle europee con quelle delle comunali, Il Pd si conferma prima forza (o riconquista questa posizione) a Milano, Torino, Genova, Bergamo, Bologna, Modena, Pesaro e, al Sud, a Bari e Lecce, oltre a tornare ad essere il primo partito nella Capitale.

Salvini, all’apice del successo, si dovrà dunque confrontare con la particolare volatilità del voto meridionale, con un elettorato alla disperata ricerca di qualcuno in grado di interpretare fattivamente le ricette per uscire da una atavica assenza di sviluppo. Appare difficile che la Lega, non più “padana”, per il semplice fatto di definirsi “salviniana” sia in grado di avanzare queste ricette. Sull’altro fronte, la tenuta del Pd e la sua vitalità nelle aree metropolitane possono rappresentare i presupposti per la rinascita di una politica bipolare che in qualche misura rianimi gli scenari di un confronto-scontro tra destra e sinistra. Il leader della Lega non nasconde di apprezzare l’esistenza dei “nemici”, interni od esterni che siano e, anzi, ha riproposto lo slogan “molti nemici, molto onore” che in molti casi lo ha portato a “inventare” nemici di comodo. Questa tecnica ha dato i suoi risultati, ma d’ora in poi dovrà andare in soffitta. Vedremo se e con che cosa sarà in grado di sostituirla.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze