Prescrizione e Gregoretti, i due “Matteo” conquistano il prime time. L’analisi

Dopo settimane incentrate sull’emergenza coronavirus, la politica riguadagna le prime pagine del prime time, ottenendo 23 aperture. A reclamare l’attenzione sono gli scontri interni alla maggioranza e il voto sul caso Gregoretti. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 10 al 14 febbraio.

Il braccio di ferro sulla prescrizione, con i molti distinguo di Italia Viva, guadagna ben 15 aperture, di cui 12 tra giovedì e venerdì, giorni in cui si consuma la “rottura” nella maggioranza. I Tg del servizio pubblico seguono la vicenda con una certa cautela, riprendendo nei titoli le dichiarazioni di Conte, Zingaretti e del ministro Bonafede, per “accerchiare” gli interventi dei rappresentanti di Italia Viva; Tg2 venerdì intervista il leader 5 Stelle, Crimi, sulle sorti dell’alleanza di governo. Discorso opposto per i Tg Mediaset, che rilanciano gli interventi più agguerriti e di rottura. Martedì, Tg5 intervista Renzi dopo lo strappo provocato dal voto di Italia Viva in Commissione con le opposizioni. Al suo intervento seguono le analisi di tre editorialisti della carta stampata (Sallusti, Pini e Verderami) sulle sorti dell’esecutivo. Sempre Sallusti interviene venerdì sul Tg4, che sollecita il direttore del Giornale sul “ritorno del rottamatore”, e chiede se Renzi rottamerà anche il Governo Conte 2.

Il voto che permette alla Magistratura la facoltà di indagare il senatore Matteo Salvini in merito alla vicenda della nave Gregoretti monopolizza le edizioni di mercoledì (6 le aperture). A schierarsi a difesa dell’ex ministro dell’Interno sono i Tg Mediaset e Tg2. La testata di Sangiuliano, sempre mercoledì, intervista il leader leghista, mentre Tg4 torna sulla vicenda anche giovedì, segnalando fin dai titoli come da agosto a febbraio gli sbarchi siano cresciuti.

Virus Covid-19, attenzione costante. Caso Zaky sotto gli occhi dell’Europa. Il viaggio di Di Maio in Libia: non pervenuto
L’epidemia del virus cinese, battezzato da martedì “Covid-19”, è molto seguita, con titoli per quasi tutte le edizioni. Al centro dell’attenzione, più che i crescenti numeri del contagio, sono ormai le conseguenze economiche (globali e nazionali) e le operazioni di rimpatrio dei nostri connazionali. I Tg Rai rilanciano nei servizi le buone relazioni diplomatiche tra Italia e Cina. Riprese fin dai titoli le azioni del leader Xi Jinping, che punisce le leadership del partito a Wuhan, e le notizie relative all’annullamento, per i rischi di contagio, dei primi grandi eventi internazionali.

La vicenda di Patrick Zaky, lo studente di nazionalità egiziana dell’Università di Bologna tuttora in carcere nel suo Paese, incontra l’interesse di Tg La7 e delle testate Rai, con titoli e servizi. Paradossalmente, l’evolversi della crisi libica, con la visita di due giorni del ministro Di Maio, che ha incontrato sia Serraj che Haftar anche con l’obiettivo di far riaprire i pozzi petroliferi, non riscontra forte interesse, e viene quasi ignorato dalle titolazioni (eccezion fatta per il Tg3 di venerdì); servizi solo da parte delle testate Rai.

Air Italy, la “tempesta perfetta”: Tg4 paventa l’isolamento della Sardegna. I riflettori del Tg2 sulla criminalità organizzata
La crisi e la liquidazione della compagnia Air Italy piombano martedì sul prime time come un fulmine a ciel sereno, ottenendo aperture su Tg3, Tg4 e Studio Aperto. Spazi anche per Tg La7, con Mentana che collega la vicenda agli ulteriori guai in àmbito giudiziario per gli ex vertici di Alitalia, e parla di “tempesta perfetta” per le due aziende. Le testate di News Mediaset si dimostrano le più interessate a seguire le evoluzioni sulla vicenda, e per la sorte dei 1.450 dipendenti della compagnia. Tg4, mercoledì, segnala allarmato le conseguenze che la liquidazione di Air Italy potrà avere sulla Sardegna, a forte rischio isolamento anche per il ridimensionamento di un’altra azienda, la compagnia di traghetti Moby.

Tg2 propone questa settimana degli interessanti servizi sul contrasto della criminalità organizzata, titolando sul primo comune sciolto per mafia in Val d’Aosta, sull’attività delle famiglie mafiose di Ostia, e dedicando, giovedì, un approfondimento agli attentati mafiosi nel foggiano. Anche Tg3 affronta il tema delle attività della criminalità internazionale nella sua rubrica “Rotte della plastica”, che approfondisce il processo di smaltimento dei rifiuti plastici, segnalando i danni provocati dal traffico illegale negli altri paesi.

Foibe, il prime time unito nel ricordo
Il giorno del ricordo per le vittime delle foibe riceve, lunedì, 5 titoli e forte attenzione da parte di tutte le testate, con i Tg Mediaset che già domenica avevano proposto alcuni approfondimenti. I nuovi episodi di razzismo e antisemitismo hanno ricevuto analoga attenzione e diversi titoli da parte di tutte le testate; Tg5, mercoledì, vi dedica la copertina. Sempre Tg5 denuncia, venerdì in copertina, i diritti negati ai cittadini disabili a causa dei disservizi della metropolitana di Torino.

Ultime notizie
civil aviation
Ambiente

“Green flights”: the cooperation model between Italy and China in civil aviation

The participation in the video-conference by the ambassadors of the respective countries, Luca Ferrari for Italy and Li Junhua for China, is...
di Marco Ricceri*
civil aviation
aviazione civile
Rapporti

“Voli green”: il modello di cooperazione tra Italia e Cina nell’aviazione civile

La partecipazione alla video-conferenza degli ambasciatori dei rispettivi paesi, Luca Ferrari per l’Italia e Li Junhua per la Cina, è un indice...
di Marco Ricceri*
aviazione civile
turismo di lusso
Economia

Il turismo di lusso non conosce crisi ed è già ai livelli del 2019

Il turismo di lusso ha sofferto meno la crisi del 2020, per la possibilità di offrire esperienze esclusive e in condizioni di sicurezza lontane dall’affollamento del turismo di massa e dei voli low cost. Sembra infatti che il settore sia ritornato già ai livelli pre-pandemia del 2019.
di Roberta Rega
turismo di lusso
Unione europea
Economia

Piano nazionale di ripresa, strategie territoriali per massimizzare l’impatto degli interventi

Ue, per massimizzare l’impatto degli interventi è importante agire in modo strategico e coordinato dalla fase di programmazione a quella di attuazione, e contribuendo a rafforzare gli obiettivi di addizionalità propri della coesione, in particolare nelle aree marginali del nostro Paese.
di Claudia Bugno*
Unione europea
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere