Probabili effetti del Covid-19: qualche lezione da imparare

Cercherò di illustrare, sinteticamente, alcune probabili conseguenze del Covid-19 sia a livello internazionale sia nazionale. È cosa certa che conseguenze, anche radicali, ci saranno. Lo prova la storia delle epidemie/pandemie del passato. Un solo esempio: Tucidide – padre della teoria realista nelle relazioni internazionali – aveva correttamente fatto derivare dalla pestilenza di Atene del 430 a.C. il declino della potenza ateniese.
La comparsa del virus è stata un “cigno nero”? Sì e no. Sì perché, di fatto, ha sorpreso tutti, e la sorpresa è una delle caratteristiche della crisi che produce stress decisionale. No perché era prevedibile, ed anche previsto. Da tempo, infatti, l’OMS aveva raccomandato misure preventive a seguito dell’esperienza SARS.
Le tendenze in atto ci mostrano una contrapposizione crescente fra le due superpotenze attuali. La pandemia è un acceleratore di tali tendenze. I mutamenti sociali sembrano seguire le stesse leggi delle epidemie. Nell’ottica del paradigma realista del potere tale contrapposizione è destinata a crescere, almeno nel breve-medio termine. È in atto anche una guerra psicologica, con la quale si cerca di sfruttare politicamente, e a fini geo-strategici, l’ansia provocata dalla pandemia.
Con il Covid-19 appare anche un nuovo aspetto della geopolitica: obiettivo del confronto fra le grandi potenze non è il territorio, ma i modelli politico-sociali capaci, più o meno, di avere la meglio sulla pandemia.
Nella guerra fredda fra USA e Cina nessuno sembra, al momento, poter prevalere. Il sistema internazionale tende così ad un disordine ancora maggior, a quel “G-Zero World” di cui parla Ian Bremmer.
Ogni previsione seria non può che partire da una teoria. Ecco perché ho fatto riferimento alla più antica e consolidata teoria del potere in un contesto anarchico.
Oggi, gli stati dati per spacciati riacquistano importanza, perché, di fronte a pericoli incombenti, si sono sempre dimostrati l’argine più resistente. Questa è la prima lezione. Ciò ha anche delle conseguenze sul piano dell’Unione europea. Nonostante qualche concreto passo in avanti, è pur sempre l’egoismo nazionale, e non la solidarietà, a far prevedere faticosi negoziati. La westlessness, e cioè l’assenza dei valori europei, si farà sentire sempre più.
A fronte della tendenza di qualche governo a scivolare verso chine autoritarie sarebbe preferibile – magari tentandone la riforma – valorizzare alcune grandi organizzazioni internazionali (come ad esempio l’OMS), le più adatte a gestire le “interdipendenze complesse”; ciò, purtroppo, resta una soluzione difficilmente attuabile.
Contro il pessimismo della ragione, però, gioca il fatto che il futuro ha una caratteristica paradossale: muta e si trasforma quando lo pensiamo. La teoria della previsione chiama questo fenomeno self- fulfilling o self-denying prophecy.
Una seconda lezione che ci impartisce il Covid-19 è la considerazione di ciò che è veramente essenziale: l’intelligence strategica, le reti di distribuzione, la logistica, il farmaceutico, l’alimentare, il digitale.
Una terza lezione impartitaci dalla pandemia è che il processo di globalizzazione – giudicato come una “perversione” della teoria Ricardiana dei costi comparati da Keynes e della “società del rischio” di Ulrich Beck – subirà una flessione ed una ristrutturazione. Difficile, se non impossibile, che il passo indietro sia radicale, dato che il processo ha origini plurisecolari ed è strettamente legato al progresso tecnologico.
Una quarta lezione riguarda l’Italia: quella dell’unità. Durante questi difficili mesi i cittadini, contrariamente ad ogni previsione, si sono dimostrati uniti, disciplinati, solidali. Non si può dire lo stesso della classe politica, priva totalmente di visione strategica.
Qualche altra considerazione per concludere.
Gli investimenti in strumenti di resilienza devono precedere le crisi. In tempi gravidi di minacce è fondamentale la centralizzazione del processo decisionale. Le comunicazioni devono essere rapide e trasparenti. Questi gli insegnamenti della SARS del 2003, recepiti solo da pochi stati (in particolare asiatici).
Di fronte alla babele delle opinioni sembra essersi rivalutato il valore della conoscenza e dell’esperienza. Ma è il politico che deve essere il tecnico della complessità. Le classi dirigenti dovrebbero esserne consapevoli e adeguare le proprie competenze.
La sicurezza – sia interna che esterna – si traduce, sempre più, in un concetto pluridisciplinare: alla tradizionale dimensione si aggiunge quella culturale, ecologica, sanitaria, eccetera.
L’economia dovrà essere sempre coniugata con la sicurezza intesa in senso globale, e la politica non dovrà essere subordinata alla finanza. In assenza di ciò non ci sarà sviluppo sostenibile e giustizia sociale.
Sarà necessario imparare a prevedere e pianificare in condizioni di incertezza. Il metodo scientifico dovrà essere usato per ottimizzare le decisioni politiche. Tutto questo può sembrare utopistico, ma senza ciò uno stato è oggetto e non soggetto di Storia.

Gli altri contributi della rubrica Diario per il nostro futuro

Ultime notizie
Futuro

Fake news, molestie, furto di dati: la percezione del rischio su scala mondiale

Tracciare un profilo unico della percezione del rischio dei cittadini e delle imprese a livello mondiale. Questo è quello che hanno tentato di fare uno studio condotto dalla Lloyd’s Register Foundation e il Report Regional Risks for Doing Business del World Economic Forum.
di Roberta Rega
Immigrazione

Dossier Statistico Immigrazione 2020, minori stranieri in Italia: i senza patria

Anticipiamo, alcuni dati e rilievi proposti nel Dossier Statistico Immigrazione 2020, redatto dal Centro Studi e Ricerche Idos, in collaborazione con il Centro Studi Confronti, alla cui presentazione prenderà parte il sociologo dell’Eurispes, Marco Omizzolo.
di redazione
Crescita

PMI italiane e pandemia: un viaggio dal presente al futuro

il contesto della ricerca italiana conferma la sua attualità, grazie alla tradizionale “vivacità” delle micro e piccole imprese, che, più di altre, si confrontano (e si scontrano) con le particolari esigenze di innovazione dettate dalla trasformazione digitale e da un bisogno sempre crescente di flessibilità e resilienza.
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella*
International

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future

Italian SMEs facing the global pandemic. A laborious journey from present to future   Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella Sapienza, Università di Roma European Network...
di Renato Fontana, Ernesto Dario Calò, Milena Cassella 
Futuro

Le App: una finestra sulla nostra vita digitale

Se nel 2008 il mercato delle app era praticamente inesistente, negli otto anni successivi esso arriva a valere 1.300 miliardi di dollari, indotto compreso, e nel 2021 l’economia che ruota intorno alle App potrebbe diventare la terza a livello mondiale, con una crescita del 385% rispetto al 2016.
di redazione
Economia

Sugar tax, Italia ancora lontana dall’obiettivo

La Sugar Tax, approvata in Italia con la Legge di Bilancio 2020, sarebbe dovuta partire proprio da ottobre 2020, ma il Governo sembra ora orientato ad un ulteriore slittamento a luglio 2021
di redazione
Cultura

Una ridda di sigle per la scuola italiana

C’è la ddi, la dad, la dip, e se le si conta per bene, le sigle che caratterizzano oggi il mondo della scuola possono costituire tutte insieme l’indice di un corposo dizionario burocratico: se ne contano addirittura più di 500.
di Giuseppe Pulina
Diritti umani

Mandato di arresto europeo ed estradizione: la prima banca dati è emiliana

L'indagine condotta dall’Osservatorio Europa della Camera Penale di Bologna “Franco Bricola”, Fondazione Forense Bolognese ed Eurispes, ha monitorato, per la volta in Italia, i provvedimenti in materia di mandato di arresto europeo ed estradizione.
di redazione
Politica

La democrazia rende insoddisfatti?

Il malcontento verso la classe politica cresce nelle emergenze come il Covid, si diffonde la percezione che non vi siano risposte adeguate ed efficaci. La disaffezione verso la democrazia è tuttavia pericolosa e minaccia di spingerci in direzioni errate o avventurose. Il problema rimane la qualità della partecipazione pubblica e la consapevolezza di contribuire tutti al benessere collettivo.
di Angelo Perrone*
Criminalità e contrasto

Geopolitica, criminalità organizzata e terrorismo: riconoscere le nuove minacce

Il fenomeno mafioso è antico ma va stadiato a scadenze regolari allo stesso modo delle malattie nel campo medico. Gli intervalli sono quelli dettati dalla geopolitica che la storia ci presenta, i cambiamenti geopolitici mondiali comportano come conseguenza l’adeguamento di strutture e organizzazioni preesistenti ai nuovi paradigmi.
di Pasquale Preziosa*