Un esercizio retorico

«Con i cambiamenti epocali in atto ci stiamo giocando il futuro del nostro Paese e le scelte che non siamo in grado di fare in casa nostra, qualcun altro sicuramente le farà al posto nostro, ce le imporrà dall’esterno». Lo scrive il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, nel suo nuovo libro L’Italia del “nì” (Minerva Edizioni). E proprio oggi, in un momento storico di crisi e di incertezza, Fara esorta a leggere e rileggere la nostra Costituzione.

«In genere, alla espressione “cambiamenti strutturali” abbiniamo un’altra espressione, quella di “crisi strutturale”. Ma crisi è una parola che viene dal greco antico, crisis (κρíσις), con una etimologia krino, che vuol dire separare, selezionare, scegliere, decidere. In quale misura stiamo operando scelte che ci facciano comprendere quale Italia vogliamo costruire da oggi, ad esempio, a trenta, cinquant’anni? Se vogliamo essere davvero responsabili e credibili, non possiamo limitarci a esaminare le tendenze attuali e a esercitarci sulle loro possibili evoluzioni. Dovremmo piuttosto fermarci e misurare il valore della nostra cultura, del nostro pensiero, della nostra etica sullo scenario che vorremmo realmente costruire, sull’idea di futuro che abbiamo in mente e che vorremo realizzare fin da adesso, appunto, operando quelle decisioni e quelle scelte che i cambiamenti strutturali ci impongono di fare. A meno, come si diceva, di non rimanere al livello di una retorica che tutto assolve e tutto copre. E la costruzione di un nuovo ordine non può che poggiare sulle fondamenta di un sistema di princìpi e valori che esprimano al meglio la nostra idea di comunità italiana, e il nostro contributo alla sua coesione ed evoluzione positiva. Noi non troviamo ‒ questa è la nostra idea ‒ un sistema valoriale e orientativo migliore di quello iscritto nella Costituzione italiana, purché si abbia il coraggio di reinterpretarla e soprattutto di operare scelte che consentano di vivere concretamente i suoi princìpi alla luce dei cambiamenti in atto. A cominciare dal principio fondamentale del lavoro, su cui si basa tutta la struttura del nostro Stato, a quelli della dignità della vita e della solidarietà umana, al valore delle comunità, alla promozione della mobilità sociale, del pluralismo civile e così via. I richiami a questi princìpi non possono più essere un esercizio retorico; non possiamo permettercelo. Con i cambiamenti epocali in atto ci stiamo giocando il futuro del nostro Paese e le scelte che non siamo in grado di fare in casa nostra, qualcun altro sicuramente le farà al posto nostro, ce le imporrà dall’esterno. Leggiamo e rileggiamo, dunque, la nostra Costituzione. Pensiamola e condividiamola, senza retorica e conservatorismi sterili, ma con la responsabilità di proiettarla verso quei nuovi orizzonti che la globalizzazione ci propone. Una rilettura condivisa dei princìpi e dei valori costituzionali è, infatti, la sola via per guidarci nel processo di discontinuità in atto nella società italiana. Allo stesso tempo, è il solo modo per creare le condizioni utili a promuovere una ricucitura tra “Paese” e “Sistema”, cioè tra le due realtà delle quali le discontinuità epocali hanno rotto l’equilibrio, aprendo uno scenario di pericolosa involuzione politico-istituzionale, economica, sociale, culturale. (Aforisma 32, 2018)».

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia