Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

giustizia tributaria

Già nel corso del 2021 il MEF, insieme col Ministro della Giustizia, aveva costituito una Commissione interministeriale con lo scopo di analizzare e formulare proposte di intervento per una riforma della giustizia tributaria. Molte delle misure poi approvate in sede parlamentare erano state oggetto di un articolo apparso su questa rivista in tempi non sospetti. La Commissione era stata in particolare incaricata di esaminare le criticità esistenti, nonché di elaborare proposte di misure e di interventi legislativi, allo scopo di migliorare la qualità della risposta giudiziaria e ridurre i tempi del processo.

Giustizia tributaria, una Commissione interministeriale per elaborare proposte e interventi

Si è quindi posta attenzione alla predisposizione delle condizioni perché il legislatore delegato addivenisse alla creazione del ruolo dei giudici tributari, scegliendo la strada del giudice tributario professionale. Nell’ottica di una migliore qualità delle decisioni tributarie di maggior valore (più facilmente destinate a pervenire fino alla Corte di Cassazione), si è poi previsto che le liti minori, di valore non superiore ai 3.000 euro, fossero decise in primo grado da un giudice monocratico. Un altro tema fondamentale affrontato dalla Commissione era poi quello della prova testimoniale. Anche dopo i lavori della Commissione, restavano (e in certi casi restano), tuttavia, ancora varie criticità su cui intervenire, tra cui, ad esempio:

  • la disciplina dell’autotutela (chiarendo, a tal proposito, anche i profili di impugnazione del diniego);
  • la creazione, ex lege, di una sezione speciale della Corte di Cassazione;
  • la previsione di un correttivo in ordine all’attuale meccanismo (solo facoltativo) della pubblica udienza.

Le modifiche approvate nel passaggio parlamentare rispetto alla originaria formulazione

Alcune di queste questioni sono state poi affrontate nel passaggio parlamentare. Altre, invece, restano ancora da risolvere. Il voto definitivo della Camera è comunque finalmente arrivato con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Di seguito, alcune tra le più rilevanti modifiche approvate nel passaggio parlamentare rispetto alla originaria formulazione.

  1. Corti di giustizia tributaria. Di particolare valore (anche) simbolico nella lunga evoluzione verso una magistratura tributaria autonoma e indipendente è la sostituzione della denominazione “Commissioni tributarie” con quella di “Corti di giustizia tributaria”.
  2. Concorso. Anche i laureati in Economia potranno partecipare al concorso per magistrati tributari. Nei primi 3 bandi di concorso per magistrati tributari, viene inoltre incrementata dal 15% al 30% la misura della riserva di posti a favore degli attuali giudici tributari non togati.
  3. Tirocinio e formazione. Per i magistrati tributari viene poi introdotta la previsione di un tirocinio formativodi almeno sei mesi e anche la previsione della formazione continua.
  4. Sezione tributaria della Corte di Cassazione. Si prevede che presso la Corte di Cassazione sia istituita una sezione civile,incaricata esclusivamente della trattazione delle controversie in materia tributaria.
  5. Condono per le liti pendenti in Cassazione. Viene reintrodotta la definizione agevolatadei giudizi tributari pendenti dinanzi alla Corte di Cassazione. Le controversie tributarie – pendenti alla data del 15 luglio 2022 innanzi alla Corte di Cassazione ai sensi dall’art. 62, Dlgs. 31 dicembre 1992, n. 546, per le quali l’Agenzia delle Entrate risulti integralmente soccombente in tutti i precedenti gradi di giudizio e il valore delle quali, determinato ai sensi dell’articolo 16, comma 3, legge 27 dicembre 2002, n.289, sia non superiore a 100.000 euro – sono definite con decreto a domanda dei soggetti che hanno proposto l’atto introduttivo del giudizio, o di chi vi è subentrato o ne ha la legittimazione, previo il pagamento di un importo pari al 5% del valore della controversia. Quando invece l’Agenzia delle Entrate risulti soccombente in tutto o in parte in uno dei gradi di merito e il valore delle liti sia non superiore a 50.000 euro, le stesse sono definite previo pagamento di un importo pari al 20% del valore della controversia.
  6. Condanna alle spese in caso di rigetto infondato del reclamo. Con l’intento di deflazionare il contenzioso, è stato previsto che, in caso di rigetto del reclamo o di mancato accoglimento della proposta di mediazione formulata d’ufficio, la soccombenza di una delle parti, in accoglimento delle ragioni già espresse in sede di reclamo o mediazione, comporta, per la parte soccombente, la condanna al pagamento delle relative spese di giudizio. Tale condanna può anche rilevare ai fini dell’eventuale responsabilità amministrativa del funzionarioche abbia immotivatamente rigettato il reclamo o non accolto la proposta di mediazione.

Un obiettivo della riforma era la riduzione del 40% della durata media dei processi 

In conclusione, richiamate solo alcune delle principali novità ora introdotte, si evidenzia quanto segue. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati con la Commissione Europea nell’ambito del Pnrr, era la riduzione del 40%, entro giugno 2026, della durata media dei processi in Cassazione (oggi superiore a 1.300 giorni). Un obiettivo ambizioso e però necessario, anche considerato che il 42% delle controversie giacenti in Cassazione è di natura tributaria e che ogni anno i ricorsi tributari decisi dalla Suprema Corte hanno un valore di oltre nove miliardi di euro. La riforma approvata dal Parlamento interviene dunque con una serie di novità e strumenti che mirano, tra le altre, a velocizzare il contenzioso tributario. Molte delle novità sono condivisibili, benché alcune occasioni di modifica siano state perse. Vedremo comunque nel prossimo futuro se l’intervento sarà stato sufficiente per dare finalmente la dignità che merita alla Giustizia Tributaria (una Giustizia che gestisce forse il rapporto più delicato e controverso tra cittadino e Stato). Senz’altro la previsione del giudice professionale è una svolta epocale. Vedremo se sarà sufficiente, o se, magari anche a breve, sarà necessario un nuovo “lifting”.

*Direttore Osservatorio sulle Politiche Fiscali dell’Eurispes.

[custom-related-posts title=”Leggi anche” none_text=order_by=”title” order=”
Ultime notizie
piattaforme
Società

L’età delle piattaforme nella società del rischio

Le piattaforme sono oggi il luogo in cui si esercita il vero potere di controllo e di indirizzo, con conseguenze politiche non di poco conto. Il saggio “I poteri privati delle piattaforme e le nuove frontiere della privacy” (ed. Giappichelli), curato dal presidente dell’Authority di settore, Pasquale Stanzione, tematizza, in particolare, il delicato rapporto che oggi sussiste tra evoluzione del diritto e sviluppo tecnologico.
di Massimiliano Cannata
piattaforme
grandi stazioni
Infrastrutture

Infrastrutture italiane tra innovazione e corporativismo: intervista ad Alberto Baldan, AD di Grandi Stazioni Retail

Alberto Baldan, amministratore delegato di Grandi Stazioni Retail, sostiene il ruolo delle infrastrutture ferroviarie per avvicinare le città italiane e modernizzare il trasporto nel Paese in termini di sostenibilità e rigenerazione urbana.
di Angela Abbrescia
grandi stazioni
patrimonio culturale
Criminalità e contrasto

Tecnologie avanzate e collaborazione interforze. TPC dei Carabinieri: un Corpo in difesa del Patrimonio Culturale

Dal 1969 il Comando Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale svolge la sua attività di contrasto al traffico di opere d’arte, primo Corpo speciale al mondo individuato specificamente per tale funzione. Da allora, sono circa 3 milioni le opere recuperate e rientrate legittimamente nel nostro Paese.
di redazione
patrimonio culturale
costo della vita
Economia

Costo della vita e occupazione in discesa nei settori a basso reddito nel post-Covid come effetto della crisi ucraina

Mentre l’economia mondiale, seppur con variazioni significative, si è ripresa rapidamente dopo la pandemia – 57 milioni i posti di lavoro persi...
di redazione
costo della vita
libere per tutte
Immigrazione

Libere per tutte. Storie di donne e del loro coraggio

Libere per tutte. Il coraggio di lottare per sé e per gli altri di Marco Omizzolo (Fondazione Feltrinelli 2022) racconta tre donne diverse ma ugualmente resistenti, descritte in chiave sociologica ma non priva di trasporto, con lo scopo di documentare e denunciare patriarcato, sfruttamento e discriminazione contro le donne.
di Giusy Rosato
libere per tutte
Made in Italy
Economia

Strategie fiscali in difesa del Made in Italy

Made in Italy, un patrimonio da difendere e valorizzare con efficaci strategie fiscali, prima fra tutte l’agevolazione fiscale alle reti di imprese e la valorizzazione del capitale umano. In primo piano anche la lotta alla contraffazione sul piano fiscale per disincentivare la concorrenza sleale.
di Giovambattista Palumbo*
Made in Italy
gentrificazione
Società

Gentrificazione e turismo, quale futuro ci aspetta

Gentrificazione e turismo di massa sono due fenomeni in aumento e interconnessi, generanti profondi cambiamenti nel tessuto urbano e sociale delle città italiane. Per questo motivo andrebbero riconsiderati in relazione a logiche di pianificazione urbana e non di laissez faire.
di Roberta Rega
gentrificazione
flat tax
Economia

Flat tax, questa sconosciuta

La flat tax richiama la questione della corrispettiva copertura finanziaria, nonché della progressione di aliquota. Ma il vero problema in materia fiscale è l’evasione, e la flat tax va vista come una misura mirata in primis a favorire la emersione dei redditi non dichiarati.
di Giovambattista Palumbo*
flat tax
Carmelo Cedrone
Biografia

In ricordo di Carmelo Cedrone

Ci ha lasciato Carmelo Cedrone, scomparso ai primi di settembre; è stato un sincero europeista, autentico sindacalista, promotore e coordinatore del “Laboratorio Europa” per l’Eurispes, fino all’ultimo impegnato a dare il proprio contributo al processo di integrazione europea.
di Marco Ricceri*
Carmelo Cedrone
giustizia tributaria
Economia

Riforma della giustizia tributaria. Contesto, prospettive e criticità

La Giustizia tributaria è finalmente oggetto di una riforma, arrivata alla Camera con la seduta straordinaria del 9 agosto 2022. Uno degli obiettivi della riforma, negoziati nell’ambito del Pnrr, era la riduzione della durata media dei processi in Cassazione.
di Giovambattista Palumbo*
giustizia tributaria