Sicurezza

Sicurezza, fiducia e verità. Il filosofo Aldo Masullo incanta Napoli

226

Sicurezza e insicurezza, fiducia e sospetto, verità e fede. Aldo Masullo, intellettuale e filosofo, probabilmente il più grande vivente del nostro Paese, ha incantato il pubblico della Conferenza Nazionale sulla Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli.

Quindici minuti di grande emozione e magia intellettuale che hanno invertito le regole del gioco, riportando il tema, così concreto e palpabile, delle nostre paure quotidiane legate alla cronaca e all’attualità, ad un livello più elevato, alla sfera dei bisogni e dei “buchi neri”, ancestrali, dell’uomo.
«Ogni uomo desidera essere al riparo: essere al sicuro è la sua esigenza fondamentale in quanto essere vivente che ha coscienza dei suoi bisogni ma anche dei rischi», ha esordito. «È vero che il tema della sicurezza è legato ad aspetti tecnici, al problema dei grandi strumenti tecnologici e dei nuovi dispositivi, tuttavia, è anche e soprattutto uno stato d’animo dell’uomo, che può sentirsi protetto da una grande tranquillità ma anche tormentato da una straordinaria insicurezza; ed è in quest’ultimo stato che oggi la nostra società si trova. Ciò che caratterizza il nostro tempo è l’estrema acutizzazione del senso di insicurezza. E questo non attiene la tipologia delle misure che si attuano, ma l’ambiente generale entro il quale ci si trova a vivere».
Il filosofo campano, che è stato anche Senatore della Repubblica, ha spiegato che «nella vita quotidiana viviamo un modo di essere di estrema difficoltà: siamo sempre più isolati, ciascuno nel proprio piccolo privato, senza capacità di apertura all’altro, perché l’altro è sospetto. Insomma, è venuta meno la fiducia e questo distrugge l’anima giovanile».
Ed ha poi ribadito e sottolineato: «Il tema centrale, quando si parla di sicurezza, dunque, non è tanto discutere dei sistemi di sicurezza: se quello che manca è la chiave politica che rende l’ambiente respirabile, non ci sono dispositivi che tengano, la società si sfascia».
Il suo discorso si è poi ricollegato al tema della corruzione, più volte ricorrente durante le giornate della Conferenza Nazionale organizzata da Eurispes, Regione Campania e Dna. «Il corrotto è dannoso soprattutto perché contribuisce fortemente a seminare la sfiducia. Ricostruire la fiducia è un compito che impegna soprattutto chi governa ma anche ciascuno di noi. In particolare, i giovani sono danneggiati perché sono cresciuti dubitanti, traducendo il sospetto in condanna. Credo che la sicurezza, quindi, come ho già detto, non debba pervenire solo dagli strumenti tecnici ma dalla volontà di rompere la cortina di nebbia e tornare a cercare nell’altro non il nemico, ma il compagno di lavoro».
E poi si è fermato sul rapporto tra verità e fiducia: «La chiave è proprio nella radice etimologica della parola fiducia, il cui significato si trova nella parola verità. La verità è ciò che determina la fede e la fede è credere nella veridicità dell’altro. Dunque, verità e fiducia sono quasi la stessa cosa».

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli