Sicurezza

Sicurezza, fiducia e verità. Il filosofo Aldo Masullo incanta Napoli

149

Sicurezza e insicurezza, fiducia e sospetto, verità e fede. Aldo Masullo, intellettuale e filosofo, probabilmente il più grande vivente del nostro Paese, ha incantato il pubblico della Conferenza Nazionale sulla Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli.

Quindici minuti di grande emozione e magia intellettuale che hanno invertito le regole del gioco, riportando il tema, così concreto e palpabile, delle nostre paure quotidiane legate alla cronaca e all’attualità, ad un livello più elevato, alla sfera dei bisogni e dei “buchi neri”, ancestrali, dell’uomo.
«Ogni uomo desidera essere al riparo: essere al sicuro è la sua esigenza fondamentale in quanto essere vivente che ha coscienza dei suoi bisogni ma anche dei rischi», ha esordito. «È vero che il tema della sicurezza è legato ad aspetti tecnici, al problema dei grandi strumenti tecnologici e dei nuovi dispositivi, tuttavia, è anche e soprattutto uno stato d’animo dell’uomo, che può sentirsi protetto da una grande tranquillità ma anche tormentato da una straordinaria insicurezza; ed è in quest’ultimo stato che oggi la nostra società si trova. Ciò che caratterizza il nostro tempo è l’estrema acutizzazione del senso di insicurezza. E questo non attiene la tipologia delle misure che si attuano, ma l’ambiente generale entro il quale ci si trova a vivere».
Il filosofo campano, che è stato anche Senatore della Repubblica, ha spiegato che «nella vita quotidiana viviamo un modo di essere di estrema difficoltà: siamo sempre più isolati, ciascuno nel proprio piccolo privato, senza capacità di apertura all’altro, perché l’altro è sospetto. Insomma, è venuta meno la fiducia e questo distrugge l’anima giovanile».
Ed ha poi ribadito e sottolineato: «Il tema centrale, quando si parla di sicurezza, dunque, non è tanto discutere dei sistemi di sicurezza: se quello che manca è la chiave politica che rende l’ambiente respirabile, non ci sono dispositivi che tengano, la società si sfascia».
Il suo discorso si è poi ricollegato al tema della corruzione, più volte ricorrente durante le giornate della Conferenza Nazionale organizzata da Eurispes, Regione Campania e Dna. «Il corrotto è dannoso soprattutto perché contribuisce fortemente a seminare la sfiducia. Ricostruire la fiducia è un compito che impegna soprattutto chi governa ma anche ciascuno di noi. In particolare, i giovani sono danneggiati perché sono cresciuti dubitanti, traducendo il sospetto in condanna. Credo che la sicurezza, quindi, come ho già detto, non debba pervenire solo dagli strumenti tecnici ma dalla volontà di rompere la cortina di nebbia e tornare a cercare nell’altro non il nemico, ma il compagno di lavoro».
E poi si è fermato sul rapporto tra verità e fiducia: «La chiave è proprio nella radice etimologica della parola fiducia, il cui significato si trova nella parola verità. La verità è ciò che determina la fede e la fede è credere nella veridicità dell’altro. Dunque, verità e fiducia sono quasi la stessa cosa».

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata