Sicurezza, fiducia e verità. Il filosofo Aldo Masullo incanta Napoli

Sicurezza e insicurezza, fiducia e sospetto, verità e fede. Aldo Masullo, intellettuale e filosofo, probabilmente il più grande vivente del nostro Paese, ha incantato il pubblico della Conferenza Nazionale sulla Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli.

Quindici minuti di grande emozione e magia intellettuale che hanno invertito le regole del gioco, riportando il tema, così concreto e palpabile, delle nostre paure quotidiane legate alla cronaca e all’attualità, ad un livello più elevato, alla sfera dei bisogni e dei “buchi neri”, ancestrali, dell’uomo.
«Ogni uomo desidera essere al riparo: essere al sicuro è la sua esigenza fondamentale in quanto essere vivente che ha coscienza dei suoi bisogni ma anche dei rischi», ha esordito. «È vero che il tema della sicurezza è legato ad aspetti tecnici, al problema dei grandi strumenti tecnologici e dei nuovi dispositivi, tuttavia, è anche e soprattutto uno stato d’animo dell’uomo, che può sentirsi protetto da una grande tranquillità ma anche tormentato da una straordinaria insicurezza; ed è in quest’ultimo stato che oggi la nostra società si trova. Ciò che caratterizza il nostro tempo è l’estrema acutizzazione del senso di insicurezza. E questo non attiene la tipologia delle misure che si attuano, ma l’ambiente generale entro il quale ci si trova a vivere».
Il filosofo campano, che è stato anche Senatore della Repubblica, ha spiegato che «nella vita quotidiana viviamo un modo di essere di estrema difficoltà: siamo sempre più isolati, ciascuno nel proprio piccolo privato, senza capacità di apertura all’altro, perché l’altro è sospetto. Insomma, è venuta meno la fiducia e questo distrugge l’anima giovanile».
Ed ha poi ribadito e sottolineato: «Il tema centrale, quando si parla di sicurezza, dunque, non è tanto discutere dei sistemi di sicurezza: se quello che manca è la chiave politica che rende l’ambiente respirabile, non ci sono dispositivi che tengano, la società si sfascia».
Il suo discorso si è poi ricollegato al tema della corruzione, più volte ricorrente durante le giornate della Conferenza Nazionale organizzata da Eurispes, Regione Campania e Dna. «Il corrotto è dannoso soprattutto perché contribuisce fortemente a seminare la sfiducia. Ricostruire la fiducia è un compito che impegna soprattutto chi governa ma anche ciascuno di noi. In particolare, i giovani sono danneggiati perché sono cresciuti dubitanti, traducendo il sospetto in condanna. Credo che la sicurezza, quindi, come ho già detto, non debba pervenire solo dagli strumenti tecnici ma dalla volontà di rompere la cortina di nebbia e tornare a cercare nell’altro non il nemico, ma il compagno di lavoro».
E poi si è fermato sul rapporto tra verità e fiducia: «La chiave è proprio nella radice etimologica della parola fiducia, il cui significato si trova nella parola verità. La verità è ciò che determina la fede e la fede è credere nella veridicità dell’altro. Dunque, verità e fiducia sono quasi la stessa cosa».

Ultime notizie
ecuador
Diritti umani

La crisi penitenziaria in Ecuador e la risposta internazionale

Il governo ecuadoriano ha chiesto assistenza tecnica internazionale per fronteggiare un sistema carcerario e penale al collasso. La risposta Ue è arrivata attraverso il programma EL PAcCTO, che fornisce assistenza tecnica allo scopo di rafforzare il sistema penitenziario in Ecuador.
di Giovanni Tartaglia Polcini
ecuador
falcone e borsellino
Criminalità e contrasto

Falcone e Borsellino, l’eredità dei giusti

Nel trentennale delle stragi, lo sguardo è rivolto al futuro non meno che al passato. I tempi complicati che viviamo, per la forte disillusione sulla giustizia, ci interrogano nel profondo: qual è la forza attuale del mito? Quell’esempio di rigore morale e correttezza giuridica riscatta l’istituzione dalle sue mancanze e indica la strada da seguire.
di Angelo Perrone
falcone e borsellino
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra