Ambiente

L’Italia al bivio, Vincenzo De Luca: “La repressione non deve far paura”

94

Italia al bivio, rischia di crollare. Riconquistare il principio di autorità e compiere un salto culturale: in tema di sicurezza, la “repressione” non deve far paura. Accoglienza sì ma anche fermezza assoluta. Il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, è un fiume in piena, al centro della tavola rotonda della Conferenza Nazionale su Sicurezza e Legalità che si è svolta a Napoli. Il Governatore ha colto l’occasione per una riflessione a 360 gradi, in pieno stile “deluchiano”, senza peli sulla lingua e senza alcun timore di provocare.

«Siamo ad un bivio, il punto in cui ci giochiamo il futuro della democrazia nel Paese. Il tema della sicurezza è decisivo per il nostro futuro: questo è il motivo per cui abbiamo creduto in questa Conferenza Nazionale, come momento di profonda riflessione», ha iniziato così. «Sempre più vasti settori della società sembrano disponibili a rinunciare alla libertà per avere più sicurezza, percepisco una massa crescente di cittadini che non esiterebbe a rinunciare a pezzi di libertà. Avverto anche un crescendo di sensazione di inutilità e impotenza e la crisi dei valori spinge sempre più persone a valutare se continuare a resistere. Se si diffonde ancora questo atteggiamento l’Italia è perduta. Siamo tutti di fronte a questo bivio, nella vita politica ed economica».
Ancora: «Non si trasmettono più valori comunitari, le nuove generazioni stanno perdendo la memoria delle grandi tragedie nazionali e diventano indifese nei confronti del rischio di crollo. Sembra che lo Stato non esista più: la paura è cresciuta anche al di là del numero dei reati perché sono crollate le reti di protezione sociale, sono crollate le grandi ideologie, sono crollati i sindacati. Le Istituzioni rimangono nude di fronte ai problemi. Su internet si sta consumando il distacco tra verità e fatti: le fake news patologiche mettono in discussione la democrazia. Non può sopravvivere un principio di libertà senza un principio di responsabilità».

Sul tema dell’immigrazione
«Quanti ritardi a capire i problemi dell’immigrazione: abbiamo la necessità di comprendere la realtà per quella che è. Abbiamo bisogno di riconfermare nella classe dirigente la volontà di combattere e dobbiamo riconquistare il principio di autorità. Specie nelle forze di sinistra, che non hanno mai affrontato il tema della sicurezza, serve un salto culturale. La parola sicurezza, o meglio ancora repressione, non viene utilizzata da alcune forze politiche, invece la politica deve sapere rispondere alle esigenze del presente e nell’azione di governo la repressione è una azione ineliminabile».
E poi c’è il fenomeno delle mafie straniere: «Stanno crescendo mafie autonome come quella nigeriana, ghanese o cinese. Io ritengo irrinunciabile il principio della qualità dell’accoglienza, abbiamo il dovere umano e cristiano di accogliere. Ma, con altrettanta chiarezza, devo dire che chi arriva da fuori non può violare le nostre leggi o le nostre regole di vita: repressione è una parola che va messa in campo. È necessaria l’umanità ma è necessaria anche una fermezza assoluta».

Sull’ambiente
«Stiamo dando l’anima, in Campania, per affrontare i problemi connessi all’ambiente. Stiamo affrontando il tema dei rifiuti per poter andare in Europa a far sì che venga eliminata l’inflazione europea. Il nostro piano prevede la tritovagliatura e la nuova differenziazione, la realizzazione di impianti di compostaggio, l’incremento della differenziata. Non ci sono alternative. Abusivismo: l’abusivismo è illegalità. Come bloccarlo? La proposta della Campania è cancellare gli ordini professionali che collaborano con i reati di abusivismo; via le imprese che collaborano con l’abusivismo. Cominciamo a fare in modo che il terremoto di Ischia sia una linea di demarcazione, un prima e un dopo. Non si possono né sanare né condonare case fatte a ridosso dei fiumi, realizzate in zone con vincolo ambientale assoluto, case fatte da imprese della camorra. In questi casi: demolizione».

Su giustizia e politica
«Noi mondo politico abbiamo subìto una campagna di discredito pluridecennale che ha finito per disarmare le Istituzioni. Abbiamo un ceto politico umiliato, screditato, offeso. Quando avremo distrutto tutto il ceto politico, chi governerà le Istituzioni? Il pilota automatico? Si sta determinando un processo di selezione in negativo del ceto politico. Il groviglio normativo è una croce e spesso è causa dell’emergere di fenomeni criminali. Dobbiamo semplificare e rendere efficaci le norme, altrimenti l’Italia rimane paralizzata».

Infine De Luca lancia un appello
«Chiedo a tutti voi un aiuto, da uomo che sta dentro le Istituzioni: da soli non ce la facciamo. Non possiamo lasciare quelli che nelle Istituzioni provano a fare qualcosa con la sensazione che è inutile combattere. Concludo ricordando due uomini che hanno deciso di combattere: erano siciliani e sono diventati il simbolo di un’altra Italia. Sono morti uccisi, ma continuano a rendere quasi doveroso per noi resistere, proprio come hanno fatto loro: Falcone e Borsellino. Si sono comportati da uomini e hanno deciso di non arrendersi. Abbiamo bisogno di aiuto, di moltiplicare queste testimonianze. Senza uno sforzo unitario e senza una volontà di resistere, non abbiamo futuro».

Ultime notizie
Salute

Farmaci e prestazioni inutili, colpa della medicina difensiva. Ma è davvero così?

Malasanità ed errori sanitari: a due anni dall'entrata in vigore della legge Gelli, che aveva come obiettivo quello di ridefinire il tema della responsabilità medica e arginare la medicina difensiva, abbiamo raccolto l'opinione dell'avvocato Franco Di Maria, membro dell'Osservatorio Salute, Legalità e Previdenza dell'Eurispes.
di Valentina Renzopaoli
Cultura & Turismo

Viaggi alternativi. A “caccia” di “nicchie di vita”, lontano dal turismo del selfie

Gli italiani sono buoni viaggiatori ma sempre più mordi e fuggi. L’offerta turistica si sta differenziando, con la proposta di esperienze di viaggio alternative. Ne parliamo con Daniele Bellucci, fondatore dell’associazione “Festival nel mondo”.
di Raffaella Saso
Ambiente

L’agricoltura delle diversità può rilanciare l’economia dei territori. L’intervista

L'Osservatorio “Cibi, Produzioni, Territori” Eurispes/Uci/Università Mercatorum è entrato nel vivo delle sue attività . Ne parliamo con Mario Serpillo, Presidente dell'Uci.
di Matteo Bruno Ricozzi
Ambiente

Agromafie e cibi al veleno. Caselli: “Gli agropirati non conoscono crisi”

A tavola la criminalità non conosce l’ombra della crisi. Il VI Rapporto Agromafie ha alzato, anche quest’anno, il sipario su un business che ha raggiunto i 24,5 miliardi di euro con un incremento annuo del 12%. Gian Carlo Caselli: "Il fronte dei cibi al veleno è uno dei nuovi fenomeni da presidiare".
di Massimiliano Cannata
Economia

Beni confiscati alle mafie, Fara: “Creare una holding per gestire l’immenso patrimonio”

La crescente attenzione ai temi del contrasto patrimoniale al crimine ‒ che fa da contraltare alla connotazione sempre più economica delle più...
di Gian Maria Fara
Gioco

Esports mania: il business vale un miliardo di euro

Quello degli eSports è un fenomeno sociale in rapidissima ascesa e costante trasformazione. Chiara Sambaldi e Andrea Strata hanno pubblicato la prima opera completa dedicata ai giochi elettronici.
di Valentina Renzopaoli
Economia

Roma-Milano non è solo un treno ad alta velocità. L’eterno conflitto

Roma-Milano in eterna competizione. Alberto Mattiacci analizza gli aspetti della conflittualità e il divario "che viene da lontano" tra il "bel momento" di Milano e la crisi della Capitale.
di Alberto Mattiacci
Cultura

Da Dylan Dog a Nathan Never. Michele Medda: “Il fumetto popolare è destinato a morire”

Qual è il presente ed il futuro dei fumetti in Italia? Ne parliamo con Michele Medda, ideatore di Nathan Never con Antonio Serra e Bepi Vigna, autore per le più importanti testate del fumetto italiano.
di Raffaella Saso
Economia

Agromafie. “Inseguiamo i caporali e non ci accorgiamo di chi condiziona i prezzi”

Come è noto, il nostro Paese è ricco di storia, di cultura, di arte, di tradizioni che ci hanno lasciato le generazioni...
di Gian Maria Fara
Rapporto Italia

Giornata della salute, esplode il mercato dei “cibi senza”. I dati

Cibi per intolleranti, integratori alimentari ed antibiotici fai da te. Tra salutismo, moda e psicosi, esplode anche in Italia il mercato dei “cibi senza”. In occasione della Giornata della Salute, riproponiamo i dati del Rapporto Italia.
di redazione