Sicurezza e Legalità: ecco le proposte dei super esperti riuniti a Napoli

Oltre cinquecento i partecipanti alla Conferenza Nazionale su Sicurezza e Legalità organizzata dalla Regione Campania, dalla Direzione Nazionale Antimafia e Antiterrorismo e dall’Eurispes che si è tenuta a Napoli dal 16 al 18 novembre. Un “vertice” interdisciplinare, il più approfondito e ampio mai realizzato, che, grazie al contributo di 85 relatori di livello internazionale, ha analizzato e declinato il macro-tema della sicurezza, attraverso le riflessioni e le proposte di otto tavoli tematici: “Beni confiscati”, “Ambiente e Territorio”, “Sicurezza urbana e Tutela penale”, “Criminalità organizzata: infiltrazione nell’economia legale”, “Terrorismo”, “Immigrazione e Tratta degli esseri umani”, “Cyber-Security”, “Dipendenze, Sicurezza e Società”.
Durante le tre giornate di lavoro è stato studiato quello che tutte le statistiche e le rilevazioni identificano come uno dei temi centrali per la vita dei cittadini; da tempo ormai in cima all’agenda politica, alle strategie del consenso e al centro dell’attenzione mediatica.
Dal lavoro degli esperti sono emerse non soltanto analisi e riflessioni approfondite, ma vere e proprie proposte.

Riflessioni e proposte

In particolare, il tavolo su “Beni Confiscati”, coordinato da Maria Vittoria De Simone, Sostituto Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, sul tema di grande attualità della vendita ai privati dei beni confiscati, prevista dal Decreto Sicurezza, ha espresso «condivisione sull’esigenza di procedere alla vendita come ipotesi residuale e con esclusione dei beni di particolare valore simbolico, per i quali, invece, è auspicabile un intervento dello Stato. L’ipotesi residuale è peraltro già prevista dalla normativa, quel che è mutato è l’estensione delle categorie di possibili acquirenti, non più solo Enti pubblici». È stato specificato poi che «nel 2018, su 3.000 beni lavorati pronti per la destinazione, solo per 2.000 vi è stata una manifestazione di interesse».
Il tavolo ha espresso, inoltre, delle proposte sul ruolo dell’amministratore giudiziario, auspicando la «costituzione di un nucleo specializzato di polizia a supporto dell’amministratore giudiziario» e di un «elenco o albo di esperti a supporto della sua attività».
Molto seguito dal pubblico, composto da studiosi, tecnici, addetti ai lavori e studenti, il tavolo su “Ambiente e Territorio”, coordinato da Giancarlo Caselli, magistrato e Presidente dell’Osservatorio sulle Agromafie Eurispes/Coldiretti. Il tavolo ha messo in evidenza «l’assoluta esigenza di una nuova normativa in materia di reati agroalimentari, poiché quella vigente è inadeguata, obsoleta e controproducente, rischiando addirittura di incentivare gli illeciti. Le falle della normativa, di fatto, favoriscono l’inserimento nella filiera anche delle mafie. Senza una riforma continueranno ad essere prevaricate la sicurezza alimentare dei consumatori insieme alle esigenze della produzione virtuosa».Proposte concrete sono arrivate anche dal tavolo “Sicurezza urbana e tutela penale”, coordinato da Antonello Perillo, Caporedattore Responsabile Tgr Rai Campania. In particolare, gli studiosi e gli investigatori hanno fatto emergere l’esigenza di «una maggiore sinergia e di un maggior dialogo tra tutte le Istituzioni che, a vario titolo, e in base alle proprie competenze, sono chiamate a tutelare i cittadini. Bisogna fare rete, fare sistema, sia in fase di prevenzione che di contrasto dei fenomeni delinquenziali». Sul versante del contrasto una risposta concreta potrebbe arrivare dall’istituzione di una “Centrale Unica per la Sicurezza” che veda al fianco di Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, da una parte il supporto degli operatori dei principali istituti di vigilanza, dall’altra la partecipazione di Protezione Civile, Vigili del Fuoco, operatori sanitari e comuni.

Per quanto riguarda il tavolo su “Immigrazione e Tratta degli esseri umani”, coordinato da Marco Ricceri, Segretario Generale dell’Eurispes, gli esperti, dopo aver identificato la natura del processo migratorio, come fenomeno non congiunturale ma strutturale e originato da molteplici fattori, hanno lanciato, attraverso le esperienze di ciascuno, alcuni interessanti contributi a partire dall’esigenza di incentivare una «corretta comunicazione del fenomeno da parte della stampa»; è stata segnalata la necessità di «rendere più agevole e veloce il sistema di regolazione» di chi arriva nei nostri paesi, «creare canali di ingresso legali per ridurre i flussi illegali», promuovere una «iniziativa internazionale contro la tratta di esseri umani per modificare lo statuto della Corte Penale Internazionale e introdurre il crimine della tratta di esseri umani».
Il tavolo su “Criminalità organizzata: infiltrazione nell’economia legale”, coordinata da Giovanni Russo, Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo Aggiunto, dopo aver osservato in modo unanime che «per esserci infiltrazione deve esserci permeabilità del terreno» e che «la mafia ha poggiato la pistola sul comodino usando il suo potere economico per occupare mercati e falsare l’economia», ha coniato il termine di “borghesia mafiosa” e “interclassismo delle mafie” per alludere al concetto che il mafioso non è più il soggetto emarginato ma un vero professionista. Partendo da questi presupposti, è emersa la necessità di «istituire una banca dati in cui vengano raccolte le informazioni non solo dei vincitori delle gare per gli appalti, ma anche dei partecipanti, con uno sguardo a tutti gli operatori che di volta in volta assemblano il cartello». È stata poi sottolineata la necessità di continuare a «colpire le associazioni criminali di stampo mafioso, attaccando i loro patrimoni».
Il tavolo “Dipendenze, Sicurezza e Società”, coordinato da Roberta Pacifici, Direttore del Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Istituto Superiore di Sanità, ha evidenziato che poco meno di 4 milioni di persone hanno consumato almeno una sostanza illegale nel corso dell’ultimo anno e a dominare, in termini di consumo, è stata la cannabis, seguita dalla cocaina. Secondo gli esperti, «ogni nuovo metodo di contrasto o di intervento, dovrà basarsi su una maggiore collaborazione multidisciplinare, anche a livello internazionale. Una maggiore cooperazione, quindi, tra tutte le Autorità giudiziarie, specialmente in riferimento a indagini relative ai proventi illeciti. Servono memorandum d’intesa operativa che leghino le Forze di polizia al fine di impiantare relazione agili e durature per semplificare le indagini e contrastare più efficacemente le organizzazioni criminali. Al tempo stesso, le Polizie dovranno aggiornarsi e specializzarsi in un’azione di infiltrazione nel livello finanziario del narcotraffico».

Il tavolo sul “Terrorismo”, coordinato da Andrea Margelletti, Presidenti del Ce.Si – Centro Studi Internazionali, ha sottolineato come il nostro Paese abbia «da sempre assunto un ruolo guida importante improntato alla ricerca di strumenti organizzativi e normativi finalizzati tanto alla prevenzione quanto al contrasto di tale fenomeno». Ma pure essendo evidente come tra i paesi occidentali, l’Italia sia stata quella meno colpita dal terrorismo di matrice islamica, ciò non deve indurre a ritenere il nostro territorio esente dal rischio di infiltrazioni terroristiche.
Innovativo e in grado di attraversare trasversalmente tutte le tematiche affrontate, il tavolo su “Cyber Security”, coordinato da Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cyber Security dell’Eurispes. Il tavolo, utilizzando la definizione di “ecosistema digitale”, ha affrontato il tema nelle varie declinazioni, spaziando dall’analisi dei fenomeni, degli scenari attuali e della realtà normativa e tecnica/tecnologica per giungere alle prospettive sul futuro: da tema apparentemente tecnico a questione centrale inerente la democrazia, l’economia, la società e i diritti fondamentali.

I commenti

Il Procuratore Nazionale Antimafia e Antiterrorismo, Cafiero De Raho, ha concluso i lavori spiegando: «Il tema della cyber security e della regolazione dei comportamenti in Rete è stato uno dei temi che ha maggiormente aggregato l’interesse dei relatori e dei partecipanti: il web è fonte di cultura e di informazione, ma anche terreno di illiceità e campo delle più estreme contraddizioni. Ritengo che chi comunica attraverso il web debba poter essere identificato. Altro argomento di estremo interesse è stato quello della sicurezza urbana, fronte decisivo attraverso il quale si alimentano l’insicurezza e la paura dei cittadini».

A proposito di sicurezza urbana, il Presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca ha commentato: «Si tratta di un tema essenziale per poter affrontare le altre grandi questioni: è, infatti, su questo campo che si costruisce la riserva di consenso dei cittadini, anche in relazione a politiche difficili da proporre e da attuare. È ormai necessaria una modifica radicale delle norme penali che garantiscono la sicurezza urbana: dall’abusivismo, all’accattonaggio, dall’occupazione abusiva di pezzi di territorio ai furti, allo sfruttamento della prostituzione. Di fronte a questi reati, lo Stato è disarmato. Occorre concentrare l’impegno della politica su questo fronte».

Il Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara ha commentato: «Il lavoro che abbiamo fatto è stato caratterizzato da un approccio multidisciplinare e dal rifiuto delle semplificazioni: siamo riusciti a mettere insieme culture, competenze, professionalità diverse e declinare i temi della sicurezza attraverso il contributo di sociologi, economisti, rappresentanti delle Forze dell’ordine, magistrati, antropologi, manager. Sul fronte operativo, in particolare per quanto riguarda il tema della penetrazione criminale nell’economia, le nostre proposte sono: gli assegnatari di appalti pubblici devono consegnare nei tempi prestabiliti le opere chiavi in mano; eliminare il subappalto, impedire le gare al massimo ribasso». Fara ha aggiunto: «In generale, credo sia indispensabile ricominciare a guardare al futuro, a progettare per creare sviluppo a medio e lungo termine; la nostra politica è malata di “breveterminismo”, alla ricerca costante del consenso immediato».

Grande soddisfazione ha espresso Tullio Del Sette, Presidente dell’Osservatorio sulla Sicurezza dell’Eurispes: «La conferenza è stata un successo, siamo riusciti ad ottenere l’obiettivo che ci eravamo prefissati, cioè quello di approfondire il tema della sicurezza attraverso una serie di tavoli di settore e abbiamo visto come, affrontando queste materie, gli stessi temi sono risultati interconnessi. Al centro di tutto c’è quello che è stato definito “ecosistema digitale”, e quanto importante e potente stia diventando, a fronte della fragilità del cittadino che deve sempre di più confrontarsi con un sistema che produce dipendenze non più soltanto da sostanza, ma dipendenze comportamentali».

L’Assessore alla Sicurezza della Regione Campania, Franco Roberti ha concluso; «Fermarsi a riflettere e approfondire i temi della sicurezza in modo globale ci permette di evitare deficit di conoscenza e di fare regali alle mafie. In passato lo abbiamo fatto, ad esempio, non accorgendoci che il traffico di rifiuti era diventato il nuovo business della criminalità oltre a quello della droga». L’ex Procuratore nazionale antimafia ha aggiunto: «Dai tavoli sono emerse proposte nuove perché abbiamo affrontato i problemi della sicurezza attraverso punti di vista diversi ma convergenti sulla stessa idea di trovare soluzioni concrete. Ma il risultato, a mio parere, molto più interessante è dato dal fatto che esperti e studiosi di diversa matrice politica e culturale si sono trovati in sintonia sia nell’analisi sia nelle possibili risposte da dare al problema della sicurezza, diventato centrale nella vita dei cittadini».

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento