Stalking, la vittima è giovane, donna e straniera

stalking

Lo stalking è un reato entrato a far parte del nostro ordinamento giuridico nel 2009, per contrastare atti persecutori ai danni di una vittima prescelta. Tale reato, oltre a condizionare in maniera significativa la vita delle vittime, può essere il preambolo di gravi e violenti delitti. Attraverso lanalisi contenuta nel Rapporto Italia 2021 l′Eurispes ha evidenziato non solo le evoluzioni del fenomeno nel tempo, ma ha voluto approfondire la questione giuridica sugli esiti dello stalking, ovvero quanti di questi reati vengano effettivamente denunciati alle autorità e quanti invece restino nell’ombra.

1 italiano su 10 è vittima di stalking 

Secondo il Rapporto Italia 2021, al 9,3% degli italiani è capitato di essere vittime di stalking, ovvero quasi 1 rispondente su 10. Il fenomeno è cresciuto dell’1,4% rispetto al 2020, quando si evinceva una significativa diminuzione rispetto al 2019, anno che ha registrato il valore massimo fin qui osservato, del 13,8%. L’età della vittima è molto giovane: il 13% ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, ma per ogni fascia d’età si registrano percentuali superiori al 10% ad eccezione degli over 65, che registrano il 5,1% di incidenza del fenomeno. In sintesi, emerge che lo stalking è un fenomeno che riguarda più del 10% degli italiani tra i 18 e i 64 anni.

La vittima è soprattutto donna e straniera, residente nelle Isole e nel Nord-Est

La percentuale di donne vittime di stalking è 3 volte quella degli uomini: il 14% rispetto al 4,5% degli uomini, in aumento rispetto al 2020, quando l’8,9% delle vittime era una donna e il 6,8% uomo. Altro confronto interessante emerge nell’esaminare i dati delle vittime di stalking per paese di nascita. Ebbene, il 9% delle vittime è di nazionalità italiana, mentre il 15,8% è nata in un altro paese. L’ipotesi è che nelle persone di altra nazionalità si individuino i soggetti più fragili da un punto di vista giuridico, e quindi più facili da colpire. Per area geografica, l’identikit della vittima di stalking si arricchisce di nuove caratteristiche. Scopriamo che soprattutto nelle Isole (18,2%) e nel Nord-Est (13,1%) sono più numerose le vittime di stalking; seguono il Nord-Ovest (8%), il Centro (7%), mentre il Sud esprime la percentuale più bassa (5,6%). 

Lo stalker è l’ex partner in 1 caso su 4

Alla volontà di identificare la vittima di stalking, segue il tentativo di tracciare un profilo di chi lo mette in atto. In 1 caso su 4 (25,6%) si tratta dell’ex partner della vittima, un dato che emerge in maniera evidente rispetto alle altre opzioni proposte nel sondaggio. Nel 13% dei casi si tratta di un/una conoscente, nel 10,1% di un amico/a, mentre nel 7,9% dei casi le pratiche persecutorie avvengono ad opera del/la partner. Nel 6,9% dei casi a perseguitare è un/una collega, mentre il 5,1% dei reati di stalking è ad opera di un parente. In linea di massima si distingue, nel profilo di chi perseguita, una persona che conosce bene la vittima.

Lo stalker conosce bene la vittima: per il 27,6% delle donne è l’ex partner

Gli uomini subiscono stalking soprattutto da parte di ex partner (20,3%) e colleghi/e (13,5%), con numeri in crescita rispetto al 2020. Per le donne, si registra una quota del 27,6% di ex partner come responsabili di stalking, mentre la persecuzione ad opera del partner aumenta del 2,1% rispetto al 2020 e raggiunge il massimo valore rispetto alle rilevazioni conosciute dal 2017 ad oggi (8,4%). Nel 15,3% dei casi lo stalker è un conoscente, mentre perseguita una amica o amico nell’11,8% dei casi, valore massimo dal 2017 e in aumento dell’1,8%. Gli stalker delle donne sono parenti nel 6,4% dei casi, in aumento dell’1,4%, mentre diminuisce la quota dei colleghi (4,4%).

Denuncia il reato solo il 13,7% delle vittime

Come reagiscono le vittime di fronte allo stalking? Solo il 13,7% delle vittime denuncia, lasciando un margine dell’86,3% di reati ai quali non segue una denuncia formale alle autorità: questo dato, da solo, racconta che per ogni caso registrato esiste un sommerso enorme, che sfugge alle rilevazioni ufficiali. Le donne (15%) denunciano più degli uomini (9,9%). Il 50% delle vittime sostiene di essersi difeso/a da solo/a o aver aspettato che lo stalker smettesse senza far nulla, il 17,4% ha chiesto ad amici e parenti di intervenire e diffidare lo stalker dal continuare, mentre quasi 2 vittime su 10 (19,9%) scelgono di evitare di uscire da sole o del tutto il più possibile, aumentando l’isolamento che il reato, di per sé, vuole generare.

La fascia d’età più colpita da stalking è quella che denuncia di meno

Per età, si osserva che la cultura del denunciare è più scarsa nella fascia d’età più colpita da tale fenomeno: i giovani tra i 18 e i 24 anni, che denunciano nel 9,8% dei casi, mentre gli over 65 (16,4%) e i 25-34enni (15,6%) lo fanno in percentuale più alta rispetto alle altre fasce considerate. I 18-24enni dichiarano di difendersi da soli nel 41,5% dei casi: una percentuale che segnala una pratica errata dei più giovani in relazione a un reato insidioso e di cui non sempre è possibile prevedere gli esiti. Nel 14,6% dei casi, invece, la giovane vittima evita di uscire da sola per porre fine agli atti persecutori.

Lo stalking: fenomeno in crescita, poco denunciato e con soluzioni “fai da te”

In conclusione, nel 2021 si registra un fenomeno in aumento, dato che annulla i progressi evidenziati nelle rilevazioni del 2020. In particolare, lo stalking emerge come fenomeno che colpisce vittime considerate giuridicamente o socialmente più deboli, come chi è di altra nazionalità o di giovane età, mentre la percentuale di donne vittime di stalking è il triplo rispetto a quella degli uomini. Le condotte persecutorie, ad oggi, sono attuate soprattutto da partner, ex partner, colleghi, amici. Un dato che influenza anche la conseguente reazione agli atti persecutori, poiché nella maggioranza dei casi si cercano soluzioni di conciliazione o autonome, nella speranza che siano efficaci. Ciò pone l’attenzione su un fenomeno in gran parte sommerso e sulla necessità di informare in maniera più incisiva sui pericolosi esiti delle soluzioni “fai da te”.

Leggi anche

 

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario