Stalking, la vittima è giovane, donna e straniera

stalking

Lo stalking è un reato entrato a far parte del nostro ordinamento giuridico nel 2009, per contrastare atti persecutori ai danni di una vittima prescelta. Tale reato, oltre a condizionare in maniera significativa la vita delle vittime, può essere il preambolo di gravi e violenti delitti. Attraverso lanalisi contenuta nel Rapporto Italia 2021 l′Eurispes ha evidenziato non solo le evoluzioni del fenomeno nel tempo, ma ha voluto approfondire la questione giuridica sugli esiti dello stalking, ovvero quanti di questi reati vengano effettivamente denunciati alle autorità e quanti invece restino nell’ombra.

1 italiano su 10 è vittima di stalking 

Secondo il Rapporto Italia 2021, al 9,3% degli italiani è capitato di essere vittime di stalking, ovvero quasi 1 rispondente su 10. Il fenomeno è cresciuto dell’1,4% rispetto al 2020, quando si evinceva una significativa diminuzione rispetto al 2019, anno che ha registrato il valore massimo fin qui osservato, del 13,8%. L’età della vittima è molto giovane: il 13% ha un’età compresa tra i 18 e i 24 anni, ma per ogni fascia d’età si registrano percentuali superiori al 10% ad eccezione degli over 65, che registrano il 5,1% di incidenza del fenomeno. In sintesi, emerge che lo stalking è un fenomeno che riguarda più del 10% degli italiani tra i 18 e i 64 anni.

La vittima è soprattutto donna e straniera, residente nelle Isole e nel Nord-Est

La percentuale di donne vittime di stalking è 3 volte quella degli uomini: il 14% rispetto al 4,5% degli uomini, in aumento rispetto al 2020, quando l’8,9% delle vittime era una donna e il 6,8% uomo. Altro confronto interessante emerge nell’esaminare i dati delle vittime di stalking per paese di nascita. Ebbene, il 9% delle vittime è di nazionalità italiana, mentre il 15,8% è nata in un altro paese. L’ipotesi è che nelle persone di altra nazionalità si individuino i soggetti più fragili da un punto di vista giuridico, e quindi più facili da colpire. Per area geografica, l’identikit della vittima di stalking si arricchisce di nuove caratteristiche. Scopriamo che soprattutto nelle Isole (18,2%) e nel Nord-Est (13,1%) sono più numerose le vittime di stalking; seguono il Nord-Ovest (8%), il Centro (7%), mentre il Sud esprime la percentuale più bassa (5,6%). 

Lo stalker è l’ex partner in 1 caso su 4

Alla volontà di identificare la vittima di stalking, segue il tentativo di tracciare un profilo di chi lo mette in atto. In 1 caso su 4 (25,6%) si tratta dell’ex partner della vittima, un dato che emerge in maniera evidente rispetto alle altre opzioni proposte nel sondaggio. Nel 13% dei casi si tratta di un/una conoscente, nel 10,1% di un amico/a, mentre nel 7,9% dei casi le pratiche persecutorie avvengono ad opera del/la partner. Nel 6,9% dei casi a perseguitare è un/una collega, mentre il 5,1% dei reati di stalking è ad opera di un parente. In linea di massima si distingue, nel profilo di chi perseguita, una persona che conosce bene la vittima.

Lo stalker conosce bene la vittima: per il 27,6% delle donne è l’ex partner

Gli uomini subiscono stalking soprattutto da parte di ex partner (20,3%) e colleghi/e (13,5%), con numeri in crescita rispetto al 2020. Per le donne, si registra una quota del 27,6% di ex partner come responsabili di stalking, mentre la persecuzione ad opera del partner aumenta del 2,1% rispetto al 2020 e raggiunge il massimo valore rispetto alle rilevazioni conosciute dal 2017 ad oggi (8,4%). Nel 15,3% dei casi lo stalker è un conoscente, mentre perseguita una amica o amico nell’11,8% dei casi, valore massimo dal 2017 e in aumento dell’1,8%. Gli stalker delle donne sono parenti nel 6,4% dei casi, in aumento dell’1,4%, mentre diminuisce la quota dei colleghi (4,4%).

Denuncia il reato solo il 13,7% delle vittime

Come reagiscono le vittime di fronte allo stalking? Solo il 13,7% delle vittime denuncia, lasciando un margine dell’86,3% di reati ai quali non segue una denuncia formale alle autorità: questo dato, da solo, racconta che per ogni caso registrato esiste un sommerso enorme, che sfugge alle rilevazioni ufficiali. Le donne (15%) denunciano più degli uomini (9,9%). Il 50% delle vittime sostiene di essersi difeso/a da solo/a o aver aspettato che lo stalker smettesse senza far nulla, il 17,4% ha chiesto ad amici e parenti di intervenire e diffidare lo stalker dal continuare, mentre quasi 2 vittime su 10 (19,9%) scelgono di evitare di uscire da sole o del tutto il più possibile, aumentando l’isolamento che il reato, di per sé, vuole generare.

La fascia d’età più colpita da stalking è quella che denuncia di meno

Per età, si osserva che la cultura del denunciare è più scarsa nella fascia d’età più colpita da tale fenomeno: i giovani tra i 18 e i 24 anni, che denunciano nel 9,8% dei casi, mentre gli over 65 (16,4%) e i 25-34enni (15,6%) lo fanno in percentuale più alta rispetto alle altre fasce considerate. I 18-24enni dichiarano di difendersi da soli nel 41,5% dei casi: una percentuale che segnala una pratica errata dei più giovani in relazione a un reato insidioso e di cui non sempre è possibile prevedere gli esiti. Nel 14,6% dei casi, invece, la giovane vittima evita di uscire da sola per porre fine agli atti persecutori.

Lo stalking: fenomeno in crescita, poco denunciato e con soluzioni “fai da te”

In conclusione, nel 2021 si registra un fenomeno in aumento, dato che annulla i progressi evidenziati nelle rilevazioni del 2020. In particolare, lo stalking emerge come fenomeno che colpisce vittime considerate giuridicamente o socialmente più deboli, come chi è di altra nazionalità o di giovane età, mentre la percentuale di donne vittime di stalking è il triplo rispetto a quella degli uomini. Le condotte persecutorie, ad oggi, sono attuate soprattutto da partner, ex partner, colleghi, amici. Un dato che influenza anche la conseguente reazione agli atti persecutori, poiché nella maggioranza dei casi si cercano soluzioni di conciliazione o autonome, nella speranza che siano efficaci. Ciò pone l’attenzione su un fenomeno in gran parte sommerso e sulla necessità di informare in maniera più incisiva sui pericolosi esiti delle soluzioni “fai da te”.

Leggi anche

 

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang