Italia in bianco: l’informazione dei Tg oltre il Covid

Tg Covid

I Tg dal 14 al 18 giugnoIl Covid rimane questa settimana il principale tema d’apertura, con l’approvazione giovedì del Green Pass, gli interventi delle agenzie del farmaco sull’affidabilità del vaccino AstraZeneca, la somministrazione eterologa e i chiarimenti (venerdì) del Premier Draghi. Con il crollo dei contagi e la conta dei morti stabilmente sotto quota 100, tornano a catturare l’attenzione delle testate i temi più tradizionali della politica e i maggiori fatti di cronaca.

Mottarone, polemiche sui video della tragedia

Quanto la cronaca sia di nuovo al centro dell’agenda del prime time lo dimostrano, mercoledì, le 3 aperture dei Tg Mediaset, dedicate alle immagini che documentano gli attimi della tragedia della funivia del Mottarone (nei titoli per tutti gli altri). Questa scelta è stata accompagna nei servizi da diversi interventi dei conduttori che, rispondendo alle polemiche di giornata sulla sua liceità, hanno forse ecceduto in escusatio non petita, accusatio manifesta, dato che già all’ora di pranzo il Tg3 aveva trasmesso le stesse immagini.

Oltre il Covid, nei Tg di prima serata politica e cronaca riprendono spazio

Grande interesse per il caso di Saman, con la testimonianza del fratello che, venerdì, conferma l’assassinio della giovane ad opera dello zio. Forte la presa di posizione del Tg5 che propone un accorato editoriale di Luigi Battista. Attenzione anche agli sviluppi nelle indagini sulla morte di Luana D’Orazio, dalle quali emergerebbe che le barriere di sicurezza del macchinario che l’ha schiacciata erano state rimosse per incrementarne la produttività: 5 i titoli giovedì. Titoli martedì per Tg1, Tg2 e Tg La7 per l’archiviazione, dopo 9 anni, della vicenda dei due marò italiani per lungo tempo trattenuti in India.

Il progetto federativo di Berlusconi per il Centro-destra

Per la politica, si consolida il clima da campagna elettorale, con gli occhi puntati sul progetto federativo avanzato da Berlusconi per il Centro-destra. Scatenato il Tg4 che allunga di 20 minuti il proprio minutaggio, arrivando ad essere la sola testata con puntate di circa 1 ora. Sempre Tg4 si dimostra impegnatissimo a segnalare le quotidiane divisioni interne al Pd e ai 5 Stelle (apertura di venerdì). Interessante l’approfondimento sul rapporto tra Movimento 5 Stelle e Cina, che nelle scorse giornate ha registrato alcune forti prese di posizione da parte di Beppe Grillo (4 titoli), seguito, sempre su Tg4, da un approfondimento sugli affari in Italia dei grandi gruppi economici di Pechino.

Occhi puntati sull’incontro Biden-Putin

Ricca questa settimana la pagina degli esteri, assorbita dai numerosi incontri internazionali. Grande attenzione al vertice Nato di Bruxelles, con molte testate che rilanciano, sin dai titoli, il rinsaldarsi dell’alleanza tra Stati Uniti ed Europa. Occhi puntati mercoledì anche sull’atteso incontro tra Putin e Biden, al quale sono dedicate le aperture di Tg1, Tg2 e Tg La7 (titoli per tutti). Apprezzamento bipartisan per gli interventi in sede europea del Premier Draghi, che venerdì riceve i complimenti anche dal leader Sanchez nel bilaterale con la Spagna. Attenzione al tema dell’immigrazione: nei titoli per Tg La7 e Tg3, con quest’ultimo che martedì intervista un giornalista di Avvenire in merito alla drammatica vicenda di un gruppo di migranti raccolti in acque internazionali da un mercantile e riconsegnati ad una motovedetta libica che li ha riportati nei campi di detenzioni – dai quali, probabilmente, erano appena partiti.

Patrick Zaki e le elezioni in Iran

Le elezioni in Iran, che si preannunciano con una bassissima affluenza anche per l’esclusione delle liste dei candidati più moderati, trovano spazio nei titoli solo per i Tg Rai, con Tg3 che giovedì intervista l’ex Presidente Ahmadinejad. Sempre Tg3 dedica mercoledì un titolo unico al trentesimo compleanno di Patrick Zaki, che vede il giovane ricercatore costretto, per la seconda volta, a passarlo in carcere senza che il processo abbia preso il via (titolo anche per Tg La7).

Non solo Covid: l’Italia agli Europei fa sognare i Tg

I successi dell’Italia agli Europei di Calcio incontrano la soddisfazione di tutti, con titoli tanto sui Tg Rai che su quelli Mediaset. Attenzione diffusa (12 titoli) anche per le condizioni del calciatore danese Christian Eriksen, in ripresa dopo il problema cardiaco che l’aveva fatto accasciare in campo durante la partita della scorsa domenica.

Leggi anche

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali