Italia in bianco: l’informazione dei Tg oltre il Covid

Tg Covid

I Tg dal 14 al 18 giugnoIl Covid rimane questa settimana il principale tema d’apertura, con l’approvazione giovedì del Green Pass, gli interventi delle agenzie del farmaco sull’affidabilità del vaccino AstraZeneca, la somministrazione eterologa e i chiarimenti (venerdì) del Premier Draghi. Con il crollo dei contagi e la conta dei morti stabilmente sotto quota 100, tornano a catturare l’attenzione delle testate i temi più tradizionali della politica e i maggiori fatti di cronaca.

Mottarone, polemiche sui video della tragedia

Quanto la cronaca sia di nuovo al centro dell’agenda del prime time lo dimostrano, mercoledì, le 3 aperture dei Tg Mediaset, dedicate alle immagini che documentano gli attimi della tragedia della funivia del Mottarone (nei titoli per tutti gli altri). Questa scelta è stata accompagna nei servizi da diversi interventi dei conduttori che, rispondendo alle polemiche di giornata sulla sua liceità, hanno forse ecceduto in escusatio non petita, accusatio manifesta, dato che già all’ora di pranzo il Tg3 aveva trasmesso le stesse immagini.

Oltre il Covid, nei Tg di prima serata politica e cronaca riprendono spazio

Grande interesse per il caso di Saman, con la testimonianza del fratello che, venerdì, conferma l’assassinio della giovane ad opera dello zio. Forte la presa di posizione del Tg5 che propone un accorato editoriale di Luigi Battista. Attenzione anche agli sviluppi nelle indagini sulla morte di Luana D’Orazio, dalle quali emergerebbe che le barriere di sicurezza del macchinario che l’ha schiacciata erano state rimosse per incrementarne la produttività: 5 i titoli giovedì. Titoli martedì per Tg1, Tg2 e Tg La7 per l’archiviazione, dopo 9 anni, della vicenda dei due marò italiani per lungo tempo trattenuti in India.

Il progetto federativo di Berlusconi per il Centro-destra

Per la politica, si consolida il clima da campagna elettorale, con gli occhi puntati sul progetto federativo avanzato da Berlusconi per il Centro-destra. Scatenato il Tg4 che allunga di 20 minuti il proprio minutaggio, arrivando ad essere la sola testata con puntate di circa 1 ora. Sempre Tg4 si dimostra impegnatissimo a segnalare le quotidiane divisioni interne al Pd e ai 5 Stelle (apertura di venerdì). Interessante l’approfondimento sul rapporto tra Movimento 5 Stelle e Cina, che nelle scorse giornate ha registrato alcune forti prese di posizione da parte di Beppe Grillo (4 titoli), seguito, sempre su Tg4, da un approfondimento sugli affari in Italia dei grandi gruppi economici di Pechino.

Occhi puntati sull’incontro Biden-Putin

Ricca questa settimana la pagina degli esteri, assorbita dai numerosi incontri internazionali. Grande attenzione al vertice Nato di Bruxelles, con molte testate che rilanciano, sin dai titoli, il rinsaldarsi dell’alleanza tra Stati Uniti ed Europa. Occhi puntati mercoledì anche sull’atteso incontro tra Putin e Biden, al quale sono dedicate le aperture di Tg1, Tg2 e Tg La7 (titoli per tutti). Apprezzamento bipartisan per gli interventi in sede europea del Premier Draghi, che venerdì riceve i complimenti anche dal leader Sanchez nel bilaterale con la Spagna. Attenzione al tema dell’immigrazione: nei titoli per Tg La7 e Tg3, con quest’ultimo che martedì intervista un giornalista di Avvenire in merito alla drammatica vicenda di un gruppo di migranti raccolti in acque internazionali da un mercantile e riconsegnati ad una motovedetta libica che li ha riportati nei campi di detenzioni – dai quali, probabilmente, erano appena partiti.

Patrick Zaki e le elezioni in Iran

Le elezioni in Iran, che si preannunciano con una bassissima affluenza anche per l’esclusione delle liste dei candidati più moderati, trovano spazio nei titoli solo per i Tg Rai, con Tg3 che giovedì intervista l’ex Presidente Ahmadinejad. Sempre Tg3 dedica mercoledì un titolo unico al trentesimo compleanno di Patrick Zaki, che vede il giovane ricercatore costretto, per la seconda volta, a passarlo in carcere senza che il processo abbia preso il via (titolo anche per Tg La7).

Non solo Covid: l’Italia agli Europei fa sognare i Tg

I successi dell’Italia agli Europei di Calcio incontrano la soddisfazione di tutti, con titoli tanto sui Tg Rai che su quelli Mediaset. Attenzione diffusa (12 titoli) anche per le condizioni del calciatore danese Christian Eriksen, in ripresa dopo il problema cardiaco che l’aveva fatto accasciare in campo durante la partita della scorsa domenica.

Leggi anche

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day