Ottimismo e ripartenze scalano il prime time nei Tg

tg

I Tg dal 31 maggio al 4 giugno – Le cifre della pandemia, che per mesi hanno scandito le serate dell’informazione, in settimana quasi scompaiono dalle scalette, sostituite dai numeri delle Regioni bianche, da quelli sull’età delle fasce vaccinabili e dai limiti numerici dei commensali ammessi dentro e fuori i ristoranti. Studio Aperto, venerdì, sottolinea in apertura i trend in discesa, con il numero delle vittime da giorni stabilmente sotto quota 100. Al clima di generale soddisfazione contribuiscono anche le celebrazioni per il 2 giugno, che raccolgono 10 aperture tra martedì e mercoledì, e i rilievi favorevoli del Fondo Monetario Internazionale sull’andamento del Pil, che in passato non era stato “mai tenero con l’Italia” (Tg La7). Ampio spazio per il nuovo decreto assunzioni, cui vanno numerose aperture venerdì.

L’informazione si concentra sulla ripartenza, Mediaset cavalca il tema giustizia

Molto attivi in settimana i Tg Mediaset sul tema della giustizia – al centro dell’attenzione il rilancio dei referendum dei Radicali sostenuti dalla Lega – con buone coperture ed approfondimenti. A galvanizzare le testate è, però, il “grande ritorno di Berlusconi” (mercoledì), con Tg4 che dedica alla lettera del leader di Forza Italia a Il Foglio l’apertura dell’edizione del 2 giugno. Titoli anche per il Tg 5, mentre i Tg Rai e La7 documentano le difficoltà emerse nel Centro-destra sia nel trovare una sintesi per le amministrative, sia relativamente al progetto di federazione annunciato venerdì. Numerosi i titoli e i servizi del Tg4 dedicati in settimana alle difficoltà manifestate dall’Amministrazione Raggi. Nessun riferimento nelle scalette dei Tg Mediaset alle condanne degli amministratori leghisti relative alla vicenda di Lombardia Film Commission.

L’indignazione per Brusca: Tg La 7 di Mentana contro “l’ipocrisia della politica”

La dura sentenza sull’ex-Ilva ottiene lunedì le aperture per i Tg Rai e titoli per tutti, ma non si registrano nei servizi particolari approfondimenti. Assai maggiore attenzione riceve, invece, la scarcerazione dello stragista mafioso Giovanni Brusca, che martedì reclama le aperture di Tg4, Tg3 e Tg La7. Grande spazio sulle testate Mediaset alle esternazioni amareggiate ed indignate dei parenti delle vittime, tra le quali spiccano quelle della vedova Montinari, moglie del caposcorta del giudice Falcone. A commento delle reazioni suscitate dalla vicenda, Mentana segnala come, benché Brusca resti una “figura immonda”, sia stato anche «grazie a quelli come lui che Cosa Nostra fu sconfitta». Il Direttore critica, inoltre, le reazioni indignate dei politici, parlando di una “sorpresa finta” e di un “atto di ipocrisia collettiva”.

Resta alto l’interesse per la strage di Stresa nel prime time

Resta alto l’interesse per la strage di Stresa, che lunedì è oggetto di titoli anche per le critiche rivolte alla Procura di Verbania per il rilascio di 2 dei 3 indagati. Tg4 propone nei titoli di mercoledì una riflessione sul “turismo macabro” sorto attorno a questa tragedia, senza però riconoscere quanto proprio le coperture delle testate di News Mediaset (che in settimana vi dedica 3 aperture) abbiano contribuito e continuino a foraggiare questa tendenza. Si conferma, come la scorsa settimana, l’attenzione di Tg2 e Tg3 alla vicenda di Saman, la ragazza pachistana scomparsa nel reggiano che si ritiene sia stata uccisa da membri della famiglia per il rifiuto di un matrimonio combinato.

Nei Tg riflessioni sugli effetti della Dad e racket dei rifiuti

Da segnalare alcuni approfondimenti del Tg5 e di Tg La7 di giovedì. La testata di Mimun si concentra sugli effetti fisici e psicologici prodotti dalla Dad sugli studenti italiani. Tg La7 si sofferma sulla decisione del Parlamento danese di istituire centri di accoglienza per richiedenti asilo fuori dai confini europei: un’iniziativa che rischia di minare seriamente l’intero sistema d’asilo dell’Unione. Interessante anche il reportage del Tg4 sul racket dei rifiuti gestito in un campo rom della Capitale, messo in relazione con le disfunzioni nella raccolta da parte dell’Ama, l’azienda dipendendente dal Comune.

Leggi anche

Ultime notizie
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute