Riaperture e coprifuoco, l’Italia torna a respirare nei Tg

settimana Tg

I Tg dal 17 al 21 maggio – Molti i temi in una settimana attraversata dal progressivo allentamento delle misure di sicurezza che assorbe buona parte delle aperture tra lunedì e mercoledì. Proiettate nella direzione della ripartenza, giovedì quasi tutte le testate dedicato la prima pagina al varo del decreto “Sostegni bis” rimarcando, fin dai titoli, le rassicurazioni del Premier Draghi: «Nessuno resterà indietro». Anche venerdì il Presidente del Consiglio resta protagonista con i suoi interventi dal Global Health Summit di Roma e con l’Italia favorevole alla più ampia vaccinazione nei paesi più poveri, anche attraverso la sospensione dei brevetti.

Il “toto-nomine” dai Tg sale al Quirinale

Protagonista in settimana il Presidente Mattarella, con 16 citazioni nei titoli. La dichiarazione di non voler accettare un eventuale secondo mandato fa scattare da mercoledì il dibattito sul prossimo inquilino del Quirinale: apertura per Tg4 e Tg5, con Mentana che a fine servizio analizza nel dettaglio le reazioni dei partiti. Da segnalare anche un editoriale del Tg5 di venerdì di Pier Luigi Battista, che critica i partiti per il poco rispetto mostrato al Colle, parlando del «toto-nomine di una azienda pubblica» a 8 mesi dalla fine dell’incarico di Mattarella.

In un quadro reso più sereno dalla continua riduzione di ricoverati e positivi, la “cronaca politica” torna ai vertici delle scalette. È il caso della richiesta della Corte Europea di motivare la sentenza che nel 2013 condannò Berlusconi per frode fiscale: apertura lunedì per il Tg4 (che vi torna più volte in settimana), con un intervento anche dell’ex-PM Palamara (titoli anche per Tg3 e Tg5). Soltanto Tg La7 si occupa della decisione del Consiglio di Garanzia del Senato, che ha ripristinato l’assegno all’ex-Senatore Formigoni, nonostante la condanna per corruzione con sentenza passata in giudicato.

A Gaza il bilancio di 11 giorni di guerra

Il conflitto israeliano-palestinese continua ad essere molto seguito, con 19 i titoli ed una apertura da parte del Tg La7 di martedì. Con il raggiungimento del cessate il fuoco, Tg La7 indaga venerdì l’opinione della popolazione sul conflitto, e presenta anche uno specifico Dataroom di Milena Gabanelli dedicato agli ultimi eventi mediorientali che hanno portato a questa recente escalation di violenza, con un bilancio di oltre 240 vittime.

Ceuta riaccende nei Tg il fenomeno migratorio

L’eccezionale ondata di arrivi – oltre 8mila migranti – nell’enclave spagnola di Ceuta riporta l’attenzione sul fenomeno migratorio in chiave europea, con 7 titoli tra martedì e mercoledì. Anche questa volta, l’informazione si lascia ingabbiare dalla narrazione dell’“emergenza”, e nel documentare le immagini dal confine con il Marocco solo pochi servizi approfondiscono le ragioni che hanno portato a tanti arrivi simultanei (buono l’approfondimento del Tg2), lasciando posto agli interventi di chi paventa una nuova invasione dalle coste africane. Ben poca visibilità ha invece ricevuto il vertice di giovedì in Tunisia nel corso del quale il Ministro Lamorgese, affiancata dalla diplomazia europea, ha stipulato nuovi accordi per facilitare i rimpatri. Interessante l’intervista di News Mediaset alla Commissaria europea agli Affari Interni Johansson, proposta giovedì da Studio Aperto e Tg5. Attenzione, mercoledì, da parte dei Tg Rai e La7 all’archiviazioni del caso Sea Watch, che ha riconosciuto al Capitano Carola Rackete di aver agito “in stato di necessità”.

Ddl Zan, Tg4: “No all’ideologia gender nelle scuole”

La giornata contro l’omofobia di lunedì ha riportato per un giorno in primo piano il dibattito sul Ddl Zan, con titoli per i Tg Rai e Tg5, anche grazie agli l’intervento del Presidente della Repubblica. Sono però mancati nei servizi approfondimenti che aiutassero il pubblico del prime time ad entrare nel vivo delle motivazioni delle divisioni. Unica “eccezione” il Tg4, che martedì 18 arriva a dedicare più di 2/3 della sua edizione ad un durissimo attacco contro gli uffici amministrativi della Regione Lazio per la diffusione di una nota relativa ad un corso di formazione per gli insegnanti sul tema della diversità di genere. Una presa di posizione dichiarata che ha visto anche il conduttore ribadire in studio la «contrarietà del Tg4 all’ideologia gender nelle scuole», supportato anche dalla presenza del Presidente del Family Day Gandolfini.

Commosso addio a Battiato

La scomparsa del grande cantautore, Franco Battiato, reclama martedì l’omaggio del prime time, con aperture per il Tg3 e il Tg5 e titoli per gli altri, seguiti nelle giornate successive da richiami ed interviste. Poetici alcuni accostamenti proposti nei servizi, come quello dell’eruzione dell’Etna, che avrebbe salutato così il suo grande figlio.

Leggi anche

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili