Riaperture e coprifuoco, l’Italia torna a respirare nei Tg

settimana Tg

I Tg dal 17 al 21 maggio – Molti i temi in una settimana attraversata dal progressivo allentamento delle misure di sicurezza che assorbe buona parte delle aperture tra lunedì e mercoledì. Proiettate nella direzione della ripartenza, giovedì quasi tutte le testate dedicato la prima pagina al varo del decreto “Sostegni bis” rimarcando, fin dai titoli, le rassicurazioni del Premier Draghi: «Nessuno resterà indietro». Anche venerdì il Presidente del Consiglio resta protagonista con i suoi interventi dal Global Health Summit di Roma e con l’Italia favorevole alla più ampia vaccinazione nei paesi più poveri, anche attraverso la sospensione dei brevetti.

Il “toto-nomine” dai Tg sale al Quirinale

Protagonista in settimana il Presidente Mattarella, con 16 citazioni nei titoli. La dichiarazione di non voler accettare un eventuale secondo mandato fa scattare da mercoledì il dibattito sul prossimo inquilino del Quirinale: apertura per Tg4 e Tg5, con Mentana che a fine servizio analizza nel dettaglio le reazioni dei partiti. Da segnalare anche un editoriale del Tg5 di venerdì di Pier Luigi Battista, che critica i partiti per il poco rispetto mostrato al Colle, parlando del «toto-nomine di una azienda pubblica» a 8 mesi dalla fine dell’incarico di Mattarella.

In un quadro reso più sereno dalla continua riduzione di ricoverati e positivi, la “cronaca politica” torna ai vertici delle scalette. È il caso della richiesta della Corte Europea di motivare la sentenza che nel 2013 condannò Berlusconi per frode fiscale: apertura lunedì per il Tg4 (che vi torna più volte in settimana), con un intervento anche dell’ex-PM Palamara (titoli anche per Tg3 e Tg5). Soltanto Tg La7 si occupa della decisione del Consiglio di Garanzia del Senato, che ha ripristinato l’assegno all’ex-Senatore Formigoni, nonostante la condanna per corruzione con sentenza passata in giudicato.

A Gaza il bilancio di 11 giorni di guerra

Il conflitto israeliano-palestinese continua ad essere molto seguito, con 19 i titoli ed una apertura da parte del Tg La7 di martedì. Con il raggiungimento del cessate il fuoco, Tg La7 indaga venerdì l’opinione della popolazione sul conflitto, e presenta anche uno specifico Dataroom di Milena Gabanelli dedicato agli ultimi eventi mediorientali che hanno portato a questa recente escalation di violenza, con un bilancio di oltre 240 vittime.

Ceuta riaccende nei Tg il fenomeno migratorio

L’eccezionale ondata di arrivi – oltre 8mila migranti – nell’enclave spagnola di Ceuta riporta l’attenzione sul fenomeno migratorio in chiave europea, con 7 titoli tra martedì e mercoledì. Anche questa volta, l’informazione si lascia ingabbiare dalla narrazione dell’“emergenza”, e nel documentare le immagini dal confine con il Marocco solo pochi servizi approfondiscono le ragioni che hanno portato a tanti arrivi simultanei (buono l’approfondimento del Tg2), lasciando posto agli interventi di chi paventa una nuova invasione dalle coste africane. Ben poca visibilità ha invece ricevuto il vertice di giovedì in Tunisia nel corso del quale il Ministro Lamorgese, affiancata dalla diplomazia europea, ha stipulato nuovi accordi per facilitare i rimpatri. Interessante l’intervista di News Mediaset alla Commissaria europea agli Affari Interni Johansson, proposta giovedì da Studio Aperto e Tg5. Attenzione, mercoledì, da parte dei Tg Rai e La7 all’archiviazioni del caso Sea Watch, che ha riconosciuto al Capitano Carola Rackete di aver agito “in stato di necessità”.

Ddl Zan, Tg4: “No all’ideologia gender nelle scuole”

La giornata contro l’omofobia di lunedì ha riportato per un giorno in primo piano il dibattito sul Ddl Zan, con titoli per i Tg Rai e Tg5, anche grazie agli l’intervento del Presidente della Repubblica. Sono però mancati nei servizi approfondimenti che aiutassero il pubblico del prime time ad entrare nel vivo delle motivazioni delle divisioni. Unica “eccezione” il Tg4, che martedì 18 arriva a dedicare più di 2/3 della sua edizione ad un durissimo attacco contro gli uffici amministrativi della Regione Lazio per la diffusione di una nota relativa ad un corso di formazione per gli insegnanti sul tema della diversità di genere. Una presa di posizione dichiarata che ha visto anche il conduttore ribadire in studio la «contrarietà del Tg4 all’ideologia gender nelle scuole», supportato anche dalla presenza del Presidente del Family Day Gandolfini.

Commosso addio a Battiato

La scomparsa del grande cantautore, Franco Battiato, reclama martedì l’omaggio del prime time, con aperture per il Tg3 e il Tg5 e titoli per gli altri, seguiti nelle giornate successive da richiami ed interviste. Poetici alcuni accostamenti proposti nei servizi, come quello dell’eruzione dell’Etna, che avrebbe salutato così il suo grande figlio.

Leggi anche

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu