L’informazione nei Tg si concentra sulla strage della funivia

tg

I Tg dal 24 al 28 maggioLa strage della funivia del Mottarone, costata 14 vittime, s’impone nelle edizioni del prime time raccogliendo, tra lunedì e venerdì, ben 20 aperture. Come non accadeva da mesi, questa tragica vicenda ha monopolizzato l’informazione mainstream, con titolo unico lunedì per Tg4 e Tg5 ed apertura per le altre testate che arrivano anche a dedicarvi metà edizione. En plein di aperture anche mercoledì, quando gli sviluppi dell’inchiesta hanno fatto emergere l’ipotesi di gravissime responsabilità del personale dell’impianto. Sconcerto per tutti, con Tg5 che venerdì raccoglie un duro editoriale di Pier Luigi Battista.

L’informazione Tg si concentra sulla strage della funivia

Questo evento scuote profondamente il Paese e registra un maggiore impatto anche a causa del continuo miglioramento dello scenario pandemico, cui vanno in settimana appena 3 aperture. Nei servizi riemergono, inoltre, elementi della “Tv del dolore”. Nel manifestare la partecipazione alla tragedia, spesso le testate hanno presentato le vittime con un eccessivo livello di familiarità, attingendo ai loro account social per offrire al proprio pubblico volti e momenti personali. Senz’altro eccessivo è stato l’interesse nei confronti dell’unico sopravvissuto, un bambino di 5 anni di nome Eitan (21 riferimenti nei titoli), con alcuni servizi che arrivano a “recitare” le sue richieste e patimenti dopo il traumatico risveglio.

Migranti: protagonisti i naufraghi bambini. Tg3: sbagliato assuefarsi a queste tragedie

I Tg Rai scelgono, martedì, di aprire sul tema migranti, con Draghi che sferza l’Europa per aver lasciato troppo a lungo il Paese da solo. Forte la presa di posizione del Tg3, che propone nel primo titolo una dura dichiarazione della scrittrice Maria Grazia Calandrone che, di fronte ad ulteriori immagini strazianti – quelle dei corpi dei bambini migranti restituiti dal mare sulle spiagge libiche –, invita a “non assuefarci” e a lavorare affinché queste tragedie possano avere fine. Limitato l’interesse per le reti Mediaset, con il Tg5 che dedica invece un titolo unico all’arresto del boss Rocco Morabito, illustrando come negli anni la ’Ndrangheta sia cresciuta e diventata egemone a livello mondiale.

L’informazione Tg rilancia le dichiarazioni di Di Maio sull’ex sindaco di Lodi

Limitati gli spazi della politica, che si risolvono nel confronto sui decreti per la ripartenza e nella dialettica tra sindacati e Confindustria. Grande interesse per Tg4 e Tg La7 (da prospettive diverse) alla “svolta garantista” del Movimento 5 Stelle, annunciata dall’ex leader Luigi Di Maio, che ha pubblicamente chiesto scusa all’ex Sindaco di Lodi, Simone Uggetti – ospite venerdì di News Mediaset, assolto in appello da accuse di turbativa d’asta –, riconoscendo di aver contribuito, nel 2016 (assieme alla Lega, come evidenziato da Mentana), ad una vera e propria gogna mediatica contro l’esponente Pd.

Tg La7 attacca il Lukashenko dittatore

Per gli esteri, il dirottamento di un volo Ryanair da Atene a Vilnius sui cieli della Bielorussia raccoglie, lunedì, l’interesse dei Tg Rai, ma è soltanto Tg La7 a tornarvi durante tutte le edizioni di settimana seguendo gli sviluppi di questo gravissimo atto – finalizzato a sequestrare il giornalista oppositore Roman Protasevič – in un clima sempre più da “Guerra Fredda”. Attenzione nei servizi per tutti alle sanzioni della Commissione Europea contro Minsk che venerdì si rifugia a Soci, alla corte di Putin. Da segnalare, sempre venerdì, l’approfondito reportage di News Mediaset dalla Striscia di Gaza – titolo per Studio Aperto – dove, tra le macerie di palazzi distrutti, si avvicendano i racconti dei testimoni, con la consapevolezza che in questi anni stanno “crescendo generazioni di bambini che si odieranno”.

Il rinvio a giudizio, nell’ambito del Caso Regeni, degli gli agenti egiziani accusati dell’omicidio del giovane, riceve, martedì, titoli per Tg La7 e Tg2, e servizi per i Tg Rai.

Il commosso addio a Carla Fracci

La scomparsa di Carla Fracci, ètoile della Scala e simbolo mondiale della danza italiana, genera grande commozione e, giovedì, si impone nelle aperture di Tg1, Tg2, Tg5 e Studio Aperto, con doppio titolo per le testate Rai che riprendono le parole del Presidente Mattarella: «Con la sua eleganza e con il suo impegno artistico ha onorato il Paese».

Leggi anche

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento