L’informazione nei Tg si concentra sulla strage della funivia

tg

I Tg dal 24 al 28 maggioLa strage della funivia del Mottarone, costata 14 vittime, s’impone nelle edizioni del prime time raccogliendo, tra lunedì e venerdì, ben 20 aperture. Come non accadeva da mesi, questa tragica vicenda ha monopolizzato l’informazione mainstream, con titolo unico lunedì per Tg4 e Tg5 ed apertura per le altre testate che arrivano anche a dedicarvi metà edizione. En plein di aperture anche mercoledì, quando gli sviluppi dell’inchiesta hanno fatto emergere l’ipotesi di gravissime responsabilità del personale dell’impianto. Sconcerto per tutti, con Tg5 che venerdì raccoglie un duro editoriale di Pier Luigi Battista.

L’informazione Tg si concentra sulla strage della funivia

Questo evento scuote profondamente il Paese e registra un maggiore impatto anche a causa del continuo miglioramento dello scenario pandemico, cui vanno in settimana appena 3 aperture. Nei servizi riemergono, inoltre, elementi della “Tv del dolore”. Nel manifestare la partecipazione alla tragedia, spesso le testate hanno presentato le vittime con un eccessivo livello di familiarità, attingendo ai loro account social per offrire al proprio pubblico volti e momenti personali. Senz’altro eccessivo è stato l’interesse nei confronti dell’unico sopravvissuto, un bambino di 5 anni di nome Eitan (21 riferimenti nei titoli), con alcuni servizi che arrivano a “recitare” le sue richieste e patimenti dopo il traumatico risveglio.

Migranti: protagonisti i naufraghi bambini. Tg3: sbagliato assuefarsi a queste tragedie

I Tg Rai scelgono, martedì, di aprire sul tema migranti, con Draghi che sferza l’Europa per aver lasciato troppo a lungo il Paese da solo. Forte la presa di posizione del Tg3, che propone nel primo titolo una dura dichiarazione della scrittrice Maria Grazia Calandrone che, di fronte ad ulteriori immagini strazianti – quelle dei corpi dei bambini migranti restituiti dal mare sulle spiagge libiche –, invita a “non assuefarci” e a lavorare affinché queste tragedie possano avere fine. Limitato l’interesse per le reti Mediaset, con il Tg5 che dedica invece un titolo unico all’arresto del boss Rocco Morabito, illustrando come negli anni la ’Ndrangheta sia cresciuta e diventata egemone a livello mondiale.

L’informazione Tg rilancia le dichiarazioni di Di Maio sull’ex sindaco di Lodi

Limitati gli spazi della politica, che si risolvono nel confronto sui decreti per la ripartenza e nella dialettica tra sindacati e Confindustria. Grande interesse per Tg4 e Tg La7 (da prospettive diverse) alla “svolta garantista” del Movimento 5 Stelle, annunciata dall’ex leader Luigi Di Maio, che ha pubblicamente chiesto scusa all’ex Sindaco di Lodi, Simone Uggetti – ospite venerdì di News Mediaset, assolto in appello da accuse di turbativa d’asta –, riconoscendo di aver contribuito, nel 2016 (assieme alla Lega, come evidenziato da Mentana), ad una vera e propria gogna mediatica contro l’esponente Pd.

Tg La7 attacca il Lukashenko dittatore

Per gli esteri, il dirottamento di un volo Ryanair da Atene a Vilnius sui cieli della Bielorussia raccoglie, lunedì, l’interesse dei Tg Rai, ma è soltanto Tg La7 a tornarvi durante tutte le edizioni di settimana seguendo gli sviluppi di questo gravissimo atto – finalizzato a sequestrare il giornalista oppositore Roman Protasevič – in un clima sempre più da “Guerra Fredda”. Attenzione nei servizi per tutti alle sanzioni della Commissione Europea contro Minsk che venerdì si rifugia a Soci, alla corte di Putin. Da segnalare, sempre venerdì, l’approfondito reportage di News Mediaset dalla Striscia di Gaza – titolo per Studio Aperto – dove, tra le macerie di palazzi distrutti, si avvicendano i racconti dei testimoni, con la consapevolezza che in questi anni stanno “crescendo generazioni di bambini che si odieranno”.

Il rinvio a giudizio, nell’ambito del Caso Regeni, degli gli agenti egiziani accusati dell’omicidio del giovane, riceve, martedì, titoli per Tg La7 e Tg2, e servizi per i Tg Rai.

Il commosso addio a Carla Fracci

La scomparsa di Carla Fracci, ètoile della Scala e simbolo mondiale della danza italiana, genera grande commozione e, giovedì, si impone nelle aperture di Tg1, Tg2, Tg5 e Studio Aperto, con doppio titolo per le testate Rai che riprendono le parole del Presidente Mattarella: «Con la sua eleganza e con il suo impegno artistico ha onorato il Paese».

Leggi anche

Ultime notizie
blockchain e mercati dei crypto-asset
Tecnologia

Tecnologia blockchain e mercati dei crypto-asset: le opportunità

Blockchain e mercati dei crypto-asset: quali le opportunità di questa tecnologia e il rapporto con il diritto dell'Unione Europea.
di Irene Tagliamonte*
blockchain e mercati dei crypto-asset
smart working
Lavoro

L’incidenza dello smart working in pandemia e oltre

La crisi del Covid-19 ha creato un’improvvisa necessità per le aziende e i loro dipendenti di iniziare o aumentare lo smart working....
di redazione
smart working
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario