L’informazione nei Tg si concentra sulla strage della funivia

tg

I Tg dal 24 al 28 maggioLa strage della funivia del Mottarone, costata 14 vittime, s’impone nelle edizioni del prime time raccogliendo, tra lunedì e venerdì, ben 20 aperture. Come non accadeva da mesi, questa tragica vicenda ha monopolizzato l’informazione mainstream, con titolo unico lunedì per Tg4 e Tg5 ed apertura per le altre testate che arrivano anche a dedicarvi metà edizione. En plein di aperture anche mercoledì, quando gli sviluppi dell’inchiesta hanno fatto emergere l’ipotesi di gravissime responsabilità del personale dell’impianto. Sconcerto per tutti, con Tg5 che venerdì raccoglie un duro editoriale di Pier Luigi Battista.

L’informazione Tg si concentra sulla strage della funivia

Questo evento scuote profondamente il Paese e registra un maggiore impatto anche a causa del continuo miglioramento dello scenario pandemico, cui vanno in settimana appena 3 aperture. Nei servizi riemergono, inoltre, elementi della “Tv del dolore”. Nel manifestare la partecipazione alla tragedia, spesso le testate hanno presentato le vittime con un eccessivo livello di familiarità, attingendo ai loro account social per offrire al proprio pubblico volti e momenti personali. Senz’altro eccessivo è stato l’interesse nei confronti dell’unico sopravvissuto, un bambino di 5 anni di nome Eitan (21 riferimenti nei titoli), con alcuni servizi che arrivano a “recitare” le sue richieste e patimenti dopo il traumatico risveglio.

Migranti: protagonisti i naufraghi bambini. Tg3: sbagliato assuefarsi a queste tragedie

I Tg Rai scelgono, martedì, di aprire sul tema migranti, con Draghi che sferza l’Europa per aver lasciato troppo a lungo il Paese da solo. Forte la presa di posizione del Tg3, che propone nel primo titolo una dura dichiarazione della scrittrice Maria Grazia Calandrone che, di fronte ad ulteriori immagini strazianti – quelle dei corpi dei bambini migranti restituiti dal mare sulle spiagge libiche –, invita a “non assuefarci” e a lavorare affinché queste tragedie possano avere fine. Limitato l’interesse per le reti Mediaset, con il Tg5 che dedica invece un titolo unico all’arresto del boss Rocco Morabito, illustrando come negli anni la ’Ndrangheta sia cresciuta e diventata egemone a livello mondiale.

L’informazione Tg rilancia le dichiarazioni di Di Maio sull’ex sindaco di Lodi

Limitati gli spazi della politica, che si risolvono nel confronto sui decreti per la ripartenza e nella dialettica tra sindacati e Confindustria. Grande interesse per Tg4 e Tg La7 (da prospettive diverse) alla “svolta garantista” del Movimento 5 Stelle, annunciata dall’ex leader Luigi Di Maio, che ha pubblicamente chiesto scusa all’ex Sindaco di Lodi, Simone Uggetti – ospite venerdì di News Mediaset, assolto in appello da accuse di turbativa d’asta –, riconoscendo di aver contribuito, nel 2016 (assieme alla Lega, come evidenziato da Mentana), ad una vera e propria gogna mediatica contro l’esponente Pd.

Tg La7 attacca il Lukashenko dittatore

Per gli esteri, il dirottamento di un volo Ryanair da Atene a Vilnius sui cieli della Bielorussia raccoglie, lunedì, l’interesse dei Tg Rai, ma è soltanto Tg La7 a tornarvi durante tutte le edizioni di settimana seguendo gli sviluppi di questo gravissimo atto – finalizzato a sequestrare il giornalista oppositore Roman Protasevič – in un clima sempre più da “Guerra Fredda”. Attenzione nei servizi per tutti alle sanzioni della Commissione Europea contro Minsk che venerdì si rifugia a Soci, alla corte di Putin. Da segnalare, sempre venerdì, l’approfondito reportage di News Mediaset dalla Striscia di Gaza – titolo per Studio Aperto – dove, tra le macerie di palazzi distrutti, si avvicendano i racconti dei testimoni, con la consapevolezza che in questi anni stanno “crescendo generazioni di bambini che si odieranno”.

Il rinvio a giudizio, nell’ambito del Caso Regeni, degli gli agenti egiziani accusati dell’omicidio del giovane, riceve, martedì, titoli per Tg La7 e Tg2, e servizi per i Tg Rai.

Il commosso addio a Carla Fracci

La scomparsa di Carla Fracci, ètoile della Scala e simbolo mondiale della danza italiana, genera grande commozione e, giovedì, si impone nelle aperture di Tg1, Tg2, Tg5 e Studio Aperto, con doppio titolo per le testate Rai che riprendono le parole del Presidente Mattarella: «Con la sua eleganza e con il suo impegno artistico ha onorato il Paese».

Leggi anche

Ultime notizie
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture