Terzo settore: una realtà giovane e in grande crescita

 

Il privato che aiuta il pubblico, ecco il Terzo settore

La definizione di “Terzo settore” è ormai largamente usata per definire un mondo di impegno sociale, civile, solidale che si muove tra Stato e Mercato: cittadini ed enti privati, come quelli che agiscono nel mercato, ma che perseguono fini di carattere solidale e pubblico che sinora erano stati appannaggio esclusivo dello Stato.

Il Terzo Settore è certamente un universo in forte espansione in Italia. A partire dagli anni Ottanta, infatti, la necessità di contenere il debito pubblico e il bisogno di migliorare la quantità, l’efficienza e soprattutto la qualità dei servizi hanno segnato in Italia il passaggio da un sistema sociale esclusivamente o prevalentemente pubblico, ad un sistema misto dove, accanto allo Stato, sono venute ad operare con successo organizzazioni e imprese private solo in parte inquadrabili nell’ambito di un sistema di mercato. La sua competitività rispetto al settore pubblico, è dovuta principalmente all’utilizzo del lavoro volontario ed a forme di flessibilità nella gestione della manodopera, nonché a strutture burocratiche più agili e snelle che permettono, certamente, un maggiore e più proficuo contatto con il loro territorio d’azione.

Il ridimensionamento delle spese statali, indotto dalla crisi del welfare, e il contemporaneo aumento della domanda di servizi (dovuto alla crescita del reddito e alla differenziazione dei bisogni) hanno permesso alle organizzazioni no profit di potenziare il proprio ruolo nella produzione di servizi di interesse collettivo, a un costo più basso rispetto a quello dell’intervento pubblico e garantendo una supplenza “di fatto” (in quanto non sempre sancita legislativamente) di funzioni non più o non ancora svolte dallo Stato.

Alcuni numeri del Terzo Settore

Gli studi che da diversi decenni si realizzano in Europa e in Italia consentono di definire alcuni tratti interessanti rispetto all’intero fenomeno.

Il Terzo Settore, caratterizzato da cooperative sociali, associazioni, fondazioni e organizzazioni di volontariato che operano prevalentemente nel sociale – settore nel quale offrono un valido sostegno ed una riconosciuta assistenza in campo sanitario, educativo, ricreativo e ambientale – è andato espandendosi notevolmente.

Basti pensare che a metà degli anni Novanta in Italia gli occupati nel settore erano circa 580.000, mentre oggi sono 1,14 milioni i lavoratori retribuiti che operano nel Terzo Settore e 5,5 milioni di volontari. Inoltre, il terziario riesce da solo a far fronte alle necessità di oltre 1/3 della popolazione italiana.

L’economia sociale nel nostro Paese vale circa 80 miliardi di euro in termini di valore economico, e, con questi numeri, rappresenta circa il 5% del Pil nazionale (Srm, 2020). Secondo le rilevazioni dell’Istat, al 2020, le organizzazioni non profit presenti in Italia sarebbero quasi 364mila.

Le organizzazioni e reti sociali territoriali del Terzo Settore contribuiscono ad una crescita sociale positiva ed equilibrata, integrando le iniziative delle strutture pubbliche secondo il principio della sussidiarietà. Il settore dello sport rappresenta il 33,1%; seguono le attività culturali e artistiche (16,9%), quelle ricreative e di socializzazione (13,6%), l’assistenza sociale e la protezione civile (9,5%).

Inoltre, la forma giuridica delle organizzazioni dell’economia sociale (OES) – cooperative, associazioni, fondazioni e altre istituzioni non-profit – è principalmente quella delle associazioni (75,7%) e delle cooperative (15,6%). Osservando la distribuzione territoriale delle OES, emergono alcune differenze all’interno del Paese: circa la metà delle organizzazioni, nel 2015, ha sede nelle regioni del Nord-Ovest e del Nord-Est (rispettivamente il 26,9% e il 22,5%), mentre in quelle di Centro, Sud e Isole operano, rispettivamente, il 22,7%, il 18,1% e il 9,8% delle organizzazioni dell’economia sociale.

La riforma del Terzo Settore

Il Terzo Settore, così come lo conosciamo, è una realtà giovane e in rapida crescita, che in questi anni ha dato luogo a diverse leggi di regolazione. La legge di riforma del 2017e il Registro unico sono il risultato della collaborazione e interlocuzione tra Istituzioni e mondo delle associazioni rappresentate dal Forum Nazionale del Terzo Settore, evidenziando l’importanza e il valore del partenariato pubblico-privato. Con la recente legge di Riforma, realizzata con i decreti 117/2017 e 112/2017, è stato definito il Codice del Terzo Settore che, grazie all’art.4 (D.Lgs 117 /17), ha introdotto il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (Runts) presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, gestito e aggiornato a livello regionale. Due i nuovi organismi previsti presso il Ministero: 1) il Consiglio Nazionale del Terzo Settore, composto da trenta membri come organo consultivo per l’armonizzazione legislativa dell’intera materia; 2) la Cabina di regia, con funzione di coordinamento delle politiche di governo.

Il rapporto tra Pubblica amministrazione ed enti del Terzo Settore

La riforma riconosce anche il rapporto tra Pubblica amministrazione ed enti del Terzo Settore, con il coinvolgimento attivo di questi ultimi nella programmazione e nella gestione di servizi. I beni mobili e immobili, inoltre, potranno essere ceduti senza oneri alle associazioni per manifestazioni o in comodato d’uso gratuito come sedi o a canone agevolato per le attività di riqualificazione.

Volontariato e imprese sociali

La Riforma riconosce e potenzia il ruolo strategico dei Centri di servizio per il volontariato (CSV) e delle imprese sociali quali motori strategici di una nuova economia, responsabile e solidale. Il Servizio civile diventa universale con un apposito decreto che ne prevede la riorganizzazione in termini di governance, rappresentanza, finanziamento e organizzazione.

La fiducia nel volontariato: i dati Eurispes

Da diverso tempo, l’Eurispes realizza annualmente un’indagine per conoscere l’orientamento dei cittadini su diverse questioni e in particolare il grado di fiducia che essi esprimono verso alcune delle realtà istituzionali italiane: quelle di garanzia e quelle politiche, ma anche quelle preposte alla sicurezza e alla difesa, senza tralasciare il mondo dell’associazionismo, anche quello corporativo, del volontariato, del sistema scolastico e delle parti sociali.

Nella rilevazione del 2022, in particolare, le Associazione di volontariato hanno raccolto il 70% dei consensi tra i cittadini. Si tratta di un dato stabile nel tempo, se osservato in serie storica: infatti, il tasso di fiducia fa registrare risultati elevati con un valore che non scende mai, dal 2009 al 2022, sotto una percentuale del 64%, con picchi oltre l’80% (2010).

Segno, questo, dell’importanza che nel tempo ha acquisito una larga parte del Terzo Settore nel sopperire alle mancanze di un welfare state che sembra ridurre sempre più i propri contorni.

Leggi anche

Ultime notizie
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Storia

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day