Tra Caligola e Nerone: cancellare la cultura e il futuro della civiltà occidentale

cultura occidentale

Quando marcisce la capacità intellettuale e la prospettiva etica nell’élite di un impero o di una civiltà, un collettivo che si presume cosciente, razionale e logico, il corpo inizia presto a deperire e alla fine muore. La storia è piena di questi avvertimenti, come ad esempio il declino e la caduta spesso citata dell’Impero romano. Anche attualmente, nella scena mondiale, registriamo un fenomeno simile che si manifesta con gli effetti sempre più dannosi e distruttivi del “wokeism”, il virus mentale di quel movimento che avviato con le migliori intenzioni di progresso finisce per produrre effetti negativi e oppressivi, con un annullamento della cultura e dei suoi valori fondanti. È il meccanismo scelto per una “Rivoluzione Culturale” occidentale dai visionari distopici del “Liberalismo” radicalizzato e ideologico che stanno giustamente suscitando molta attenzione e una diffusa preoccupazione. In pratica, centristi e moderati sono diventati i nuovi radicali in questo esercizio di eliminazione delle persone legate a una coscienza pubblica e orientate a svolgere un ruolo attivo e positivo nella società, dopo averle etichettate come un “nemico del popolo”. Questo esercizio di assassinio di idee e personaggi è spesso fatto in nome della tolleranza e della comprensione, in una svolta orwelliana davvero agghiacciante. Ma qual è lo scopo di questa attività e ideologia autodistruttiva, e perché adesso?

Un declino della cultura occidentale a causa delle politiche distopiche e autodistruttive che tende a imporre

Il processo in corso avviato e sostenuto dall’establishment politico liberale sta provocando un evidente declino della civiltà e della cultura occidentale a causa degli effetti distorsivi delle politiche distopiche e autodistruttive che tende ad imporre. Si tratta di politiche che manifestano un attacco a quegli elementi fondamentali che hanno creato e permesso l’affermarsi nel tempo della supremazia occidentale globale (politica, militare, economica, sociale); un attacco che colpisce in modo  diretto, con i suoi processi di revisione, i beni immateriali fondamentali come la storia, i valori, le norme e le regole comportamentali di riferimento. Questo processo registra una accelerazione proprio nell’attuale fase di crisi della democrazia liberale e sta portando alla formazione di un ambiente di identità politica, sociale e culturale binaria sempre più radicalizzato ideologicamente. La lettura e l’interpretazione di questo processo segnato dall’annullamento della cultura mettono in evidenza che esso non è un segnale di rafforzamento della democrazia, ma piuttosto il contrario; è una indicazione di debolezza e disperazione dell’establishment politico liberale per la sua incapacità di imporre  la sua visione distopica del mondo, la sua utopia negativa o pseudo utopia.

Leggi anche

Una riprova della gravità di questo processo viene dal grande uso di concetti e pratiche come l’“Ortodossia della conoscenza”, dalla diffusione di presunte “verità” e “realtà” che sono supportate dal dominio informativo e cognitivo. Ciò si legge nelle frasi e slogan usati attualmente per catturare l’immaginazione e le menti del pubblico, frasi come un “nuovo mondo coraggioso”, “nuova normalità”, “ricostruisci meglio” o “grande rilancio”. Sono tutti strumenti con cui si cerca di plasmare una visione totalitaria distopica, per i suoi effetti negativi, attraverso la formazione di un “cittadino” cognitivamente omogeneo che sia un oggetto piuttosto che un soggetto. Storicamente ciò è già successo, ad esempio, con il tentativo sovietico di creare l’Homo Sovieticus, il cittadino sovietico “perfetto”.

Il comico britannico Rowan Atkinson ha paragonato la emarginazione delle persone ricche di una propria autonomia di giudizio e cultura ai linciaggi medievali. In realtà direi che è qualcosa anche peggiore. La folla dei linciaggi medievali era presa dalla foga del momento, guidata dalla superstizione, agiva su impulsi cognitivi in ​​una mentalità da gregge. Mentre nella nostra epoca, coloro che guidano il movimento dell’annullamento delle diversità culturali e dei relativi valori sono guidati da piani freddi, calcolati e metodici, organizzati per provare ad imporre la loro utopia negativa sulla Terra. È un’ideologia cancerosa che dovrebbe essere contrastata, come provano a fare alcuni personaggi pubblici di rilievo anche sul piano etico: è il caso, ad esempio, dell’attore e sceneggiatore John Cleese che ha assunto delle aperte posizioni nella difesa dei diritti umani, rafforzamento della democrazia, lotta ai plutocrati (per inciso, Cleese, americano, è lo sceneggiatore del film Un pesce di nome Wanda).

Cade la separazione tra la sfera pubblica e privata degli individui

In sostanza: vi è una precisa somiglianza ideologica, teorica e pratica, tra l’attuale movimento di annullamento culturale e il bolscevismo. Siamo infatti di fronte a un’ideologia totalitaria che cerca di creare un ambiente umano non libero, nel quale non esiste una sfera privata per sviluppare i propri pensieri e le proprie idee liberi dai timori. Sempre più sta cadendo la separazione tra la sfera pubblica e quella privata degli individui, che contraddistingue le società più tolleranti e libere. Un “nemico del popolo” una volta dichiarato ed eliminato viene sistematicamente cancellato in tutti gli aspetti della sua vita. Nulla è esente dall’attenzione e dall’interferenza della polizia del pensiero, i cosiddetti “talebani intellettuali” che si occupano di creare una società puramente impura, controllata nei pensieri e nelle azioni. Per dare vita a questa visione di come la società “dovrebbe” essere organizzata, si punta a creare un pubblico di massa omogeneo, il cui pensiero è ideologicamente orientato, il consenso è progettato e il rispetto è imposto. È la contrapposizione a tutto ciò che è critico, libero e indipendente in una società realmente democratica, pluralista e tollerante.

Il risveglio negativo (“Wokeism”) orientato alla cultura dell’annullamento tratta le idee e pensieri non approvati dall’élite politica liberale tradizionale come un virus;  qualcosa di pericoloso, sovversivo e contagioso che deve essere isolato e distrutto. Altrimenti, queste idee e pensieri potrebbero essere i semi che “corrompono” e ostacolano il progetto politico e sociale di omogeneizzazione degli orientamenti delle persone e la costruzione di una struttura sociale molto simile a quella descritta nel “1984” di Orwell.  Il fatto è che questo progetto non è compatibile con l’essenza della civiltà occidentale, che rischia di appassire e, al limite, di scomparire. Ma tale eventualità non è percepibile dalle alte torri di avorio di spensierato privilegio nelle quali abita la classe liberali d’élite.

Il processo di annullamento culturale si sta affermando in un momento di evidente declino della civiltà occidentale

Il titolo di questo articolo può sembrare provocatorio per alcuni, ma c’è una  ragione valida per usare i concetti e le espressioni come “neo-bolscevismo” e “talebani intellettuali” quando si fa riferimento all’ideologia e alla pratica  dell’annullamento della cultura; e la ragione è che questa orrenda distopia ideologica rischia di minare e dividere le comunità e le nazioni in cui ancora si crede nel valore della libertà e della tolleranza. A ciò va aggiunto che il processo di annullamento culturale si sta affermando in un momento di evidente declino della civiltà occidentale e a tale riguardo è opportuno ricordare questo fatto: la storia ci insegna ancora una volta che l’inizio della fine per imperi e civiltà tende ad avere origine dall’interno e non dall’esterno. Gli zelanti ideologi che guidano il processo di annullamento culturale sono isolati nelle loro realtà impervie delle “bolle filtro” (filter bubbles), al riparo dagli effetti tangibili e intangibili causati dalla loro azione. Forse il loro momento di successo arriverà soltanto con la caduta finale del sipario sulla civiltà occidentale.

Read the article in English

*Esperto in studi di comunicazione strategica, Ricercatore Senior all’Università di Uppsala (Svezia). Membro Esperto della rete internazionale Eurispes EU-RU-CM.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento