Tra Caligola e Nerone: cancellare la cultura e il futuro della civiltà occidentale

cultura occidentale

Quando marcisce la capacità intellettuale e la prospettiva etica nell’élite di un impero o di una civiltà, un collettivo che si presume cosciente, razionale e logico, il corpo inizia presto a deperire e alla fine muore. La storia è piena di questi avvertimenti, come ad esempio il declino e la caduta spesso citata dell’Impero romano. Anche attualmente, nella scena mondiale, registriamo un fenomeno simile che si manifesta con gli effetti sempre più dannosi e distruttivi del “wokeism”, il virus mentale di quel movimento che avviato con le migliori intenzioni di progresso finisce per produrre effetti negativi e oppressivi, con un annullamento della cultura e dei suoi valori fondanti. È il meccanismo scelto per una “Rivoluzione Culturale” occidentale dai visionari distopici del “Liberalismo” radicalizzato e ideologico che stanno giustamente suscitando molta attenzione e una diffusa preoccupazione. In pratica, centristi e moderati sono diventati i nuovi radicali in questo esercizio di eliminazione delle persone legate a una coscienza pubblica e orientate a svolgere un ruolo attivo e positivo nella società, dopo averle etichettate come un “nemico del popolo”. Questo esercizio di assassinio di idee e personaggi è spesso fatto in nome della tolleranza e della comprensione, in una svolta orwelliana davvero agghiacciante. Ma qual è lo scopo di questa attività e ideologia autodistruttiva, e perché adesso?

Un declino della cultura occidentale a causa delle politiche distopiche e autodistruttive che tende a imporre

Il processo in corso avviato e sostenuto dall’establishment politico liberale sta provocando un evidente declino della civiltà e della cultura occidentale a causa degli effetti distorsivi delle politiche distopiche e autodistruttive che tende ad imporre. Si tratta di politiche che manifestano un attacco a quegli elementi fondamentali che hanno creato e permesso l’affermarsi nel tempo della supremazia occidentale globale (politica, militare, economica, sociale); un attacco che colpisce in modo  diretto, con i suoi processi di revisione, i beni immateriali fondamentali come la storia, i valori, le norme e le regole comportamentali di riferimento. Questo processo registra una accelerazione proprio nell’attuale fase di crisi della democrazia liberale e sta portando alla formazione di un ambiente di identità politica, sociale e culturale binaria sempre più radicalizzato ideologicamente. La lettura e l’interpretazione di questo processo segnato dall’annullamento della cultura mettono in evidenza che esso non è un segnale di rafforzamento della democrazia, ma piuttosto il contrario; è una indicazione di debolezza e disperazione dell’establishment politico liberale per la sua incapacità di imporre  la sua visione distopica del mondo, la sua utopia negativa o pseudo utopia.

Leggi anche

Una riprova della gravità di questo processo viene dal grande uso di concetti e pratiche come l’“Ortodossia della conoscenza”, dalla diffusione di presunte “verità” e “realtà” che sono supportate dal dominio informativo e cognitivo. Ciò si legge nelle frasi e slogan usati attualmente per catturare l’immaginazione e le menti del pubblico, frasi come un “nuovo mondo coraggioso”, “nuova normalità”, “ricostruisci meglio” o “grande rilancio”. Sono tutti strumenti con cui si cerca di plasmare una visione totalitaria distopica, per i suoi effetti negativi, attraverso la formazione di un “cittadino” cognitivamente omogeneo che sia un oggetto piuttosto che un soggetto. Storicamente ciò è già successo, ad esempio, con il tentativo sovietico di creare l’Homo Sovieticus, il cittadino sovietico “perfetto”.

Il comico britannico Rowan Atkinson ha paragonato la emarginazione delle persone ricche di una propria autonomia di giudizio e cultura ai linciaggi medievali. In realtà direi che è qualcosa anche peggiore. La folla dei linciaggi medievali era presa dalla foga del momento, guidata dalla superstizione, agiva su impulsi cognitivi in ​​una mentalità da gregge. Mentre nella nostra epoca, coloro che guidano il movimento dell’annullamento delle diversità culturali e dei relativi valori sono guidati da piani freddi, calcolati e metodici, organizzati per provare ad imporre la loro utopia negativa sulla Terra. È un’ideologia cancerosa che dovrebbe essere contrastata, come provano a fare alcuni personaggi pubblici di rilievo anche sul piano etico: è il caso, ad esempio, dell’attore e sceneggiatore John Cleese che ha assunto delle aperte posizioni nella difesa dei diritti umani, rafforzamento della democrazia, lotta ai plutocrati (per inciso, Cleese, americano, è lo sceneggiatore del film Un pesce di nome Wanda).

Cade la separazione tra la sfera pubblica e privata degli individui

In sostanza: vi è una precisa somiglianza ideologica, teorica e pratica, tra l’attuale movimento di annullamento culturale e il bolscevismo. Siamo infatti di fronte a un’ideologia totalitaria che cerca di creare un ambiente umano non libero, nel quale non esiste una sfera privata per sviluppare i propri pensieri e le proprie idee liberi dai timori. Sempre più sta cadendo la separazione tra la sfera pubblica e quella privata degli individui, che contraddistingue le società più tolleranti e libere. Un “nemico del popolo” una volta dichiarato ed eliminato viene sistematicamente cancellato in tutti gli aspetti della sua vita. Nulla è esente dall’attenzione e dall’interferenza della polizia del pensiero, i cosiddetti “talebani intellettuali” che si occupano di creare una società puramente impura, controllata nei pensieri e nelle azioni. Per dare vita a questa visione di come la società “dovrebbe” essere organizzata, si punta a creare un pubblico di massa omogeneo, il cui pensiero è ideologicamente orientato, il consenso è progettato e il rispetto è imposto. È la contrapposizione a tutto ciò che è critico, libero e indipendente in una società realmente democratica, pluralista e tollerante.

Il risveglio negativo (“Wokeism”) orientato alla cultura dell’annullamento tratta le idee e pensieri non approvati dall’élite politica liberale tradizionale come un virus;  qualcosa di pericoloso, sovversivo e contagioso che deve essere isolato e distrutto. Altrimenti, queste idee e pensieri potrebbero essere i semi che “corrompono” e ostacolano il progetto politico e sociale di omogeneizzazione degli orientamenti delle persone e la costruzione di una struttura sociale molto simile a quella descritta nel “1984” di Orwell.  Il fatto è che questo progetto non è compatibile con l’essenza della civiltà occidentale, che rischia di appassire e, al limite, di scomparire. Ma tale eventualità non è percepibile dalle alte torri di avorio di spensierato privilegio nelle quali abita la classe liberali d’élite.

Il processo di annullamento culturale si sta affermando in un momento di evidente declino della civiltà occidentale

Il titolo di questo articolo può sembrare provocatorio per alcuni, ma c’è una  ragione valida per usare i concetti e le espressioni come “neo-bolscevismo” e “talebani intellettuali” quando si fa riferimento all’ideologia e alla pratica  dell’annullamento della cultura; e la ragione è che questa orrenda distopia ideologica rischia di minare e dividere le comunità e le nazioni in cui ancora si crede nel valore della libertà e della tolleranza. A ciò va aggiunto che il processo di annullamento culturale si sta affermando in un momento di evidente declino della civiltà occidentale e a tale riguardo è opportuno ricordare questo fatto: la storia ci insegna ancora una volta che l’inizio della fine per imperi e civiltà tende ad avere origine dall’interno e non dall’esterno. Gli zelanti ideologi che guidano il processo di annullamento culturale sono isolati nelle loro realtà impervie delle “bolle filtro” (filter bubbles), al riparo dagli effetti tangibili e intangibili causati dalla loro azione. Forse il loro momento di successo arriverà soltanto con la caduta finale del sipario sulla civiltà occidentale.

Read the article in English

*Esperto in studi di comunicazione strategica, Ricercatore Senior all’Università di Uppsala (Svezia). Membro Esperto della rete internazionale Eurispes EU-RU-CM.

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione