Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

262

Le attuali dimensioni della scuola italiana, e dunque anche l’occupazione degli insegnanti, sono state assicurate, negli ultimi quattro lustri almeno, dagli alunni stranieri. I figli di italiani continuano a ridursi: secondo gli ultimi dati disponibili, in un anno, di 96mila unità; mentre gli alunni con genitori di altra nazionalità sono cresciuti, ma stavolta soltanto di circa 11mila. L’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto. È quanto il Centro di ricerche Idos rivela in un suo studio. Prendendo in esame i dati dell’anno scolastico 2016-2017, e tirando le somme, si arriva a questa sentenza: gli alunni delle scuole italiane sono calati complessivamente di 85mila unità.

Quasi un alunno su dieci è straniero (in numero assoluto, sono 826mila) con un record del 15,8 per cento nelle scuole dell’Emilia Romagna. Un Paese per vecchi, il nostro, dato che ormai fra i connazionali uno ogni 4 ha più di 65 anni. Tra gli stranieri, invece, solo uno ogni 25 ha più di 65 anni, ma, se andiamo a sfogliare i dati dell’Istat, scopriamo che le donne non italiane, emigrate da noi, avevano nel 2002 un tasso di fecondità di 2,83 figli pro capite, che è sceso drasticamente nel 2016 all’1,97, e cioè appena sotto la soglia che permette alla popolazione di mantenersi intatta. Molti studi, del resto, confermano che gli immigrati tendono ad assumere nel tempo le stesse abitudini demografiche degli autoctoni. E poi c’è sicuramente il fattore crisi economica. E le italiane? Facevano pochi figli nel 2002 e altrettanto pochi nel 2016: il tasso di fecondità è rimasto quasi invariato, passando dal’1,26 all’1,21, ben al di sotto, dunque, della fatidica soglia dei 2 figli per donna in età fertile.
Ma il dato più importante che l’Idos mette in luce è la quota sempre più ampia degli alunni stranieri nati in Italia. Nel 2007 erano un terzo, adesso sono i tre quinti (503mila nel 2016) di tutti gli studenti di nazionalità non italiana presenti nelle nostre scuole. A ragione, il presidente dell’Idos, Luca Di Sciullo, lancia questo allarme: «Si tratta di identità non riconosciute dalla legge e spesso anche scisse fra due mondi culturali di riferimento, ora in conflitto con le famiglie immigrate d’origine, quando ne rifiutano il modello identitario per abbracciare quello italiano, ora in conflitto, invece, con la società italiana, quando accade il contrario». La riforma della cittadinanza per i minori è miseramente fallita, e quell’essere italiani di fatto, ma non di diritto, è un tormento che agita le loro giovani vite. Qualcuno se ne renderà conto?

Ultime notizie
Economia

Latte, Fara: “Strangolare legalmente un pastore in Sardegna è come costringere a pagare il pizzo alla mafia a Palermo”

È braccio di ferro tra i pastori sardi e i produttori di pecorino per definire il prezzo del latte ovino. Mentre il...
di Gian Maria Fara
Attualità

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: record Rai. La “Mamma” e i suoi “figli degeneri”

Sanremo, Montalbano e Mia Martini: nel giro di pochi giorni la Rai ha incassato tre clamorosi successi di ascolti. Ma qual è il rapporto tra il servizio pubblico e gli italiani? I dati del sondaggio Eurispes pubblicati nel Rapporto Italia 2019.
di Raffaella Saso
Ambiente

Agromafie, un business da 24,5 miliardi di euro, in crescita del 12% rispetto al 2017

Il volume d’affari complessivo annuale delle agromafie è salito a 24,5 miliardi di euro con un balzo del 12,4% nell’ultimo anno. Presentato il 6° Rapporto Agromafie sui crimini agroalimentari in Italia realizzato da Eurispes e Coldiretti.
di redazione
Economia

La verità sulle banche. Da Etruria a Lehman al “caso Banca d’Italia”. I parte

Come funziona il sistema bancario, cos'è una crisi bancaria e cosa si intende per "fallimento" delle banche. Dalla Banca Etruria alla Lehman Brothers alle ultime polemiche sulla Banca d'Italia. Alberto Mattiacci intervista Giampaolo Gabbi. Prima parte
di Alberto Mattiacci
Economia

Nuovo mercato del lavoro: ecco quali sono i mestieri del futuro

Nell'era della rivoluzione digitale, i paradigmi dell’attuale mercato del lavoro cambieranno radicalmente nel giro di pochi anni e guai a non farci i conti quanto prima. Ecco quali sono i mestieri del futuro.
di Diego Sambucini
Informazione

Caligiuri: “Nell’età dell’incompetenza i Social danno spazio a legioni di imbecilli”

“La cifra di questo secolo è la disinformazione”. È netto il giudizio di Mario Caligiuri, autore del saggio "La società della disinformazione: per una pedagogia della comunicazione". L'intervista
di Alfonso Lo Sardo
Eccellenza

“Best Indipendent Think Tanks”, Eurispes tra i migliori nel mondo

Anche nell’edizione del 2018, l’Eurispes è stato inserito nella classifica dei 145 Istituti più importanti al mondo nell’elenco dei centri di eccellenza definiti come “indipendenti” - “Best Indipendent Think Tanks”
di redazione
Politica

Tra sovranità e “nostalgia del sovrano”. Il saggio del RI che apre la dicotomia “Sovranismo-Mondialismo”

Dalla distinzione tra sovranità e sovranismo parte Michele Prospero nel saggio pubblicato nel RI 2019 dell'Eurispes, in apertura della dicotomia Sovranismo-Mondialismo. La versione integrale.
di Redazione
Criminalità e contrasto

Schiavizzate e costrette a prostituirsi. Come funziona la tratta nigeriana

La tratta internazionale nigeriana a scopo di sfruttamento sessuale è un fenomeno che lega e attraversa molte città europee. Le donne vengono "arruolate" nei loro paesi d'origine e legate anche psicologicamente con riti voodoo.
di Marco Omizzolo
Politica

Qualipatia: le classi dirigenti sono le prime ad essere “malate”

Nel Rapporto Italia 2019, il presidente dell'Eurispes Gian Maria Fara, ha lanciato il neologismo "qualipatia". Attorno a questo concetto, ovvero al rifiuto o alla paura della qualità che sta contagiando la società, il nostro magazine ha deciso di aprire un dibattito.
di Massimiliano Cannata