Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Le attuali dimensioni della scuola italiana, e dunque anche l’occupazione degli insegnanti, sono state assicurate, negli ultimi quattro lustri almeno, dagli alunni stranieri. I figli di italiani continuano a ridursi: secondo gli ultimi dati disponibili, in un anno, di 96mila unità; mentre gli alunni con genitori di altra nazionalità sono cresciuti, ma stavolta soltanto di circa 11mila. L’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto. È quanto il Centro di ricerche Idos rivela in un suo studio. Prendendo in esame i dati dell’anno scolastico 2016-2017, e tirando le somme, si arriva a questa sentenza: gli alunni delle scuole italiane sono calati complessivamente di 85mila unità.

Quasi un alunno su dieci è straniero (in numero assoluto, sono 826mila) con un record del 15,8 per cento nelle scuole dell’Emilia Romagna. Un Paese per vecchi, il nostro, dato che ormai fra i connazionali uno ogni 4 ha più di 65 anni. Tra gli stranieri, invece, solo uno ogni 25 ha più di 65 anni, ma, se andiamo a sfogliare i dati dell’Istat, scopriamo che le donne non italiane, emigrate da noi, avevano nel 2002 un tasso di fecondità di 2,83 figli pro capite, che è sceso drasticamente nel 2016 all’1,97, e cioè appena sotto la soglia che permette alla popolazione di mantenersi intatta. Molti studi, del resto, confermano che gli immigrati tendono ad assumere nel tempo le stesse abitudini demografiche degli autoctoni. E poi c’è sicuramente il fattore crisi economica. E le italiane? Facevano pochi figli nel 2002 e altrettanto pochi nel 2016: il tasso di fecondità è rimasto quasi invariato, passando dal’1,26 all’1,21, ben al di sotto, dunque, della fatidica soglia dei 2 figli per donna in età fertile.
Ma il dato più importante che l’Idos mette in luce è la quota sempre più ampia degli alunni stranieri nati in Italia. Nel 2007 erano un terzo, adesso sono i tre quinti (503mila nel 2016) di tutti gli studenti di nazionalità non italiana presenti nelle nostre scuole. A ragione, il presidente dell’Idos, Luca Di Sciullo, lancia questo allarme: «Si tratta di identità non riconosciute dalla legge e spesso anche scisse fra due mondi culturali di riferimento, ora in conflitto con le famiglie immigrate d’origine, quando ne rifiutano il modello identitario per abbracciare quello italiano, ora in conflitto, invece, con la società italiana, quando accade il contrario». La riforma della cittadinanza per i minori è miseramente fallita, e quell’essere italiani di fatto, ma non di diritto, è un tormento che agita le loro giovani vite. Qualcuno se ne renderà conto?

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili