Caso Siri, Conte “nuovo player” della maggioranza. Viterbo, Manduria, Napoli: esplosione di violenza

133

La decisione del premier Conte sul caso Siri, attesa lunedì ma giunta nella serata di giovedì, produce 19 titoli nel corso della settimana, 5 dei quali in apertura proprio giovedì. Il Primo maggio e i numeri sull’occupazione; la cronaca “esplode” nei Tg con lo stupro di Viterbo, l’aggressione di un gruppo di bulli a Manduria e l’agguato di Napoli. L’analisi dell’Osservatorio Tg dell’Eurispes dal 29 aprile al 3 maggio.

Il destino politico del Sottosegretario leghista, Armando Siri, indagato per corruzione, al quale Conte intende revocare l’incarico, non è l’aspetto che interessa di più, perché al centro dei servizi ci sono le conseguenze della mossa del premier sugli equilibri già precari della maggioranza. Tg5 venerdì parla in copertina di una “discesa in campo” di Conte, che passa da arbitro della maggioranza a giocatore, pronto a dare battaglia ad entrambi i Vicepremier. Le testate riprendono, inoltre, le dichiarazioni contrapposte, ma non particolarmente accese, dei dioscuri della maggioranza, con Di Maio che venerdì dichiara “chiusa” la vicenda Siri ‒ potendo contare sulla maggioranza al Consiglio dei Ministri — mentre Salvini sembra, già giovedì, minimizzare, sostenendo non voler “perdere tempo” dietro a simili polemiche, anche se resta “con Siri”. Mentana osserva che la Lega è rimasta sola a difendere il Sottosegretario, rispetto alle giornate precedenti nelle quali le altre forze di destra si erano mostrate chiaramente “garantiste” nei riguardi di Siri.

Questi scambi tutt’altro che benevoli, cui si aggiunge anche il contrasto sulle province (presente giovedì in 5 titoli), si inquadrano nel clima elettorale, che dopo settimane di attenzioni sporadiche, porta le europee “a galla” in 14 titolazioni. Si tratta, per ora, di un’attenzione “forzata”, dovuta in larga parte alle coperture delle testate Mediaset (9 i riferimenti), mirate a rilanciare le dichiarazioni di Berlusconi (11 presenze nei titoli) ed a rimarcare l’impatto che un successo elettorale del centrodestra (Forza Italia in primis) “dovrà” produrre sulla crisi della maggioranza. Non a caso, l’incontro in Ungheria tra Salvini ed Orban (presente giovedì su tre titoli) non è seguito dai Tg Mediaset (brevi cenni solo su Tg5).

Il Ministro dell’Interno conquista, comunque, il tradizionale, straripante, spazio anche venerdì, sia per le contestazioni che lo hanno accolto a Modena, sia per i suoi attacchi al Tribunale di Bologna (titoli per i Tg delle 20 e Tg3), “colpevole” di aver accolto il ricorso di due richiedenti asilo contro il decreto Sicurezza.

Il primo maggio e il lavoro che “stenta”
Le celebrazioni del Primo maggio reclamano, mercoledì, le aperture di tutte le testate, con un “lascito” di attenzione, anche nelle giornate successive, ai numeri dell’occupazione e alla piaga delle morti sul lavoro, producendo alcuni approfondimenti. Ampio spazio martedì ai dati dell’Istat su crescita e occupazione, che fanno registrare lievi, inattesi aumenti (+0,2 di crescita sul primo trimestre, +0,3 sugli occupati, -0,4 sui disoccupati), lasciandoci tutti tiepidamente ottimisti. Tg La7 riprende nei titoli la protesta dei riders, segnalando che la legge che doveva garantire qualche avanzamento a questa categoria di lavoratori super sfruttati, è rimasta a livello di pura dichiarazione politica.

Venezuela: “golpe” fallito. Attenzione al voto in Spagna, mentre la Libia “brilla per assenza”
Dopo settimane di silenzio sul Venezuela, la sollevazione annunciata dal Presidente autoproclamato Guaidò, scuote l’apatia dei Tg di primetime: titoli per tutti, con aperture per i Tg Rai e Tg5. Il “tentativo di golpe”, dichiarato fallito da Maduro nelle giornate successive, suscita interesse soprattutto per Tg2 e Tg La7, che anche mercoledì vi dedica l’apertura. Giovedì si assiste ad uno shift nella narrazione, con le testate che – a fronte di una situazione che rischia di peggiorare – segnalano fin dai titoli gli interessi contrapposti di Stati Uniti e Russia, che in sostanza appaiono i decisori ultimi della sorte del paese. Buona la copertura del Tg2 di venerdì, che segue le attività dei caschi azzurri di Caracas, un’organizzazione di paramedici che assiste i feriti degli scontri e che, per la prima volta, sono stati oggetto di attacchi da parte della Guardia Nazionale di Maduro.

Un altro caso di attenzione intermittente è senz’altro la Libia, che nella settimana appena trascorsa risulta pressoché scomparsa dai titoli (1 menzione solo per Tg La7), con servizi quotidiani solo sul Tg3. La testata della terza rete Rai venerdì titola su un naufragio avvenuto nell’Egeo. Buone le coperture sul voto spagnolo (4 titoli lunedì), con i socialisti di Sanchez vittoriosi, ma in difficoltà per la costituzione di un governo.

Viterbo (doppio) e Manduria: violenze e sopraffazioni al tempo dei social. A Napoli, intanto, si continua a sparare, in barba alla “sicurezza”
In una settimana ricca di cronaca nera (ben 51 titoli), lo stupro di Viterbo, nella giornata di lunedì, raccoglie le aperture dei Tg Mediaset e Tg1. Le violenze compiute da due fascisti di CasaPound, che hanno sequestrato e violentato una 36enne in un circolo dell’organizzazione (con “coda” di pubblicazione sui social), avevano suscitano sdegno nei politici (alcuni dei quali altre volte “benevoli” con i neofascisti), e l’informazione si è impegnata per tutta la settimana a ricercare testimonianze e commenti, abbinandovi (venerdì) l’omicidio sempre a Viterbo del negoziante 74enne.

A queste violenze si aggiungono da martedì le aggressioni compiute a Manduria da un gruppo di bulli (quasi tutti minorenni) nei confronti di un 66enne affetto da disagio mentale, morto lo scorso sabato in ospedale, che si impongono nelle scalette per i filmati, anche in questo caso, rilanciati dal web. Titoli per tutti (apertura per Studio Aperto e Tg4). Tg La7 ritorna in più occasioni sulla violenza di Viterbo (con omertà da parte dei genitori e “camerati” degli stupratori) e sui bulli di Manduria ‒ per indagare su di un impressionante contesto di degrado che, nel caso di Manduria, ha visto un intero paese “guardare dall’altra parte”. Tg5 (copertina di martedì) e Tg2 (servizio di venerdì) riflettono sulla nostra società, divenuta ormai “dell’apparire” e “dell’immagine”, ma anche sempre più de-responsabilizzata, che vede genitori far finta di niente (Manduria) o attivamente coprire i delitti dei figli (Viterbo).

Gli spari nel centro di Napoli, con un pregiudicato come obiettivo e che, come “danni collaterali” hanno ferito una nonna e, gravemente, una bambina di 4 anni, s’impongono venerdì su tutte le scaletta. Apertura per Tg La7, con Mentana che vi ritorna più volte per fornire aggiornamenti. Grave il giudizio del direttore-conduttore di Tg La7, che segnala come, malgrado l’attenzione “mediatica” cresciuta negli anni passati anche grazie a prodotti come Gomorra, la situazione a Napoli non si sia per nulla stabilizzata, e questo malgrado la “sicurezza” sia al centro del dibattito politico.

Leonardo, un “europeo” ante litteram. Roma e Parigi: “amici come non mai”, ma per un solo giorno. Tg2, fan di Trump e critico di Macron
Nel 500esimo anniversario dalla morte del genio rinascimentale, l’incontro tra il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella ed il Presidente francese, Macron vede entrambi i leader scambiare messaggi conciliatori, che segnano l’archiviazione ufficiale delle tensioni tra i due paesi (6 titoli giovedì). Grazie a Leonardo, omaggiato da Sgarbi nella copertina del Tg5 di giovedì, l’Italia ritrova la pace con il cugino d’oltralpe nel nome di un’amicizia «mai stata così forte». Tg La7, un po’ deluso, segnala (titolo) già venerdì un nuovo contrasto tra i due paesi proprio sul tema delle opere di Leonardo, per un prestito di opere d’arte al Louvre annunciato dai francesi e negato dal Ministro italiano, mentre Tg2, giovedì stesso, criticava un giornalista televisivo francese per aver definito “francese” il genio di Vinci: questo succede quando ci si attacca anche a una gaffe!

Restando sul Tg2, continuano le sue attenzioni alle “malefatte” dell’amministrazione di Macron, con la testata di Gennaro Sangiuliano che ne segnala le imperizie e gli abusi, in particolare, le violenze della polizia francese, contro manifestanti e libera stampa. Tg2 prosegue, poi anche questa settimana a profondere apprezzamenti per l’economia americana (2 servizi), che può vantarsi di una crescita sorprendente, e venerdì abbina ai complimenti all’amministrazione Trump le osservazioni di Juncker, dirette ‒ una volta tanto – alle violazioni compiute dalla Germania (ben 18) rispetto al Patto di stabilità.

 

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone