Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

libro

Gli scioperi di Stradella, la “città del libro”, incrociano i temi dei diritti con quelli del mercato editoriale odierno. Circa un mese fa i lavoratori dello stabilimento di Stradella (Pavia), il principale hub in Italia per la distribuzione libraria, hanno intrapreso una serie di scioperi sindacali. La richiesta dei lavoratori riguardava garanzie su licenziamenti, temuti sia per l’imminente sblocco degli stessi post-Covid che per l’introduzione di un macchinario di nuova generazione, “Shuttle”, in grado di automatizzare una parte delle attività compiute dall’uomo. I lavoratori chiedevano inoltre maggiori diritti su malattia e buoni pasto, ritenuti insufficienti in relazione allo sforzo produttivo richiesto.

Gli scioperi sono terminati in un accordo con l’azienda, me non è la prima volta che assistiamo a uno scenario del genere. Già nel 2019 altri scioperi avevano bloccato la distribuzione libraria per riconsiderare gli accordi tra lavoratori e azienda.

Distribuzione centralizzata e mercato del libro

Fermare un hub di tale portata significa bloccare la distribuzione dei libri in tutta Italia e a tutti i livelli: editori grandi e piccoli, librerie di catena e indipendenti, libri in uscita, ristampe, o in coincidenza con importanti premi e manifestazioni (ad esempio il Premio Strega), appuntamenti che spingono i titoli in concorso favorendone diffusione, visibilità e vendite. Campagne stampa, iniziative di marketing, programmazioni commerciali andate in fumo per uno stabilimento in agitazione sindacale. Per un mercato già in perenne affanno è un duro colpo, che deve far riflettere su un dato molto importante, ovvero la realtà centralizzata e il regime di monopolio che caratterizzano la distribuzione nell’editoria libraria.

Gli hub della logistica nell’ingranaggio editoriale

Il settore della logistica è uno dei più travagliati degli ultimi tempi in quanto a diritti e negoziazioni sindacali. La pandemia ha inciso con l’espansione dell’e-commerce, l’incremento dei volumi di vendita e la pressione sui lavoratori per adempiere alle consegne. Basti pensare ai recenti fatti di cronaca, che hanno provocato la morte del sindacalista Adil Belakhdim che stava partecipando a un picchetto davanti alla Lidl di Biandrate. La vicenda risulta ancora più drammatica in quanto Belakhdim è stato investito da un altro lavoratore della logistica, forse anch’egli stritolato da orari, richieste e meccanismi disumani. L’altra faccia dell’e-commerce, una risorsa imprescindibile nel periodo di lockdown, risiede proprio nell’esercito dei lavoratori che lo sostengono. È quanto denuncia Sorry we missed you, la pellicola di Ken Loach  – Palma d’oro a Cannes nel 2020 – che racconta cosa vuol dire consegnare i pacchi per Amazon, aprendo un inquietante scenario sui lavoratori della logistica.

La bibliodiversità è a rischio col monopolio della distribuzione

L’editoria non è lontana da meccanismi di disumanizzazione del lavoro, che spesso sono imputati esclusivamente ai giganti dell’e-commerce. Ci si sorprende del fatto che il nobile settore della cultura sia assuefatto a pratiche lesive della dignità dei lavoratori, ma non potrebbe essere altrimenti. Non potrebbe, innanzitutto perché il settore della logistica coinvolge ogni attività commerciale ed economica. E perché i costi di distribuzione e promozione di un libro oggi equivalgono a più del 50% del suo prezzo di copertina, in un regime di monopolio detenuto da pochi attori in campo. Ciò crea essenzialmente due effetti: il primo è una chiusura del mercato ai piccoli editori che vengono schiacciati da meccanismi distributivi imposti da grandi distributori (che oggi coincidono con i grandi editori). Un altro effetto è che la bibliodiversità non venga favorita da una distribuzione che premia i grandi editori e relega i piccoli alla marginalità. Se un piccolo editore deve dare più del 50% del prezzo di copertina al distributore per essere sul mercato, quante copie dovrà stampare e vendere per raggiungere il punto di pareggio e ricavarne profitto?

Filiera del libro etica, diritti per i lavoratori della logistica

Il discorso di filiera etica e solidale dovrebbe coinvolgere più settori produttivi, e non solo quello agricolo o manifatturiero. La ricomposizione di un tessuto economico “a chilometro zero” dovrebbe farsi spazio anche nella filiera editoriale, e ciò andrebbe a favorire anche realtà ed economie locali, librerie di quartiere, piccoli editori con tutto il loro indotto. Molti editori, per sostenere i costi, stampano i propri libri all’estero, a costi più competitivi e a discapito delle tipografie del proprio territorio, ad esempio. Realtà distributive alternative si stanno facendo strada, ma non basta opporsi agli antagonisti dell’e-commerce: bisogna ripensare l’intera filiera del libro. Così come bisogna sostenere i lavoratori della logistica per far crescere tale settore anche sul fronte dei diritti e delle garanzie, oggi che sappiamo quanto esso rappresenti una risorsa fondamentale per ogni attività commerciale, anche una volta fuori dalla pandemia.

Leggi anche

Ultime notizie
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web