La crescita dell’e-commerce e le nuove abitudini dei consumatori

Crescita dell'e-commerce 2020 e anni precedenti: le cifre

La crescita dell’e-commerce rappresenta uno dei cambiamenti più rilevanti avvenuti negli ultimi anni nell’ambito del commercio internazionale. In questo contesto, uno dei principali effetti del Covid-19 è stato quello di accelerare drasticamente l’utilizzo dei canali elettronici per l’acquisto di beni e servizi. 

I consumatori hanno cambiato radicalmente le loro modalità di spesa, e milioni di aziende sono state costrette a investire in misura maggiore nei canali di e-commerce esistenti o ad andare online per la prima volta. Con quasi 150 milioni di persone che hanno fatto acquisti su Internet per la prima volta, il Covid-19 ha portato alla compressione di un quinquennio di crescita in un solo anno.

Ad oggi, il commercio elettronico passa attraverso piattaforme on-line dove vengono venduti beni e servizi e si distinguono principalmente tra piattaforme B2B (Business to Business) e B2C (Business to Consumer). Nel primo caso, sia il venditore sia il cliente sono entrambi operatori economici. Nel secondo caso, invece, il venditore è un operatore commerciale mentre l’acquirente è un consumatore.

Related Posts

La crescita dell’e-commerce a livello internazionale: i fattori decisivi

La rapida diffusione dell’e-commerce negli ultimi anni, e precedentemente all’avvento della pandemia, è stata favorita da tre distinti fenomeni. Il primo è legato alla rivoluzione verificatasi nel settore della logistica e dei trasporti che negli ultimi anni ha permesso alle aziende di muovere con maggior facilità, e a costi minori, quantità sempre maggiori di beni. Il secondo ha a che fare con le possibilità di accesso alla rete Internet che, soprattutto nelle economie in via di sviluppo, è stata grandemente favorita dall’avvento della telefonia mobile. Infine, il terzo aspetto, strettamente legato al lato aziendale, riguarda l’uso di nuove tecnologie digitali in grado di sostenere tanto lo sviluppo di prodotti che siano più competitivi in termini di prezzi e di qualità, quanto le strategie di marketing e i processi decisionali.

Un aspetto che è necessario tenere a mente quando si parla di vendite on-line riguarda il fatto che gran parte delle transazioni avvengono all’interno dei confini nazionali. Su 4.400 miliardi di dollari, generati a livello globale dal commercio B2C nel 2018, solamente 400 derivano da vendite transfrontaliere.

 

Il valore del commercio elettronico nelle prime 10 economie mondiali per vendite on-line

Valori in miliardi di dollari.

Anno 2018

Paese Valore totale E-commerce Valore rispetto al Pil nazionale (%) Valore vendite B2B Percentuale del commercio B2B su totale E-commerce (%) Valore vendite B2C
Stati Uniti 8640 42 7542 87 1098
Giappone 3280 66 3117 95 163
Cina 2304 17 943 41 1361
Korea del Sud 1364 84 1263 93 102
Regno Unito 918 32 652 71 266
Francia 807 29 687 85 121
Germania 722 18 620 86 101
Italia 394 19 362 92 32
Australia 348 24 326 94 21
Spagna 333 23 261 78 72
Primi 10 paesi 19,110 35 15,772 83 3,338
Mondo 25,648 30 21,258 4,390

Fonte: Elaborazione Eurispes su dati UNCTAD.

 

La crescita dell’e-commerce spiegata in numeri

Secondo le ultime stime disponibili, rilasciate dall’organismo delle Nazioni Unite per il commercio e lo sviluppo, UNCTAD, le vendite legate al commercio elettronico nel 2018 avevano raggiunto i 25.600 miliardi di dollari a livello globale, con un aumento dell’8% rispetto al 2017 ed equivalenti al 30% del Pil globale di quell’anno. Gli individui che hanno effettuato acquisti online, invece, sarebbero circa 1,45 miliardi, in aumento del 9% rispetto al 2017. Per quanto riguarda quest’ultimo dato, va evidenziato come ad oggi, meno del 65% della popolazione mondiale abbia accesso alla rete Internet e come questa circostanza sia indice dei grandi margini di crescita che il settore potrebbe ancora far registrare.

Nello specifico, le transazioni B2B che comprendono sia le vendite su piattaforme di mercato online sia le transazioni di scambio di dati elettronici, nel 2018, hanno superato i 21.000 miliardi di dollari a livello mondiale. Il valore del commercio B2C è invece stato stimato in 4.400 miliardi di dollari, in aumento del 16% rispetto al 2017.

Per quanto riguarda i diversi settori, osservando i dati forniti da Statista, relativi alle vendite B2C nel 2019, emerge il ruolo preminente del comparto “moda e abbigliamento” che, con un valore di circa 620,6 miliardi di dollari, è il segmento che genera il maggior giro d’affari on line; seguono l’elettronica con 457,5 miliardi di dollari, i giocattoli, hobby e “fai da te” con 384,2 miliardi, l’arredamento con 317,1 miliardi e, infine, i prodotti alimentari e di largo consumo con 168,9 miliardi.

 

Nel 2020 in Cina 790 milioni di persone hanno effettuato acquisti on line

I paesi in cui il commercio elettronico genera il maggior giro d’affari sono gli Usa, Giappone e Cina. Se in Giappone quasi l’intero valore deriva da scambi B2B, negli Usa e soprattutto in Cina gli scambi B2C rappresentano un importante fetta del mercato. Secondo Statista, nel 2020 all’incirca 780 milioni di persone hanno effettuato acquisti on line in Cina (erano stati 610 milioni nel 2018). Il 76% di questi ha un’età compresa tra i 18 e i 44 anni e poco più di uno su cinque ha effettuato acquisti transfrontalieri tramite piattaforme online. La Cina è, dunque, di gran lunga il più grande mercato di e-commerce del mondo. Sempre Statista ha stimato che quest’anno i consumatori cinesi spenderanno circa 1.100 miliardi di dollari on line, più del doppio degli Stati Uniti, quest’ultimi secondi con 360,0 miliardi di dollari e dell’Unione europea, terza con 351,9 miliardi di dollari.

Molti studiosi si aspettano che la tendenza a effettuare acquisti on line verrà rafforzata dalla pandemia e che alcune delle modifiche avvenute negli stili di vita delle persone a causa del Covid-19 possano divenire strutturali. Ciò sembrerebbe particolarmente vero per il settore dell’e-commerce che potrebbe consolidare definitivamente la crescita verificatasi nell’ultimo decennio, diventando un elemento strutturale degli scambi internazionali, soprattutto per quanto riguarda i beni di consumo.

Gli individui che hanno effettuato acquisti online, invece, sarebbero circa 1,45 miliardi, in aumento del 9% rispetto al 2017. Per quanto riguarda quest’ultimo dato, va evidenziato come ad oggi, meno del 65% della popolazione mondiale abbia accesso alla rete Internet e come questa circostanza sia indice dei grandi margini di crescita che il settore potrebbe ancora far registrare.

 

 

 

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze