La condizione economica delle famiglie italiane tra pessimismo e stabilità

famiglie

L’Eurispes ha sondato l’opinione dei cittadini in merito alla situazione economica generale del Paese dopo l’esplosione della pandemia da Covid-19. Otto italiani su dieci (79,5%) avvertono un peggioramento (netto 54,4% o in parte 25,1%) dell’economia nazionale negli ultimi dodici mesi. L’11,6% dei rispondenti ritiene che la situazione sia rimasta stabile, mentre solo il 3,8% indica un leggero (2,9%) o un netto (0,9%) miglioramento; il 5,1% non sa o non ha dato alcuna risposta.

La situazione economica del Paese: l’indagine dell’Eurispes

A sottolineare l’eccezionalità della crisi generata dalla pandemia è il confronto con le risposte registrate nei 5 anni precedenti, sebbene la domanda fosse posta in modo diverso non avendo naturalmente, in quegli anni, alcun riferimento al Covid-19. Negli ultimi sei anni è sempre prevalsa l’idea di una sostanziale stabilità nell’andamento della situazione economica del Paese e le opinioni sul peggioramento coinvolgevano meno della metà degli intervistati ad eccezione del 2017, ma ancora più impietoso è il confronto tra le risposte di quanti avvertivano un miglioramento che dal 2016 in poi non sono mai scese sotto il 12%, con dei picchi nel 2016 (17,3%) e nel 2018 (16,6%), mentre nel 2021 si fermano al 3,8%.

Il futuro dell’economia italiana

Rispetto al futuro dell’economia del nostro Paese prevale un sentimento di pessimismo con il 53,4% di chi si dice convinto che nei prossimi dodici mesi la situazione è destinata a peggiorare; secondo il 23,2% degli intervistati resterà stabile e poco più di uno su dieci pensa che ci sarà un miglioramento; l’11,8% non sa rispondere o non ha voluto fornire alcuna risposta.

La situazione economica personale: divisi tra stabilità e peggioramento

Interrogati, poi, sulla propria situazione personale e familiare gli italiani affermano nel 42,4% dei casi che la propria situazione negli ultimi dodici mesi è rimasta invariata e questo nonostante i giudizi negativi espressi sull’andamento dell’economia del Paese. In molti, d’altronde, hanno visto mutare in peggio la propria condizione con il 41,1% di chi indica un lieve (26,4%) o un netto (14,7%) peggioramento.

Le posizioni più critiche si riscontrano nelle regioni centrali, con un totale del 47,1% di rispondenti la cui situazione è in qualche misura peggiorata (“molto” e “lievemente”), al secondo posto troviamo il Nord-Ovest (41,3%), seguono Nord-Est e Sud (rispettivamente 40,4% e 40,3%) e chiudono con distacco le Isole, dove il peggioramento della condizione economica ha coinvolto il 32,8% dei residenti.

Quali sono state le maggiori difficoltà incontrate dalle famiglie?

Rispetto al passato sono diminuite le famiglie che devono utilizzare i risparmi per arrivare a fine mese (37,1%, il massimo si è raggiunto proprio lo scorso anno con il 47,7%) e aumentate quelle che dichiarano di arrivare senza grandi difficoltà a fine mese (44,3%, superato solo nel 2017 con il 51,7%) e di riuscire a risparmiare (27,6%): tutti segnali positivi se non ci fosse la tendenza opposta per quanto riguarda l’incremento di quelle che hanno difficoltà a pagare la rata del mutuo (38,2%) e l’affitto (47,7%, superato solo dalle risposte affermative del 2019 che erano il 50% per entrambe le situazioni). Aumentano di poco le percentuali di quanti faticano a pagare le spese mediche (24,1%; +1,8%) e le utenze domestiche (27%; +1,1%). Questi risultati fanno supporre che, sebbene la crisi abbia messo in difficoltà le famiglie nell’affrontare le spese fisse più consistenti (mutui, affitti e bollette), la chiusura di tutte le attività accessorie a causa dei decreti anti-Covid e la conseguente riduzione dei consumi (palestre, pranzi o cene fuori, attività extra-scolastiche, ecc.), hanno avuto l’effetto di contenere le spese mensili

La situazione non è però uniforme lungo tutta la Penisola. A dover utilizzare più spesso i risparmi per arrivare a fine mese sono gli italiani provenienti dalle regioni del Centro Italia (43%), seguiti dagli abitanti del Nord-Est (36,9%), delle Isole (36,4%) e del Nord-Ovest (35,9); chiude il Sud che registra la percentuale più bassa di risposte affermative (34%). Coerentemente con quanto emerso, gli italiani del Centro dichiarano meno frequentemente degli altri di non avere grandi difficoltà ad arrivare a fine mese (38,4%); invece, al Nord-Ovest più della metà dei cittadini riesce ad arrivare senza grandi difficoltà a fine mese (51,5%) e altrettanto dichiara il 48,6% dei residenti nelle Isole.

Sempre nelle Isole si riesce a risparmiare con più facilità (40%) ma, nonostante questo, sono più della media gli intervistati provenienti da Sicilia e Sardegna che rispondono di avere difficolta a pagare la rata del mutuo (40,2%; eguagliati dal Nord-Ovest), ad affrontare le spese mediche (33,6%) e a pagare le utenze (39,5%); mentre fanno più fatica a risparmiare gli intervistati del Sud (18,7%) e del Centro (22,2%).

L’affitto è un ostacolo in particolare per i rispondenti del Nord-Est (56,2%), seguiti dal Nord-Ovest e dal Centro (50% per entrambe le zone) e poi dalle Isole (45%); anche in questo caso, al Sud si osserva meno spesso questa condizione rispetto al resto del Paese (38,2%). I residenti nel Nord-Est appaiono più in difficolta rispetto a quelli del Nord-Ovest faticando di più a pagare non solo mutuo e affitto, ma anche spese mediche (25,1% contro 19,9%) e utenze (26,1% contro 19,7%).

Le strategie adottate per far fronte alle difficoltà economiche

Il 28,5% afferma di essere dovuto ricorrere al sostegno economico della famiglia di origine, ma solo il 14,8% ha chiesto aiuto ad amici, colleghi o altri parenti. Il 15,1% ha fatto richiesta di un prestito bancario e quasi il doppio ha effettuato acquisti rateizzando il pagamento (28,7%). 

Circa un decimo del campione ha messo in atto i seguenti comportamenti: chiedere soldi in prestito a privati (non amici/parenti) non potendo accedere a prestiti bancari (9,4%); tornare a vivere nella casa della famiglia d’origine o dai suoceri (10%); vendere/perdere dei beni (11,4%); ritardi nel saldo del conto presso commercianti/artigiani (11,8%). Sono di più invece gli intervistati che hanno pagato le bollette con forte ritardo (22,4%) e che sono stati in arretrato con le rate del condominio (18%). Per quanto riguarda particolari situazioni lavorative, sono molto simili tra loro le percentuali di quanti hanno accettato di lavorare senza contratto (15,4%) e hanno svolto più di un lavoro contemporaneamente (15,1%).

A ricorrere più spesso al sostegno economico della famiglia di origine sono gli abitanti del Nord-Est (34,9%), seguiti da quelli del Centro (29,2%). Un residente delle Isole su cinque ha chiesto il sostegno ad amici, colleghi e altri parenti (20%), al Nord-Est lo ha fatto il 17,3%. La richiesta di un prestito bancario ha riguardato più spesso gli isolani (25,9%), seguiti con circa dieci punti percentuali in meno dagli abitanti delle regioni centrali (16,4%).

Nel Centro Italia si registra il primato degli acquisti con rateizzazione dei pagamenti (38,4%), ma ha fatto altrettanto anche il 36,4% dei residenti nelle Isole. Per quanto riguarda la richiesta di soldi a privati in mancanza di possibilità di accesso ai prestiti bancari, sono di nuovo gli isolani quelli che vi hanno ricorso più spesso (16,4%); seguono i rispondenti del Centro Italia (12,3%). A tornare più spesso a vivere con la famiglia di origine sono stati gli abitanti delle Isole (15,5%), distanziati di poco da quelli delle regioni centrali (14,3%). Il dramma della vendita/perdita di beni durevoli o attività commerciali/imprenditoriali ha visto coinvolti soprattutto gli abitanti delle Isole e del Centro (17,7% e 17,1%).

Anche sul fronte dei pagamenti le situazioni più difficili si osservano sempre nelle Isole e nel Centro Italia: un residente su tre in queste zone è stato in forte ritardo con le bollette, il 31,4% degli isolani ha pagato in ritardo le rate condominiali e altrettanto ha fatto il 24,4% al Centro; nelle Isole sono forti anche i ritardi nei saldi dei conti presso artigiani/commercianti (26,8%), ma in questo caso il Centro Italia è superato dal Nord-Est (10,1% contro 14,6%).

Il 33,6% degli abitanti di Sicilia e Sardegna ha dovuto accettare di lavorare senza contratto e circa la metà lo ha fatto nelle regioni del Centro (16,4%), mentre è accaduto con minore frequenza ai rispondenti del Nord-Est (13,1%), del Sud (12,9%) e del Nord-Ovest (11,1%). Nelle Isole troviamo anche la fetta più ampia del campione che ha svolto più di un lavoro contemporaneamente (27,7%); seguono gli abitanti del Centro (15,9%) e del Nord-Ovest (14,2%).

A quali spese hanno rinunciato le famiglie per riuscire a contenere le uscite?  

Sul fronte dei servizi alla persona, fra chi ha figli in età scolare ha rinunciato all’istruzione privata il 41,1%; nelle situazioni familiari in cui c’era la necessità di una badante ne ha fatto a meno un italiano su tre (33,4%), mentre in poco più di un caso su cinque sono state rimandate le visite mediche specialistiche (22,4%).

Per quanto riguarda i consumi, gli italiani hanno rinunciato più spesso all’acquisto di una nuova automobile (37,3%), ma anche alle spese sulla casa (sostituzione di arredi/elettrodomestici 34,5% e riparazioni/ristrutturazioni 34,2%), meno frequente il caso in cui è stata rimandata la riparazione del proprio auto/motoveicolo (23,9%).

Leggi anche

Ultime notizie
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione
Gioia Tauro porto
Crescita

Porto di Gioia Tauro, una eccellenza italiana da promuovere

Il porto di Gioia Tauro è una eccellenza che si scontra con un territorio povero di infrastrutture e iniziative che dovrebbero invece contribuire alla creazione di una catena del valore nel territorio, generando ricadute positive sia a livello locale che nazionale.
di Antonio Testi*
Gioia Tauro porto
filosofia
Scuola

Tutti pazzi per la filosofia? La scuola si interroga sull’insegnamento negli istituti tecnici

Da Letizia Moratti all'attuale Bianchi, molti ministri dell'Istruzione si sono interrogati sul ruolo della filosofia e sul suo insegnamento nelle scuole, in particolare degli istituti tecnici. Del resto, nella riforma Gentile del 1929 essa già figurava come spartiacque e fondamento del sapere.
di Giuseppe Pulina
filosofia
Briefing

In Tunisia si gioca una partita ben più ampia

L’importanza della Tunisia La Tunisia in apparenza potrebbe sembrare un paese poco rilevante, ma è quello dove, nell’arco di un decennio, è iniziata,...
di Marco Carnelos*
legalità
Il punto a Mezzogiorno

Non può esistere legalità senza condivisione. Intervista al giudice Antonio Salvati

La legalità non può essere la risposta al timore della sanzione, bensì la condivisione di un precetto secondo Antonio Salvati, giudice del lavoro presso il Tribunale di Reggio Calabria e autore del romanzo Pentcho pubblicato da Castelvecchi editore.
di Maurizio Lovecchio
legalità